Gli incoscienti di Bondi Beach

| Centinaia di persone accalcate sulla più celebre spiaggia australiana hanno mandato su tutte le furie le autorità: "La gente non si rende conto cosa sta accadendo in altre parti del mondo: accendete la tv e guardate"

+ Miei preferiti
“Questo è il comportamento più irresponsabile che abbiamo visto finora”: così il ministro dell’interno australiano David Elliot ha commentato le migliaia di persone che totalmente incuranti dell’allarme coronavirus, hanno affollato a migliaia di le spiagge di Bondi Beach, una delle più celebri spiagge australiane, nei dintorni di Sydney.

Risultato: con effetto immediato la zona è stata chiusa fino a data da destinarsi, recintata e al momento dichiarata “off-limit”: i bagnanti in cerca di sole sono stati accusati di aver messo a rischio vite umane ignorando le regole della distanza sociale.

L’Australia sta assistendo ad un improvviso picco di casi che ha spinto le autorità a chiedere attenzione e senso di responsabilità, limitando i contatti sociali. Misure che in tanti, troppi, continuano a ritenere esagerate. Elliott, in una diretta televisiva, ha usato parole forti contro gli incoscienti della tintarella: “Stiamo facendo sforzi immani per contenere l’epidemia e non possiamo concepire di assistere a migliaia di persone che si accalcano: i social sono pieni di persone che hanno totalmente ignorato l’invito a mantenere una distanza di 1,5 metri, spalmandosi creme e protezioni solari l’un l’altro come nulla fosse. Se la comunità non si adegua in fretta, saremo costretti a limitare sempre di più le libertà personali”. In pochi minuti, la spiaggia è stata evacuata dalla polizia.

Anche il ministro della Sanità Greg Hunt si è detto scioccato dalla folla di Bondi Beach: “Si sono fatti beffe dei consigli sulla distanza sociale e rischiano di diffondere il virus in modo incontrollato. Quello che è successo a Bondi è inaccettabile, vanno presi provvedimenti più duri per impedire che ciò accada di nuovo”.

Il premier dello stato di Victoria, Daniel Andrews, ha avvertito che, a meno che i tassi di infezione non diminuiscano, gli ospedali saranno presto sopraffatti: “Chi ha ancora dubbi sulla gravità della situazione accenda la TV e dia un’occhiata a cosa sta succedendo in altre parti del mondo, dove la gente continua a morire”.

Venerdì, il primo ministro Scott Morrison ha introdotto nuove e dure misure di distanziamento sociale, istituite per frenare la diffusione: il numero di persone ammesse in un locale al chiuso sarà stabilito in base alle dimensioni: “Vanno calcolati minimo quattro metri quadrati per persona”. 

Quando Bondi Beach sarà riaperta, il ministro dell’interno ha confermato che ci saranno pattuglie sul posto per assicurarsi che non siano presenti più di 500 persone: “Ci affidiamo alle leggi del buon senso: il numero massimo di 500 presenze è stato fatto in precedenza. Ma bisognava arrivarci da soli, ma così non è, ed io non posso starmene seduto a guardare la mia comunità che non solo ignora le leggi, ma le sfida bellamente”.

Galleria fotografica
Gli incoscienti di Bondi Beach - immagine 1
Gli incoscienti di Bondi Beach - immagine 2
CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo