Giappone: dopo il rinvio olimpico, esplodono i contagi

| Ad un giorno di distanza dall’annuncio, le autorità avvertono di un improvviso aumento del numero dei contagi, e crescono i sospetti di insabbiamento

+ Miei preferiti
Alla fine, il Giappone ed il Comitato Olimpico Internazionale si sono arresi: le Olimpiadi di Tokyo 2020 slittano al prossimo anno. “Abbiamo seguito con trepidazione la lotta che il Giappone ha fatto contro il virus, ma con il passare del tempo il problema si è esteso al resto del mondo e la questione è diventata: il mondo può viaggiare verso il Giappone? E il Giappone è può permettersi di invitare davvero il mondo?”. La risposta è no, ovvio. Ma quello che insospettisce i giapponesi, a poche ore di distanza dall’annuncio del clamoroso rinvio olimpico, è una “misteriosa esplosione di infezioni da coronavirus” che arriva dopo aver sempre dichiarato un basso numero di contagi. Un dettaglio che ha lasciato dubbi e perplessità fin dall’inizio, se si considera la vicinanza con la Cina e ufficialmente dovuti al numero relativamente basso di test.

Ma il sospetto, sempre più fondato, è che il governo abbia nascosto ad arte la verità per poter mettere in scena i prestigiosi Giochi, assecondando il desiderio del primo ministro giapponese Shinzo Abe di trasformare le Olimpiadi nella vetrina della rinascita del Giappone sotto la sua guida dopo il disastro nucleare di Fukushima del 2011 e i cosiddetti “decenni perduti” di stagnazione economica.

Non si spiega altrimenti, l’annuncio pubblico che Tokyo potrebbe essere colpita da un “aumento esplosivo” delle infezioni dopo 41 nuovi casi segnalati in un solo giorno, portando il totale nella capitale a quota 221. Alla luce dell’improvviso picco, il governatore Yuriko Koike ha chiesto ai residenti di limitare le uscite non essenziali fino al 12 aprile per evitare di diffondere ulteriore del virus.

Secondo Koichi Nakano, analista politico all’Università Sophia di Tokyo, malgrado la capacità di effettuare 6.000 test diagnostici al giorno, il Giappone ne ha fatti finora solo circa 14.000: una cifra 20 volte inferiore rispetto alla vicina Corea del Sud, con 9.241 casi rispetto ai 1.307 del Giappone, che in compenso ha più del doppio della popolazione.

Barbara Holthus, sociologa dell’Istituto tedesco di studi giapponesi di Tokyo, ha commentato che “Dopo il disastro nucleare di Fukushima, il governo si era inizialmente rifiutato di ammettere la fusione del reattore e oggi resta una grande diffidenza nei confronti delle dichiarazioni ufficiali”. Un fondo apparso sull’edizione giapponese del “Times” ha parlato di teorie di cospirazione sull’insabbiamento, quando in realtà la gente continua a morire nelle proprie case senza aver ricevuto una diagnosi e neanche assistenza, completati dal rilascio di falsi certificati di morte. Ma l’articolo aggiunge: “È tuttavia difficile credere nel silenzio di migliaia di medici, se il numero di morti fosse simile a quello a cui si assiste in Italia e in Spagna”. Il Ministero della Salute giapponese ha negato con forza ogni accusa di insabbiamento.

CORONAVIRUS
Casi in aumento in Asia,
ma nessun timore
Casi in aumento in Asia,<br>ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Russia, la storia oscura della pandemia
Russia, la storia oscura della pandemia
La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown