Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge

| Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale

+ Miei preferiti
Sono circa 9.000, gli scienziati, i medici e gli epidemiologi di tutto il mondo che hanno sottoscritto la “Great Barrington Declaration”, un manifesto-appello che chiede di proteggere le fasce della società più a rischio, ma di lasciare ai più giovani la possibilità di tornare alla normalità acquisendo l’immunità di gregge. “In qualità di epidemiologi delle malattie infettive e di scienziati della salute pubblica, siamo molto preoccupati per gli effetti dannosi sulla salute fisica e mentale causati dalle politiche adottate dai governi in materia di Covid-19, e raccomandiamo un approccio che chiamiamo Protezione Mirata”. 

Un documento che all’alba della seconda ondata chiede una riflessione e sta facendo molto discutere, apertamente schierato contro l’efficacia dei lockdown: “Le attuali politiche di blocco stanno producendo effetti devastanti sulla salute pubblica, a breve e lungo periodo. I risultati includono tassi di vaccinazione infantile più bassi, peggioramento degli esiti delle malattie cardiovascolari, meno screening per il cancro e deterioramento della salute mentale, con la conseguenza che questo porterà negli anni a venire a un aumento della mortalità, con la classe operaia e i membri più giovani della società costretti a sopportarne il peso maggiore”.

Per questo, la petizione chiede un approccio diverso: La soluzione proposta è appunto la ‘protezione mirata’ sulle diverse fasce della società: “L’approccio più umano, che bilanci rischi e benefici nel raggiungimento dell’immunità di gregge, è quello di permettere a coloro che sono a minimo rischio di morte di vivere normalmente la loro vita per costruire l’immunità attraverso l’infezione naturale, proteggendo al meglio coloro che al contrario sono a più alto rischio”.

Una richiesta che – secondo il “New York Times” - avrebbe immediatamente trovato terreno fertile alla Casa Bianca, teatro di un recente incontro in cui si è discusso e forse pianificato l’adozione della “Great Barrington Declaration” (https://gbdeclaration.org/dichiarazione-di-great-barrington/), che prende nome dalla località del Massachussetts in cui è stata adottata per la prima volta.

La comunità scientifica ha accolto con profondo scetticismo la proposta: un portavoce del governo inglese ha commentato che “non è possibile fare affidamento su un presupposto non dimostrato secondo cui le persone a minor rischio, qualora dovessero contrarre il virus, eviterebbero di trasmetterlo a coloro che sono più vulnerabili. Il pericolo, per i soggetti più deboli, è quello di finire in ospedale o, peggio, in un’unità di terapia intensiva”.

Galleria fotografica
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge - immagine 1
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi