GB: 66mila vittime entro agosto

| Un nuovo modello statistico previsionale realizzato in America indica come probabile per il Regno Unito un numero di decessi molto più alto di quello stimato dagli scienziati anglosassoni

+ Miei preferiti
Gli scienziati britannici non sono per nulla d’accordo con le conclusioni di una previsione aggiornata della pandemia che prevede il Regno Unito al primo posto fra i paesi europei compiti più duramente dal coronavirus, con picchi molto più alti di quelli previsti.

La previsione è frutto di uno studio dell’Institute for Health Metrics and Evaluation della “University of Washington’s School of Medicine” di Seattle, che ha previsto 66.314 vittime nel Regno Unito entro i primi di agosto. Numeri ben diversi da quelli previsti da uno studio dell’Imperial College di Londra, secondo cui le misure di isolamento e di distanziamento sociale potrebbero limitare il numero di decessi tra le 20 e le 30.000 unità. Cifre che non hanno convinto diversi scienziati di alto profilo del Regno Unito.

Secondo la professoressa Sylvia Richardson, dell’Università di Cambridge e co-presidente della Task Force della Royal Statistical Society Task Force, le proiezioni si basano su “ipotesi molto forti sul modo in cui l’epidemia progredirà. Il modello si basa per lo più sull’esperienza di altri paesi per individuare la curva dei decessi riportati finora nel Regno Unito, piuttosto che su una qualsiasi modellazione dell’epidemia stessa. Metodi come questo sono ben noti per essere estremamente sensibili e probabilmente cambieranno radicalmente con l’arrivo di nuove informazioni”.

Come la maggior parte degli altri paesi, il Regno Unito è in affanno per aumentare la propria capacità sanitaria in vista del previsto picco dei contagi: un nuovo ospedale da campo nella zona est di Londra, con una capacità fino a 5.000 posti letto, mercoledì ha iniziato ad accogliere i primi pazienti. Ma sempre secondo il modello IHME, questo potrebbe non essere sufficiente: la carenza di letti in terapia intensiva raggiungerà il picco il 17 aprile, con la necessità di 23.745 posti letto. Nel complesso, la domanda dovrebbe arrivare ad un totale di 102.794 letti d’ospedale, da confrontare con i 17.765 attualmente disponibili.

 

Ma ci sono anche altre polemiche: che i dati dei decessi non rappresentino il numero dei casi reali. Il professor David Spiegelhalter, che presiede il “Winton Centre for Risk and Evidence Communication” dell’Università di Cambridge, ha dichiarato di essere “molto scettico” sulle proiezioni: “Si basano sull'ipotesi di un modello matematico piuttosto semplice, e ho il sospetto che cambieranno molto con l’arrivo dei nuovi dati”.

“I risultati di qualsiasi modello non dovrebbero essere trattati come una previsione di ciò che accadrà - ha aggiunto il dottor Simon Gubbins, capo del Transmission Biology Group del Pirbright Institute inglese - piuttosto rappresentano scenari plausibili, basati sulla conoscenza al momento in cui sono stati generati e su ipotesi statistiche, e possono essere usati per aiutare nelle decisioni i politici”.

Gli autori delle previsioni dell’IHME ammettono che il loro modello è incerto, dando la gamma dei possibili decessi nel Regno Unito tra 55.022 e 79.995. I ricercatori hanno basato le loro scoperte sui tassi di mortalità e di utilizzo degli ospedali a Wuhan, la città cinese epicentro dell’epidemia, nonché sui dati di sette località europee che hanno raggiunto il picco, tra cui Madrid e Bergamo.

CORONAVIRUS
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Le comunità che vivono nelle più remote regioni della foresta amazzonica minacciate dalla pandemia: mentre il numero di morti e di infezioni continua a salire, nessuno se ne occupa
Estate 2020, il caos in spiaggia
Estate 2020, il caos in spiaggia
Qualcuno continua a vietarle, altri provano ad aprirle e tornano a impedirne l’accesso, altre ancora propongono soluzioni nel tentativo disperato di salvare la stagione e accontentare i turisti. Ma non sarà facile
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Gli abitanti di minuscoli e affascinanti borghi della Scozia continuano a bloccare le strade di accesso invitando i turisti a tornare a casa propria
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
La società americana Moderna annuncia che la prima fase di test sull’uomo di un vaccino allo studio sta dando risultati molto confortanti. A luglio parte una seconda fase pe stabilire sicurezza ed efficacia
Il mondo vuole un’inchiesta
Il mondo vuole un’inchiesta
Sono ormai più di 100, compresi alleati storici come la Russia, i Paesi pronti a chiedere una ricerca indipendente che faccia piena luce sulla pandemia: dalle origini alla diffusione, dai silenzi agli insabbiamenti. E Pechino trema
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Zhong Nanshan, massimo esperto cinese, è convinto che la mancanza di immunità sulla popolazione avrà serie conseguenze. E ammette anche le bugie raccontate nelle fasi iniziali
Londra «virus-free» entro giugno
Londra «virus-free» entro giugno
Da giorni sono scesi a 24 i nuovi casi che ogni giorno si registrano nella capitale: numeri che potrebbero azzerarsi entro poche settimane. Ma non il tutto il Paese è così
Una forma diversa di Covid-19 colpisce i bambini
Una forma diversa di Covid-19 colpisce i bambini
È stata individuata negli Stati Uniti e appare come una sindrome post-virale, una risposta dell’organismo all’attacco del virus. Per ora i casi sono circoscritti, ma si teme possano aumentare
Fauci: «Riaprire l’America significa morte e sofferenze»
Fauci: «Riaprire l’America significa morte e sofferenze»
Il virologo della task force della Casa Bianca sarà sentito in audizione al Senato, dove ha intenzione di bacchettare il suo Paese: “riaprire senza cautele è gravissimo”