Financial Times: le vittime sono il 60% in più

| Il quotidiano britannico ha messo confronto i dati dei decessi degli ultimi cinque anni con quelli fra marzo e aprile. E la stima è di un 60% in più

+ Miei preferiti
Più che un sospetto, le cifre riportate dal “Financial Times” sono quasi una certezza. Secondo l’autorevole quotidiano economico inglese, il numero ufficiale delle vittime della pandemia in Europa sarebbe una stima da rivedere, aumentandola almeno del 60%. L’analisi è stata effettuata confrontando il bilancio delle vittime fra marzo e aprile di otto paesi - Austria, Belgio, Danimarca, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Svezia e Svizzera - con il tasso di mortalità dei cinque anni precedenti.

Traducendo le percentuali in cifre, significa che i morti reali nei due mesi presi in esame sarebbero 122mila, e non 77mila come recitano i bilanci ufficiali. I dati variano, passando dal 60% in più del Belgio al 5% della Danimarca, con la Spagna a +51, i Paesi Bassi a +41 e la Francia al +34%. A guidare le cifre italiane è la Lombardia, dove i dati disponibili di 1.700 comuni dimostrerebbero 13mila morti, molti di più dei 4.348 attuali. A Bergamo, in particolare, l’aumento percentuale è del 464, il più alto al mondo, seguono a ruota New York e Madrid, la prima con un +200% e la seconda al +161%. Applicando lo stesso principio al mondo intero, i decessi di Covid-19 passerebbero da 205 a 318mila.

E se nel conteggio va tenuto conto che non tutti i decessi sono attribuibili al coronavirus, è altrettanto vero che le limitazioni imposte alla popolazione hanno drasticamente diminuito le morti per incidenti stradali o gli infortuni sul lavoro. A farne maggiormente le spese, e anche questo non è più un segreto, le case di riposo per anziani, dove continua a generarsi confusione fra ospiti che ufficialmente sono residenti in altri comuni, e soprattutto dove molti dei decessi non sono classificati come causa della pandemia per mancanza di esami post-mortem.

CORONAVIRUS
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
Downing Street ha studiato un piano di contenimento graduale diviso in tre diversi livelli di allerta. Quello massimo è praticamente un lockdown quasi totale
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
I 9 milioni di abitanti di Qingdao testati dopo l’individuazione di un focolaio collegato al reparto Covid di un ospedale
I vaccini della seconda fase saranno spray?
I vaccini della seconda fase saranno spray?
Non sono solo più pratici e indolori, secondo alcuni studi potrebbero anche essere molto più efficaci. Attualmente sono in fase di studio in diversi centri come terapia secondaria alla prima tornata di vaccinazioni
Il virus si riprende il mondo
Il virus si riprende il mondo
La freddezza dei numeri non lascia molte speranze: i contagi crescono ovunque, e non c’è Paese che non abbia pronti pacchetti di misure restrittive per arginare il virus. Le situazioni peggiori negli Stati Uniti e in India