Donald Trump, modalità allarme rosso

| Se prima minimizzava l’epidemia, ora il presidente americano dimostra di temere le conseguenze che potrà avere sul Paese, ma soprattutto sulle sua rielezione

+ Miei preferiti
Donald Trump è entrato in modalità emergenza. Il Presidente ha offerto agli americani un’immagine in cui raramente i suoi concittadini l’hanno visto, in quella che probabilmente resterà come la più cupa conferenza stampa del suo mandato.

Un Trump del tutto inedito ha dispensato informazioni irreprensibili basate finalmente su fatti oggettivi e ha chiesto l’unità nazionale con il tentativo di forgiarne una nuova nelle coscienze degli americani. Ma soprattutto ha abbandonato la sua abituale abitudine di ipotizzare il miglior risultato possibile condita da improbabili superlativi, svelando invece la gravità di una situazione che si sta rapidamente aggravando.

“È un male oscuro”, ha ammesso, rivelando un piano d’azione di 15 giorni per tentare di appiattire la curva dei contagi e alleviare la temuta ondata di pazienti che potrebbe travolgere il sistema sanitario americano come mai prima d’ora. “Ognuno di noi ha un ruolo critico da svolgere per fermare la diffusione e la trasmissione del virus”, ha detto richiamando la determinazione nazionale mentre si immergeva pubblicamente in una crisi che forse farà da spartiacque alle sue speranze di rielezione.

Il perno della serietà del Presidente è in netto contrasto con alcuni dei suoi precedenti commenti sulla pandemia, paragonata ad una banale influenza destinata a sparire nel giro di dopo. Per molti versi, la performance di Trump è stata il momento più convenzionale della presidenza: si è presentato come il leader di una nazione in crisi, invitando i suoi cittadini a unirsi in un’azione collettiva che potrebbe mettere a nudo le profonde divisioni politiche nazionali.

Ci vorrà più di una conferenza stampa seria per invertire la tendenza della pandemia, e nei prossimi giorni Trump dovrà dimostrare di saper guidare il Paese in modo più che adeguato, dirigendo il complicato meccanismo del governo federale. Trump ha esortato gli americani ad evitare i viaggi e gli incontri con più di 10 persone, ha invitato tutti a rimanere a casa, compresi coloro che si trovano in condizioni di salute precarie. “Se tutti faranno questi sacrifici critici ora, presto ci riuniremo come un’unica nazione, sconfiggeremo il virus e faremo una grande festa”.

Il temperamento inclusivo del Presidente è stato il corollario di una giornata in cui la crisi del coronavirus è diventata più scura di ora in ora. Ad un giorno di distanza dal brusco taglio dei tassi d’interesse della Federal Reserve, il Dow Jones ha fatto registrare il peggior risultato degli ultimi 30 anni.

E l’improvvisa decisione di Trump di prendere sul serio il coronavirus lo mette al passo con i governatori e i sindaci che da giorni si lamentavano della lentezza delle autorità federali, che non hanno fornito kit di test e tantomeno preparato gli ospedali. “Questo è un problema nazionale e abbiamo bisogno di una leadership federale”, ha tuonato il governatore di New York Andrew Cuomo.

Il nuovo atteggiamento di Trump potrebbe anche permettere uno spostamento da parte di alcune figure mediatiche che come lui hanno minimizzato la gravità del coronavirus in un modo dannoso per la salute pubblica. Secondo un sondaggio del NBC/Wall Street Journal, mentre sette democratici su dieci erano preoccupati per il virus, solo il 40% dei repubblicani condivide la stessa preoccupazione.

Trump sembra spesso operare in un orizzonte temporale molto limitato, per questo è sembrato strano che abbia citato luglio o agosto come possibili date per la fine della pandemia, un orizzonte temporale più lungo e più preciso di quanto la maggior parte degli esperti abbia fatto.

In tutta la nazione, le autorità locali hanno ordinato la chiusura di bar, ristoranti e palestre, chiedendo ai giovani, alle persone vulnerabili, malate e anziane di rimanere a casa per evitare di diffondere il virus. “Sembriamo più che mai l’Italia - ha commentato il dottor Peter Hotez, specialista in vaccinazioni della Baylor Universit – e sono molto preoccupato”.

CORONAVIRUS
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano