Donald Trump, modalità allarme rosso

| Se prima minimizzava l’epidemia, ora il presidente americano dimostra di temere le conseguenze che potrà avere sul Paese, ma soprattutto sulle sua rielezione

+ Miei preferiti
Donald Trump è entrato in modalità emergenza. Il Presidente ha offerto agli americani un’immagine in cui raramente i suoi concittadini l’hanno visto, in quella che probabilmente resterà come la più cupa conferenza stampa del suo mandato.

Un Trump del tutto inedito ha dispensato informazioni irreprensibili basate finalmente su fatti oggettivi e ha chiesto l’unità nazionale con il tentativo di forgiarne una nuova nelle coscienze degli americani. Ma soprattutto ha abbandonato la sua abituale abitudine di ipotizzare il miglior risultato possibile condita da improbabili superlativi, svelando invece la gravità di una situazione che si sta rapidamente aggravando.

“È un male oscuro”, ha ammesso, rivelando un piano d’azione di 15 giorni per tentare di appiattire la curva dei contagi e alleviare la temuta ondata di pazienti che potrebbe travolgere il sistema sanitario americano come mai prima d’ora. “Ognuno di noi ha un ruolo critico da svolgere per fermare la diffusione e la trasmissione del virus”, ha detto richiamando la determinazione nazionale mentre si immergeva pubblicamente in una crisi che forse farà da spartiacque alle sue speranze di rielezione.

Il perno della serietà del Presidente è in netto contrasto con alcuni dei suoi precedenti commenti sulla pandemia, paragonata ad una banale influenza destinata a sparire nel giro di dopo. Per molti versi, la performance di Trump è stata il momento più convenzionale della presidenza: si è presentato come il leader di una nazione in crisi, invitando i suoi cittadini a unirsi in un’azione collettiva che potrebbe mettere a nudo le profonde divisioni politiche nazionali.

Ci vorrà più di una conferenza stampa seria per invertire la tendenza della pandemia, e nei prossimi giorni Trump dovrà dimostrare di saper guidare il Paese in modo più che adeguato, dirigendo il complicato meccanismo del governo federale. Trump ha esortato gli americani ad evitare i viaggi e gli incontri con più di 10 persone, ha invitato tutti a rimanere a casa, compresi coloro che si trovano in condizioni di salute precarie. “Se tutti faranno questi sacrifici critici ora, presto ci riuniremo come un’unica nazione, sconfiggeremo il virus e faremo una grande festa”.

Il temperamento inclusivo del Presidente è stato il corollario di una giornata in cui la crisi del coronavirus è diventata più scura di ora in ora. Ad un giorno di distanza dal brusco taglio dei tassi d’interesse della Federal Reserve, il Dow Jones ha fatto registrare il peggior risultato degli ultimi 30 anni.

E l’improvvisa decisione di Trump di prendere sul serio il coronavirus lo mette al passo con i governatori e i sindaci che da giorni si lamentavano della lentezza delle autorità federali, che non hanno fornito kit di test e tantomeno preparato gli ospedali. “Questo è un problema nazionale e abbiamo bisogno di una leadership federale”, ha tuonato il governatore di New York Andrew Cuomo.

Il nuovo atteggiamento di Trump potrebbe anche permettere uno spostamento da parte di alcune figure mediatiche che come lui hanno minimizzato la gravità del coronavirus in un modo dannoso per la salute pubblica. Secondo un sondaggio del NBC/Wall Street Journal, mentre sette democratici su dieci erano preoccupati per il virus, solo il 40% dei repubblicani condivide la stessa preoccupazione.

Trump sembra spesso operare in un orizzonte temporale molto limitato, per questo è sembrato strano che abbia citato luglio o agosto come possibili date per la fine della pandemia, un orizzonte temporale più lungo e più preciso di quanto la maggior parte degli esperti abbia fatto.

In tutta la nazione, le autorità locali hanno ordinato la chiusura di bar, ristoranti e palestre, chiedendo ai giovani, alle persone vulnerabili, malate e anziane di rimanere a casa per evitare di diffondere il virus. “Sembriamo più che mai l’Italia - ha commentato il dottor Peter Hotez, specialista in vaccinazioni della Baylor Universit – e sono molto preoccupato”.

CORONAVIRUS
A Madrid si rischiano migliaia di morti
A Madrid si rischiano migliaia di morti
Braccio di ferro fra il governo centrale e le autorità cittadine sull’entità del lockdown, al momento imposto ad alcune zone. Situazione in rapido peggioramento anche nel resto d’Europa
«Si rischiano altri due milioni di morti»
«Si rischiano altri due milioni di morti»
L’allarme dell’OMS mentre le cifre globali superano i 32 milioni di casi e raggiungono un milione di decessi. Gli scienziati mettono in dubbio l’efficacia della prima generazione del vaccino
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente