Gli incoscienti di Bondi Beach

| Centinaia di persone accalcate sulla più celebre spiaggia australiana hanno mandato su tutte le furie le autorità: "La gente non si rende conto cosa sta accadendo in altre parti del mondo: accendete la tv e guardate"

+ Miei preferiti
“Questo è il comportamento più irresponsabile che abbiamo visto finora”: così il ministro dell’interno australiano David Elliot ha commentato le migliaia di persone che totalmente incuranti dell’allarme coronavirus, hanno affollato a migliaia di le spiagge di Bondi Beach, una delle più celebri spiagge australiane, nei dintorni di Sydney.

Risultato: con effetto immediato la zona è stata chiusa fino a data da destinarsi, recintata e al momento dichiarata “off-limit”: i bagnanti in cerca di sole sono stati accusati di aver messo a rischio vite umane ignorando le regole della distanza sociale.

L’Australia sta assistendo ad un improvviso picco di casi che ha spinto le autorità a chiedere attenzione e senso di responsabilità, limitando i contatti sociali. Misure che in tanti, troppi, continuano a ritenere esagerate. Elliott, in una diretta televisiva, ha usato parole forti contro gli incoscienti della tintarella: “Stiamo facendo sforzi immani per contenere l’epidemia e non possiamo concepire di assistere a migliaia di persone che si accalcano: i social sono pieni di persone che hanno totalmente ignorato l’invito a mantenere una distanza di 1,5 metri, spalmandosi creme e protezioni solari l’un l’altro come nulla fosse. Se la comunità non si adegua in fretta, saremo costretti a limitare sempre di più le libertà personali”. In pochi minuti, la spiaggia è stata evacuata dalla polizia.

Anche il ministro della Sanità Greg Hunt si è detto scioccato dalla folla di Bondi Beach: “Si sono fatti beffe dei consigli sulla distanza sociale e rischiano di diffondere il virus in modo incontrollato. Quello che è successo a Bondi è inaccettabile, vanno presi provvedimenti più duri per impedire che ciò accada di nuovo”.

Il premier dello stato di Victoria, Daniel Andrews, ha avvertito che, a meno che i tassi di infezione non diminuiscano, gli ospedali saranno presto sopraffatti: “Chi ha ancora dubbi sulla gravità della situazione accenda la TV e dia un’occhiata a cosa sta succedendo in altre parti del mondo, dove la gente continua a morire”.

Venerdì, il primo ministro Scott Morrison ha introdotto nuove e dure misure di distanziamento sociale, istituite per frenare la diffusione: il numero di persone ammesse in un locale al chiuso sarà stabilito in base alle dimensioni: “Vanno calcolati minimo quattro metri quadrati per persona”. 

Quando Bondi Beach sarà riaperta, il ministro dell’interno ha confermato che ci saranno pattuglie sul posto per assicurarsi che non siano presenti più di 500 persone: “Ci affidiamo alle leggi del buon senso: il numero massimo di 500 presenze è stato fatto in precedenza. Ma bisognava arrivarci da soli, ma così non è, ed io non posso starmene seduto a guardare la mia comunità che non solo ignora le leggi, ma le sfida bellamente”.

Galleria fotografica
Gli incoscienti di Bondi Beach - immagine 1
Gli incoscienti di Bondi Beach - immagine 2
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi