Gli incoscienti di Bondi Beach

| Centinaia di persone accalcate sulla più celebre spiaggia australiana hanno mandato su tutte le furie le autorità: "La gente non si rende conto cosa sta accadendo in altre parti del mondo: accendete la tv e guardate"

+ Miei preferiti
“Questo è il comportamento più irresponsabile che abbiamo visto finora”: così il ministro dell’interno australiano David Elliot ha commentato le migliaia di persone che totalmente incuranti dell’allarme coronavirus, hanno affollato a migliaia di le spiagge di Bondi Beach, una delle più celebri spiagge australiane, nei dintorni di Sydney.

Risultato: con effetto immediato la zona è stata chiusa fino a data da destinarsi, recintata e al momento dichiarata “off-limit”: i bagnanti in cerca di sole sono stati accusati di aver messo a rischio vite umane ignorando le regole della distanza sociale.

L’Australia sta assistendo ad un improvviso picco di casi che ha spinto le autorità a chiedere attenzione e senso di responsabilità, limitando i contatti sociali. Misure che in tanti, troppi, continuano a ritenere esagerate. Elliott, in una diretta televisiva, ha usato parole forti contro gli incoscienti della tintarella: “Stiamo facendo sforzi immani per contenere l’epidemia e non possiamo concepire di assistere a migliaia di persone che si accalcano: i social sono pieni di persone che hanno totalmente ignorato l’invito a mantenere una distanza di 1,5 metri, spalmandosi creme e protezioni solari l’un l’altro come nulla fosse. Se la comunità non si adegua in fretta, saremo costretti a limitare sempre di più le libertà personali”. In pochi minuti, la spiaggia è stata evacuata dalla polizia.

Anche il ministro della Sanità Greg Hunt si è detto scioccato dalla folla di Bondi Beach: “Si sono fatti beffe dei consigli sulla distanza sociale e rischiano di diffondere il virus in modo incontrollato. Quello che è successo a Bondi è inaccettabile, vanno presi provvedimenti più duri per impedire che ciò accada di nuovo”.

Il premier dello stato di Victoria, Daniel Andrews, ha avvertito che, a meno che i tassi di infezione non diminuiscano, gli ospedali saranno presto sopraffatti: “Chi ha ancora dubbi sulla gravità della situazione accenda la TV e dia un’occhiata a cosa sta succedendo in altre parti del mondo, dove la gente continua a morire”.

Venerdì, il primo ministro Scott Morrison ha introdotto nuove e dure misure di distanziamento sociale, istituite per frenare la diffusione: il numero di persone ammesse in un locale al chiuso sarà stabilito in base alle dimensioni: “Vanno calcolati minimo quattro metri quadrati per persona”. 

Quando Bondi Beach sarà riaperta, il ministro dell’interno ha confermato che ci saranno pattuglie sul posto per assicurarsi che non siano presenti più di 500 persone: “Ci affidiamo alle leggi del buon senso: il numero massimo di 500 presenze è stato fatto in precedenza. Ma bisognava arrivarci da soli, ma così non è, ed io non posso starmene seduto a guardare la mia comunità che non solo ignora le leggi, ma le sfida bellamente”.

Galleria fotografica
Gli incoscienti di Bondi Beach - immagine 1
Gli incoscienti di Bondi Beach - immagine 2
CORONAVIRUS
A Madrid si rischiano migliaia di morti
A Madrid si rischiano migliaia di morti
Braccio di ferro fra il governo centrale e le autorità cittadine sull’entità del lockdown, al momento imposto ad alcune zone. Situazione in rapido peggioramento anche nel resto d’Europa
«Si rischiano altri due milioni di morti»
«Si rischiano altri due milioni di morti»
L’allarme dell’OMS mentre le cifre globali superano i 32 milioni di casi e raggiungono un milione di decessi. Gli scienziati mettono in dubbio l’efficacia della prima generazione del vaccino
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente