Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub

| L’ultima sera prima della serrata imposta da Boris Johnson, i locali del Regno Unito hanno fatto il pienone. Il giorno successivo, dagli scaffali dei supermarket erano scomparsi tutti gli alcolici

+ Miei preferiti
Come celebrare l’ultima sera di libertà prima dello stop a pub, bar e ristoranti imposto da Boris Johnson? Ma ovvio: riempiendo pub, bar e ristoranti. Nessun paese al mondo più della Gran Bretagna, in un momento di grave apprensione come questo, sta offrendo un’immagine di sé quanto mai distorta, leggera e confusa.

È bastato che il primo ministro ordinasse la chiusura di tutti i locali pubblici - che continuavano ad essere affollati di gente - per scatenare un panico tipicamente inglese: l’ultima sbronza al pub e poi code nei supermercati per fare scorta di alcolici da portare a casa, prima di rimanere a secco.

Nel corso della conferenza stampa quotidiana, il premier ha fatto la sua parte nel generare confusione: “Poco a poco, giorno dopo giorno, con le vostre azioni, la vostra moderazione e il vostro sacrificio, stiamo mettendo questo Paese in una posizione migliore e più forte: saremo in grado di salvare migliaia di vite e di persone di tutte le età che non meritano di morire. Sconfiggeremo questa malattia con un enorme sforzo nazionale per rallentarne la diffusione riducendo i contatti sociali. Questi sono luoghi in cui la gente ama ritrovarsi, ma siamo costretti a tenere le persone separate”.

Intuendo l’ultima corsa ai pub, BoJo aveva supplicato gli inglesi di restare a casa anche prima della serrata, ma a nulla sono valse le sue parole: “Si può pensare di essere invincibili, ma non c’è alcuna garanzia che il virus si presenti in forma lieve e soprattutto che ognuno di noi possa essere portatore sano della malattia e infettare i propri cari”.

Al supermercato “Sainsbury’s” di Richmond, birra e vino erano esauriti fin dalle prime ore del mattino. Martin Taylor, 36 anni, un dipendente, riassume al meglio la situazione: “Mi aspettavo di trovare la corsia dei rotoli di carta igienica vuota, ma sono rimasto colpito dal non trovare alcolici. In fondo lo capisco: come possiamo superare tutto questo se non è possibile neanche rilassarci con una birra o un bicchiere di vino mentre siamo rinchiusi a casa? Sugli scaffali sono rimaste soltanto poche lattine di birra analcolica e bottiglie di vino rosso costose che quasi nessuno compra mai”.

Galleria fotografica
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 1
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 2
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 3
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 4
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 5
CORONAVIRUS
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano