Donald Trump, modalità allarme rosso

| Se prima minimizzava l’epidemia, ora il presidente americano dimostra di temere le conseguenze che potrà avere sul Paese, ma soprattutto sulle sua rielezione

+ Miei preferiti
Donald Trump è entrato in modalità emergenza. Il Presidente ha offerto agli americani un’immagine in cui raramente i suoi concittadini l’hanno visto, in quella che probabilmente resterà come la più cupa conferenza stampa del suo mandato.

Un Trump del tutto inedito ha dispensato informazioni irreprensibili basate finalmente su fatti oggettivi e ha chiesto l’unità nazionale con il tentativo di forgiarne una nuova nelle coscienze degli americani. Ma soprattutto ha abbandonato la sua abituale abitudine di ipotizzare il miglior risultato possibile condita da improbabili superlativi, svelando invece la gravità di una situazione che si sta rapidamente aggravando.

“È un male oscuro”, ha ammesso, rivelando un piano d’azione di 15 giorni per tentare di appiattire la curva dei contagi e alleviare la temuta ondata di pazienti che potrebbe travolgere il sistema sanitario americano come mai prima d’ora. “Ognuno di noi ha un ruolo critico da svolgere per fermare la diffusione e la trasmissione del virus”, ha detto richiamando la determinazione nazionale mentre si immergeva pubblicamente in una crisi che forse farà da spartiacque alle sue speranze di rielezione.

Il perno della serietà del Presidente è in netto contrasto con alcuni dei suoi precedenti commenti sulla pandemia, paragonata ad una banale influenza destinata a sparire nel giro di dopo. Per molti versi, la performance di Trump è stata il momento più convenzionale della presidenza: si è presentato come il leader di una nazione in crisi, invitando i suoi cittadini a unirsi in un’azione collettiva che potrebbe mettere a nudo le profonde divisioni politiche nazionali.

Ci vorrà più di una conferenza stampa seria per invertire la tendenza della pandemia, e nei prossimi giorni Trump dovrà dimostrare di saper guidare il Paese in modo più che adeguato, dirigendo il complicato meccanismo del governo federale. Trump ha esortato gli americani ad evitare i viaggi e gli incontri con più di 10 persone, ha invitato tutti a rimanere a casa, compresi coloro che si trovano in condizioni di salute precarie. “Se tutti faranno questi sacrifici critici ora, presto ci riuniremo come un’unica nazione, sconfiggeremo il virus e faremo una grande festa”.

Il temperamento inclusivo del Presidente è stato il corollario di una giornata in cui la crisi del coronavirus è diventata più scura di ora in ora. Ad un giorno di distanza dal brusco taglio dei tassi d’interesse della Federal Reserve, il Dow Jones ha fatto registrare il peggior risultato degli ultimi 30 anni.

E l’improvvisa decisione di Trump di prendere sul serio il coronavirus lo mette al passo con i governatori e i sindaci che da giorni si lamentavano della lentezza delle autorità federali, che non hanno fornito kit di test e tantomeno preparato gli ospedali. “Questo è un problema nazionale e abbiamo bisogno di una leadership federale”, ha tuonato il governatore di New York Andrew Cuomo.

Il nuovo atteggiamento di Trump potrebbe anche permettere uno spostamento da parte di alcune figure mediatiche che come lui hanno minimizzato la gravità del coronavirus in un modo dannoso per la salute pubblica. Secondo un sondaggio del NBC/Wall Street Journal, mentre sette democratici su dieci erano preoccupati per il virus, solo il 40% dei repubblicani condivide la stessa preoccupazione.

Trump sembra spesso operare in un orizzonte temporale molto limitato, per questo è sembrato strano che abbia citato luglio o agosto come possibili date per la fine della pandemia, un orizzonte temporale più lungo e più preciso di quanto la maggior parte degli esperti abbia fatto.

In tutta la nazione, le autorità locali hanno ordinato la chiusura di bar, ristoranti e palestre, chiedendo ai giovani, alle persone vulnerabili, malate e anziane di rimanere a casa per evitare di diffondere il virus. “Sembriamo più che mai l’Italia - ha commentato il dottor Peter Hotez, specialista in vaccinazioni della Baylor Universit – e sono molto preoccupato”.

CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo