Con le pinne, il fucile ed il virus

| Le spiagge delle coste americane, complice un weekend di sole, prese d’assalto dai gitanti: dalla California alla Florida, migliaia di persone hanno ignorato il lockdown

+ Miei preferiti
Ormai è chiaro: ovunque ci sia una spiaggia, la tentazione diventa più forte della paura. In tutto il mondo, dal litorale di Palermo all’Australia, complici i primi weekend di sole primaverile, gli arenili si sono riempiti di gente in cerca di tintarella, alla faccia dei divieti, delle restrizioni e dei decreti. Centinaia di persone che hanno mandato su tutte le furie sindaci e governatori, increduli di fronte all’incoscienza dei propri concittadini.

È successo anche nella ligia California, dove le spiagge sono state letteralmente prese d’assalto in barba al lockdown imposto in tutto lo Stato, accompagnato dai soliti consigli di mantenere una distanza vitale fra le persone. Il governatore Gavin Newsom ci aveva provato, ordinando ai quasi 40 milioni di residenti di rimanere a casa a partire dal 20 marzo per aiutare a fermare la diffusione del coronavirus. Ma è stato ascoltato fino ai primi raggi di sole combinati con il weekend, quanto basta perché le mascherine lasciassero il posto alle infradito.

Il resto l’hanno fatto i social: migliaia di foto e video a testimonianza di allegre gite fra amici, tutti felici, abbronzati, sorridenti e incoscienti. La risposta di Eric Garcetti, primo cittadino di Los Angeles, non si è fatta attendere molto: vietati sport e ogni attività ricreativa in tutti i parchi della città gli angeli, sbarrati anche i parcheggi delle spiagge. “Abbiamo visto troppe persone che riempiono spiagge, sentieri e parchi - ha twittato Garcetti – la gente dovrebbe restare chiusa in casa e uscire il meno possibile, ma questo non significa riunirsi altrove: vorrei passasse il messaggio che la situazione è seria e grave. Rimanete in casa, salvatevi e salvate delle vite”.

Qualcuno ha provato la fermare la fiumana: Santa Monica ha chiuso il parcheggio sulla spiaggia sperando di dissuadere la gente, e lo stesso è successo a Malibu, dove quando ha capito che fermare i gitanti sarebbe stato ormai impossibile, il comune ha almeno ricordato a chi stava per andare in spiaggia di mantenere la distanza di sicurezza. Più a sud, Robert Garcia, sindaco di Long Beach, ha annunciato la chiusura di giardini, aree per cani, zone picnic e campi da pallavolo, tennis e basket. “Ci sono più cartelli sulle spiagge che nei tribunali, cercheremo di far rispettare maggiormente le norme, ma le nostre squadre di sicurezza pubblica sono poche e oberate di lavoro. È necessario che i cittadini si assumano le proprie responsabilità e ricordino che medici, infermieri e personale medico contano su di noi”.

Ma le spiagge californiane non sono state le sole prese d’assalto: lo stesso è avvenuto in Florida, dove centinaia di persone hanno dato vita a party a bordo di yacht ormeggiati al largo di Biscayne, Miami e Boca Raton. Il sindaco della contea di Miami-Dade, Carlos Gimenez, ha chiuso i porticcioli e le rampe di accesso ai pontili, ma il divieto ha scoraggiato poca gente alla gita in barca. “Sono deluso nel vedere foto e video di grandi gruppi di persone che si riuniscono. Siamo in stato di emergenza e non potrò mai sottolineare abbastanza la necessità di una presa di coscienza per quello che rischiamo”.

Da altre parti d’America, la corsa al lockdown tocca ormai tutti i parchi nazionali, da costa a costa, chiusi dalle autorità locali nel tentativo di arginare la diffusione del coronavirus, e soprattutto di scoraggiare i gitanti.

Galleria fotografica
Con le pinne, il fucile ed il virus - immagine 1
Con le pinne, il fucile ed il virus - immagine 2
Con le pinne, il fucile ed il virus - immagine 3
CORONAVIRUS
Chi sta iniziando a riaprire
Chi sta iniziando a riaprire
Il Texas e il Mississippi annunciano il ritorno al 100% delle attività senza più l’obbligo della mascherina. Israele riapre i locali pubblici, ma solo a chi è stato vaccinato
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Una serie di passi falsi, di decisioni sbagliate prese in vista delle elezioni, di riluttanza e lentezza, hanno trascinato il Paese europeo in una situazione di enorme gravità
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Malgrado l’avvicinarsi delle Olimpiadi, finora sarebbero state inoculate solo 18mila dosi. Il problema risale a due casi di diversi anni fa, che da allora hanno minato la fiducia dei giapponesi nei vaccini
Israele allenta le restrizioni
Israele allenta le restrizioni
Dopo ulteriori analisi hanno accertato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% contro le forme più gravi del virus, Israele inizia ad assaporare un graduale ma confortante ritorno alla normalità
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
Chi arriva dai Paesi inseriti nella “red list” sarà obbligato a due settimane di soggiorno in albergo, con 2 tamponi e controlli ferrei, spendendo di tasca propria 2.000 euro circa
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
È il primo, fondamentale risultato della missione scientifica a Wuhan: i casi non erano concentrati in focolai, ma sparsi in tutta la regione. Attesa per una seconda missione, che vorrebbe avere accesso a 200mila campioni di sangue
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
È il più economico e facile da trasportare, quello su cui l’OMS puntava per distribuirlo in modo massiccio ai paesi poveri. Ma uno studio sembra confermare la scarsa copertura contro le nuove varianti del virus
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Il virus si era annidato nei due ascensori di un condominio di Bilbao: 5 morti e 33 persone contagiate
La carica dei vaccini
La carica dei vaccini
Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Il Paese ha riaperto al turismo attirando migliaia di europei, ma i casi di Covid sono in aumento. Eppure, le autorità non hanno intenzione di chiudere, cercando di raggiungere un difficile compromesso