Dipendente di Disneyland positivo al tampone

| Ma la direzione del parco ha annunciato che ha alcuna intenzione di chiudere: “Si tratta di un operaio addetto alla manutenzione che non ha contatti con gli ospiti”. Ma tre suoi colleghi sarebbero già in quarantena

+ Miei preferiti
È polemica in Francia per la decisione di “Disneyland”, il parco a tema alle porte di Parigi, di restare aperto malgrado un dipendente sia risultato positivo al coronavirus.

Secondo la direzione del parco, che ogni anno attira 15 milioni di persone, si tratterebbe di un addetto alla manutenzione che non è stato in contatto con gli ospiti: i suoi colleghi sono sotto osservazione e secondo “Le Parisien”, finora tre persone sono state messe in quarantena dopo essere entrate in contatto con il dipendente di Disneyland. Il parco ha anche annunciato l’installazione di colonnine per il gel disinfettante fornito gratuitamente ai visitatori, con l’invito di mantenere le distanze durante le code per le varie attrazioni. 

Le Parisien ricorda ancora che l’omonimo parco di Tokyo è stato chiuso il 25 gennaio scorso per i timori di contagio, e solo a breve sarà riaperto parzialmente. Walt Disney World in Florida ha annunciato di aver implementato le “misure preventive” che includono un facile accesso ai disinfettanti per le mani e procedure di disinfezione programmate più volte al giorno.

“Siamo ancora nella seconda fase, il che significa che la priorità è fare di tutto per rallentare la diffusione del virus sul territorio nazionale”, ha commentato il ministro della salute Veran. Attualmente, in Francia si sono 1.200 casi confermati e 19 morti: è più grande focolaio europeo dopo l’Italia.

CORONAVIRUS
Wuhan, il team dell’OMS al lavoro
Wuhan, il team dell’OMS al lavoro
La squadra di scienziati ha concluso la quarantena obbligatoria. Ma restano fortissimi dubbi su quanto riusciranno a scoprire: la città è stata più volte ripulita da cima a fondo e non è chiaro quanto Pechino sia disposta a collaborare
Wuhan, ad un anno dal lockdown
Wuhan, ad un anno dal lockdown
La città è tornata alla sua vita normale, ma profonde cicatrici restano fra chi ha perso una persona cara. Tutti accusano il governo di aver agito tardi e male: “È una ottenuta sacrificando il popolo”
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia