GB: respiratori solo a chi può farcela

| Lontani dal picco, gli ospedali inglesi rivelano che le attrezzature non bastano più a contenere l’aumento esponenziale di nuovi casi

+ Miei preferiti
Il Regno Unito è sotto shock, scoprendo che malgrado il picco della pandemia sia ancora molto lontano e per le autorità “non siamo che all’inizio”, gli ospedali sono già al collasso e ovunque è iniziato il penoso rito del “razionamento” dei ventilatori polmonari. A Londra, denuncia il “Daily Telegraph” riportando indiscrezioni dell’Imperial College Healthcare NHS, solo i pazienti con “ragionevole certezza” di sopravvivenza vengono attaccati alle macchine. “I pazienti affetti da coronavirus hanno spesso bisogno del supporto di un ventilatore polmonare per periodi prolungati, ma siamo costretti ad essere ragionevolmente certi che la persona guarirà: ritardare la morte dir due o tre settimane non è la cosa giusta per loro e per la società. Man mano che apprendiamo di più sulla malattia, siamo diventati molto più attenti ai pazienti da prendere in considerazione: è drammatico, e in tempi normali daremmo a tutti il beneficio del dubbio. Ma tutto è cambiato”.

“Solo quando l’epidemia avrà raggiunto il suo apice – ammette Eleanor Riley, specialista di immunologia e malattie infettive presso l’Università di Edimburgo - avremo una riduzione di nuovi casi e di conseguenza di decessi, allora sapremo che stanno iniziando a superare la pandemia”.

Nel giro di poche ore, in tutto il Paese si è passati da 209 a 19.522 casi confermati, con 19.522 decessi, il numero più alto che la Gran Bretagna abbia visto finora. Cifre che arrivano dopo la nefasta previsione di 1,6 milioni di contagi in tutto il Regno Unito. Con test e tamponi non ancora disponibili in tutto il Paese, forniti solo a chi è ricoverato in ospedale e al personale del NHS, potrebbero esserci decine di migliaia di persone che hanno il coronavirus senza saperlo.

Secondo il professor Neil Ferguson, principale consulente epidemiologico del governo, i cittadini britannici dovranno rimanere nelle loro case per quasi tre mesi e continuare l’isolamento sociale fino a ottobre. 

Il ministro degli esteri Dominic Raab è stato indicato dal 10 di Downing Street alla guida del Paese se le condizioni di Boris Johnson si aggravassero, e in base ad un sondaggio, il 63% degli anglosassoni pensa che le regole di distanziamento sociale siano state introdotte troppo tardi: l’83% ritiene che medici e infermieri dovrebbero avere la priorità di test e tamponi, ma solo il 19% pensa che lo stesso diritto spetti ai politici, e solo il 15% concede lo stesso privilegio alla Royal Family.

CORONAVIRUS
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
Il virus torna a far paura
Il virus torna a far paura
Un nuovo aumento dei casi si registra in tutto il mondo: gli Stati Uniti continuano a guidare la classifica, ma altri Paesi non sono messi meglio
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi