Dipendente di Disneyland positivo al tampone

| Ma la direzione del parco ha annunciato che ha alcuna intenzione di chiudere: “Si tratta di un operaio addetto alla manutenzione che non ha contatti con gli ospiti”. Ma tre suoi colleghi sarebbero già in quarantena

+ Miei preferiti
È polemica in Francia per la decisione di “Disneyland”, il parco a tema alle porte di Parigi, di restare aperto malgrado un dipendente sia risultato positivo al coronavirus.

Secondo la direzione del parco, che ogni anno attira 15 milioni di persone, si tratterebbe di un addetto alla manutenzione che non è stato in contatto con gli ospiti: i suoi colleghi sono sotto osservazione e secondo “Le Parisien”, finora tre persone sono state messe in quarantena dopo essere entrate in contatto con il dipendente di Disneyland. Il parco ha anche annunciato l’installazione di colonnine per il gel disinfettante fornito gratuitamente ai visitatori, con l’invito di mantenere le distanze durante le code per le varie attrazioni. 

Le Parisien ricorda ancora che l’omonimo parco di Tokyo è stato chiuso il 25 gennaio scorso per i timori di contagio, e solo a breve sarà riaperto parzialmente. Walt Disney World in Florida ha annunciato di aver implementato le “misure preventive” che includono un facile accesso ai disinfettanti per le mani e procedure di disinfezione programmate più volte al giorno.

“Siamo ancora nella seconda fase, il che significa che la priorità è fare di tutto per rallentare la diffusione del virus sul territorio nazionale”, ha commentato il ministro della salute Veran. Attualmente, in Francia si sono 1.200 casi confermati e 19 morti: è più grande focolaio europeo dopo l’Italia.

CORONAVIRUS
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano