Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub

| L’ultima sera prima della serrata imposta da Boris Johnson, i locali del Regno Unito hanno fatto il pienone. Il giorno successivo, dagli scaffali dei supermarket erano scomparsi tutti gli alcolici

+ Miei preferiti
Come celebrare l’ultima sera di libertà prima dello stop a pub, bar e ristoranti imposto da Boris Johnson? Ma ovvio: riempiendo pub, bar e ristoranti. Nessun paese al mondo più della Gran Bretagna, in un momento di grave apprensione come questo, sta offrendo un’immagine di sé quanto mai distorta, leggera e confusa.

È bastato che il primo ministro ordinasse la chiusura di tutti i locali pubblici - che continuavano ad essere affollati di gente - per scatenare un panico tipicamente inglese: l’ultima sbronza al pub e poi code nei supermercati per fare scorta di alcolici da portare a casa, prima di rimanere a secco.

Nel corso della conferenza stampa quotidiana, il premier ha fatto la sua parte nel generare confusione: “Poco a poco, giorno dopo giorno, con le vostre azioni, la vostra moderazione e il vostro sacrificio, stiamo mettendo questo Paese in una posizione migliore e più forte: saremo in grado di salvare migliaia di vite e di persone di tutte le età che non meritano di morire. Sconfiggeremo questa malattia con un enorme sforzo nazionale per rallentarne la diffusione riducendo i contatti sociali. Questi sono luoghi in cui la gente ama ritrovarsi, ma siamo costretti a tenere le persone separate”.

Intuendo l’ultima corsa ai pub, BoJo aveva supplicato gli inglesi di restare a casa anche prima della serrata, ma a nulla sono valse le sue parole: “Si può pensare di essere invincibili, ma non c’è alcuna garanzia che il virus si presenti in forma lieve e soprattutto che ognuno di noi possa essere portatore sano della malattia e infettare i propri cari”.

Al supermercato “Sainsbury’s” di Richmond, birra e vino erano esauriti fin dalle prime ore del mattino. Martin Taylor, 36 anni, un dipendente, riassume al meglio la situazione: “Mi aspettavo di trovare la corsia dei rotoli di carta igienica vuota, ma sono rimasto colpito dal non trovare alcolici. In fondo lo capisco: come possiamo superare tutto questo se non è possibile neanche rilassarci con una birra o un bicchiere di vino mentre siamo rinchiusi a casa? Sugli scaffali sono rimaste soltanto poche lattine di birra analcolica e bottiglie di vino rosso costose che quasi nessuno compra mai”.

Galleria fotografica
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 1
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 2
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 3
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 4
Gli inglesi al pub per celebrare il divieto di andare al pub - immagine 5
CORONAVIRUS
New York: voci da un pronto soccorso
New York: voci da un pronto soccorso
Le drammatiche testimonianze dei medici dell’University Hospital di Brooklyn raccolte da due giornalisti della CNN: “Preparatevi: è peggiore di qualsiasi incubo abbiate mai avuto”
Non è un virus (solo) per vecchi
Non è un virus (solo) per vecchi
La storia di Ben Luderer, sportivo di 30 anni, morto all’improvviso di coronavirus. Per gli scienziati è uno dei tanti casi del mistero legato al virus, capace di dare sintomi lievi ma anche di uccidere senza pietà
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
L’esperienza della Sars, che nel 2003 ha colpito duro, e la mancanza di annessione all’OMS, ha costretto il Paese asiatico ad agire da solo, creando una delle migliori risposte alla pandemia di tutto il mondo
GB: cresce il numero di «covidiot»
GB: cresce il numero di «covidiot»
Migliaia di persone fermate nei parchi della Gran Bretagna perché prendevano il sole, approfittando delle temperature calde. Per loro, gli inglesi hanno coniato un nuovo termine, che va bene anche per l’Italia
Nessuno parla più di Brexit
Nessuno parla più di Brexit
Da Downing Street ripetono che nulla cambia: il Regno Unito uscirà dalla UE nel dicembre di quest’anno. Ma non dicono che il Paese continua a importare migliaia di tonnellate di merci, comprese forniture mediche e ospedaliere
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
I primi casi individuati nelle enormi e popolate baraccopoli di Mumbai hanno alzato il livello di timori delle autorità sanitarie: “Agire subito, o non saremo mai in grado di sopportare quello che sta succedendo in Europa e America”
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
La denuncia della figlia di Thomas Harvey, infermiere che malgrado i sintomi e i diversi tentativi di farlo ricoverare, è stato costretto a casa, dove è morto per arresto cardiaco
La molte verità della pandemia
La molte verità della pandemia
Terminata la fase critica, secondo gli esperti non sarà così immediato il ritorno alla normalità per quanto riguarda i viaggi. Le responsabilità dell’inquinamento nel propagarsi del contagio. Qual è il vero numero dei morti in Cina?
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore