Giappone: dopo il rinvio olimpico, esplodono i contagi

| Ad un giorno di distanza dall’annuncio, le autorità avvertono di un improvviso aumento del numero dei contagi, e crescono i sospetti di insabbiamento

+ Miei preferiti
Alla fine, il Giappone ed il Comitato Olimpico Internazionale si sono arresi: le Olimpiadi di Tokyo 2020 slittano al prossimo anno. “Abbiamo seguito con trepidazione la lotta che il Giappone ha fatto contro il virus, ma con il passare del tempo il problema si è esteso al resto del mondo e la questione è diventata: il mondo può viaggiare verso il Giappone? E il Giappone è può permettersi di invitare davvero il mondo?”. La risposta è no, ovvio. Ma quello che insospettisce i giapponesi, a poche ore di distanza dall’annuncio del clamoroso rinvio olimpico, è una “misteriosa esplosione di infezioni da coronavirus” che arriva dopo aver sempre dichiarato un basso numero di contagi. Un dettaglio che ha lasciato dubbi e perplessità fin dall’inizio, se si considera la vicinanza con la Cina e ufficialmente dovuti al numero relativamente basso di test.

Ma il sospetto, sempre più fondato, è che il governo abbia nascosto ad arte la verità per poter mettere in scena i prestigiosi Giochi, assecondando il desiderio del primo ministro giapponese Shinzo Abe di trasformare le Olimpiadi nella vetrina della rinascita del Giappone sotto la sua guida dopo il disastro nucleare di Fukushima del 2011 e i cosiddetti “decenni perduti” di stagnazione economica.

Non si spiega altrimenti, l’annuncio pubblico che Tokyo potrebbe essere colpita da un “aumento esplosivo” delle infezioni dopo 41 nuovi casi segnalati in un solo giorno, portando il totale nella capitale a quota 221. Alla luce dell’improvviso picco, il governatore Yuriko Koike ha chiesto ai residenti di limitare le uscite non essenziali fino al 12 aprile per evitare di diffondere ulteriore del virus.

Secondo Koichi Nakano, analista politico all’Università Sophia di Tokyo, malgrado la capacità di effettuare 6.000 test diagnostici al giorno, il Giappone ne ha fatti finora solo circa 14.000: una cifra 20 volte inferiore rispetto alla vicina Corea del Sud, con 9.241 casi rispetto ai 1.307 del Giappone, che in compenso ha più del doppio della popolazione.

Barbara Holthus, sociologa dell’Istituto tedesco di studi giapponesi di Tokyo, ha commentato che “Dopo il disastro nucleare di Fukushima, il governo si era inizialmente rifiutato di ammettere la fusione del reattore e oggi resta una grande diffidenza nei confronti delle dichiarazioni ufficiali”. Un fondo apparso sull’edizione giapponese del “Times” ha parlato di teorie di cospirazione sull’insabbiamento, quando in realtà la gente continua a morire nelle proprie case senza aver ricevuto una diagnosi e neanche assistenza, completati dal rilascio di falsi certificati di morte. Ma l’articolo aggiunge: “È tuttavia difficile credere nel silenzio di migliaia di medici, se il numero di morti fosse simile a quello a cui si assiste in Italia e in Spagna”. Il Ministero della Salute giapponese ha negato con forza ogni accusa di insabbiamento.

CORONAVIRUS
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite