Donald Trump, modalità allarme rosso

| Se prima minimizzava l’epidemia, ora il presidente americano dimostra di temere le conseguenze che potrà avere sul Paese, ma soprattutto sulle sua rielezione

+ Miei preferiti
Donald Trump è entrato in modalità emergenza. Il Presidente ha offerto agli americani un’immagine in cui raramente i suoi concittadini l’hanno visto, in quella che probabilmente resterà come la più cupa conferenza stampa del suo mandato.

Un Trump del tutto inedito ha dispensato informazioni irreprensibili basate finalmente su fatti oggettivi e ha chiesto l’unità nazionale con il tentativo di forgiarne una nuova nelle coscienze degli americani. Ma soprattutto ha abbandonato la sua abituale abitudine di ipotizzare il miglior risultato possibile condita da improbabili superlativi, svelando invece la gravità di una situazione che si sta rapidamente aggravando.

“È un male oscuro”, ha ammesso, rivelando un piano d’azione di 15 giorni per tentare di appiattire la curva dei contagi e alleviare la temuta ondata di pazienti che potrebbe travolgere il sistema sanitario americano come mai prima d’ora. “Ognuno di noi ha un ruolo critico da svolgere per fermare la diffusione e la trasmissione del virus”, ha detto richiamando la determinazione nazionale mentre si immergeva pubblicamente in una crisi che forse farà da spartiacque alle sue speranze di rielezione.

Il perno della serietà del Presidente è in netto contrasto con alcuni dei suoi precedenti commenti sulla pandemia, paragonata ad una banale influenza destinata a sparire nel giro di dopo. Per molti versi, la performance di Trump è stata il momento più convenzionale della presidenza: si è presentato come il leader di una nazione in crisi, invitando i suoi cittadini a unirsi in un’azione collettiva che potrebbe mettere a nudo le profonde divisioni politiche nazionali.

Ci vorrà più di una conferenza stampa seria per invertire la tendenza della pandemia, e nei prossimi giorni Trump dovrà dimostrare di saper guidare il Paese in modo più che adeguato, dirigendo il complicato meccanismo del governo federale. Trump ha esortato gli americani ad evitare i viaggi e gli incontri con più di 10 persone, ha invitato tutti a rimanere a casa, compresi coloro che si trovano in condizioni di salute precarie. “Se tutti faranno questi sacrifici critici ora, presto ci riuniremo come un’unica nazione, sconfiggeremo il virus e faremo una grande festa”.

Il temperamento inclusivo del Presidente è stato il corollario di una giornata in cui la crisi del coronavirus è diventata più scura di ora in ora. Ad un giorno di distanza dal brusco taglio dei tassi d’interesse della Federal Reserve, il Dow Jones ha fatto registrare il peggior risultato degli ultimi 30 anni.

E l’improvvisa decisione di Trump di prendere sul serio il coronavirus lo mette al passo con i governatori e i sindaci che da giorni si lamentavano della lentezza delle autorità federali, che non hanno fornito kit di test e tantomeno preparato gli ospedali. “Questo è un problema nazionale e abbiamo bisogno di una leadership federale”, ha tuonato il governatore di New York Andrew Cuomo.

Il nuovo atteggiamento di Trump potrebbe anche permettere uno spostamento da parte di alcune figure mediatiche che come lui hanno minimizzato la gravità del coronavirus in un modo dannoso per la salute pubblica. Secondo un sondaggio del NBC/Wall Street Journal, mentre sette democratici su dieci erano preoccupati per il virus, solo il 40% dei repubblicani condivide la stessa preoccupazione.

Trump sembra spesso operare in un orizzonte temporale molto limitato, per questo è sembrato strano che abbia citato luglio o agosto come possibili date per la fine della pandemia, un orizzonte temporale più lungo e più preciso di quanto la maggior parte degli esperti abbia fatto.

In tutta la nazione, le autorità locali hanno ordinato la chiusura di bar, ristoranti e palestre, chiedendo ai giovani, alle persone vulnerabili, malate e anziane di rimanere a casa per evitare di diffondere il virus. “Sembriamo più che mai l’Italia - ha commentato il dottor Peter Hotez, specialista in vaccinazioni della Baylor Universit – e sono molto preoccupato”.

CORONAVIRUS
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”
Chi sta iniziando a riaprire
Chi sta iniziando a riaprire
Il Texas e il Mississippi annunciano il ritorno al 100% delle attività senza più l’obbligo della mascherina. Israele riapre i locali pubblici, ma solo a chi è stato vaccinato