Giappone: dopo il rinvio olimpico, esplodono i contagi

| Ad un giorno di distanza dall’annuncio, le autorità avvertono di un improvviso aumento del numero dei contagi, e crescono i sospetti di insabbiamento

+ Miei preferiti
Alla fine, il Giappone ed il Comitato Olimpico Internazionale si sono arresi: le Olimpiadi di Tokyo 2020 slittano al prossimo anno. “Abbiamo seguito con trepidazione la lotta che il Giappone ha fatto contro il virus, ma con il passare del tempo il problema si è esteso al resto del mondo e la questione è diventata: il mondo può viaggiare verso il Giappone? E il Giappone è può permettersi di invitare davvero il mondo?”. La risposta è no, ovvio. Ma quello che insospettisce i giapponesi, a poche ore di distanza dall’annuncio del clamoroso rinvio olimpico, è una “misteriosa esplosione di infezioni da coronavirus” che arriva dopo aver sempre dichiarato un basso numero di contagi. Un dettaglio che ha lasciato dubbi e perplessità fin dall’inizio, se si considera la vicinanza con la Cina e ufficialmente dovuti al numero relativamente basso di test.

Ma il sospetto, sempre più fondato, è che il governo abbia nascosto ad arte la verità per poter mettere in scena i prestigiosi Giochi, assecondando il desiderio del primo ministro giapponese Shinzo Abe di trasformare le Olimpiadi nella vetrina della rinascita del Giappone sotto la sua guida dopo il disastro nucleare di Fukushima del 2011 e i cosiddetti “decenni perduti” di stagnazione economica.

Non si spiega altrimenti, l’annuncio pubblico che Tokyo potrebbe essere colpita da un “aumento esplosivo” delle infezioni dopo 41 nuovi casi segnalati in un solo giorno, portando il totale nella capitale a quota 221. Alla luce dell’improvviso picco, il governatore Yuriko Koike ha chiesto ai residenti di limitare le uscite non essenziali fino al 12 aprile per evitare di diffondere ulteriore del virus.

Secondo Koichi Nakano, analista politico all’Università Sophia di Tokyo, malgrado la capacità di effettuare 6.000 test diagnostici al giorno, il Giappone ne ha fatti finora solo circa 14.000: una cifra 20 volte inferiore rispetto alla vicina Corea del Sud, con 9.241 casi rispetto ai 1.307 del Giappone, che in compenso ha più del doppio della popolazione.

Barbara Holthus, sociologa dell’Istituto tedesco di studi giapponesi di Tokyo, ha commentato che “Dopo il disastro nucleare di Fukushima, il governo si era inizialmente rifiutato di ammettere la fusione del reattore e oggi resta una grande diffidenza nei confronti delle dichiarazioni ufficiali”. Un fondo apparso sull’edizione giapponese del “Times” ha parlato di teorie di cospirazione sull’insabbiamento, quando in realtà la gente continua a morire nelle proprie case senza aver ricevuto una diagnosi e neanche assistenza, completati dal rilascio di falsi certificati di morte. Ma l’articolo aggiunge: “È tuttavia difficile credere nel silenzio di migliaia di medici, se il numero di morti fosse simile a quello a cui si assiste in Italia e in Spagna”. Il Ministero della Salute giapponese ha negato con forza ogni accusa di insabbiamento.

CORONAVIRUS
New York: voci da un pronto soccorso
New York: voci da un pronto soccorso
Le drammatiche testimonianze dei medici dell’University Hospital di Brooklyn raccolte da due giornalisti della CNN: “Preparatevi: è peggiore di qualsiasi incubo abbiate mai avuto”
Non è un virus (solo) per vecchi
Non è un virus (solo) per vecchi
La storia di Ben Luderer, sportivo di 30 anni, morto all’improvviso di coronavirus. Per gli scienziati è uno dei tanti casi del mistero legato al virus, capace di dare sintomi lievi ma anche di uccidere senza pietà
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
L’esperienza della Sars, che nel 2003 ha colpito duro, e la mancanza di annessione all’OMS, ha costretto il Paese asiatico ad agire da solo, creando una delle migliori risposte alla pandemia di tutto il mondo
GB: cresce il numero di «covidiot»
GB: cresce il numero di «covidiot»
Migliaia di persone fermate nei parchi della Gran Bretagna perché prendevano il sole, approfittando delle temperature calde. Per loro, gli inglesi hanno coniato un nuovo termine, che va bene anche per l’Italia
Nessuno parla più di Brexit
Nessuno parla più di Brexit
Da Downing Street ripetono che nulla cambia: il Regno Unito uscirà dalla UE nel dicembre di quest’anno. Ma non dicono che il Paese continua a importare migliaia di tonnellate di merci, comprese forniture mediche e ospedaliere
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
I primi casi individuati nelle enormi e popolate baraccopoli di Mumbai hanno alzato il livello di timori delle autorità sanitarie: “Agire subito, o non saremo mai in grado di sopportare quello che sta succedendo in Europa e America”
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
La denuncia della figlia di Thomas Harvey, infermiere che malgrado i sintomi e i diversi tentativi di farlo ricoverare, è stato costretto a casa, dove è morto per arresto cardiaco
La molte verità della pandemia
La molte verità della pandemia
Terminata la fase critica, secondo gli esperti non sarà così immediato il ritorno alla normalità per quanto riguarda i viaggi. Le responsabilità dell’inquinamento nel propagarsi del contagio. Qual è il vero numero dei morti in Cina?
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore