Il caso Islanda, poche vittime e poche misure restrittive

| Affrontata per tempo e in modo aggressivo, la pandemia sembra preoccupare poco il piccolo Paese nord europeo, che dai test effettuati ha appurato un sospetto: il 50% dei casi sono totalmente asintomatici

+ Miei preferiti
Considerato fra i Paesi con il più alto tasso di felicità al mondo, la piccola Islanda – 332mila abitanti a dividersi quasi 103mila km quadrati - sta balzando all’attenzione globale per i test su larga scala sul coronavirus, così innovativi che potrebbero influenzare la concezione del pianeta sulla pandemia. Gli esperti islandesi sono convinti che soltanto test più accurati sulla popolazione siano la chiave per capire e controllare il coronavirus, dando un quadro più attendibile della diffusione. 

A partire dallo scorso martedì, l’Islanda ha sottoposto a test e tamponi 17.900 persone, quasi il 5% della popolazione. E mentre l’ospedale universitario nazionale monitora le persone ad alto rischio o che mostrano sintomi, quasi la metà dei test sono stati condotti dall’azienda biofarmaceutica “deCODE Genetics”, concentrandosi sulla popolazione in generale. Fondamentalmente, il “programma di screening della deCODE accetta tutti coloro che non mostrano sintomi e non sono attualmente in quarantena”, ha detto la Direzione della Salute islandese in una nota, aggiungendo che l’azienda agisce per conto dell’agenzia sanitaria nazionale.

“I risultati dei test supplementari eseguiti dalla deCODE hanno indicato che gli sforzi per limitare la diffusione del virus sono stati finora efficaci, ma i test sulla popolazione continueranno a dare un quadro molto più chiaro dell’effettiva diffusione del coronavirus”. Alcuni dei dati sono molto crudi: anche se meno dell’1% dei test ha dato esito positivo, circa il 50% di coloro che sono risultati positivi hanno dichiarato di essere totalmente asintomatici, confermando i molteplici studi che dimostrano che le persone prive di sintomi o con leggere avvisaglie, stanno giocando un ruolo fondamentale nella diffusione. “Ciò che significa che stiamo individuando le persone all’inizio dell’infezione, prima che comincino a mostrare i sintomi. Lo screening è volontario, quindi sussiste una certa parzialità nei dati, ma è stato avviato un programma di screening randomizzato ed è previsto un controllo del sangue per individuare gli anticorpi”.

Il lavoro ha aiutato i ricercatori a visualizzare la diffusione del virus: “Abbiamo determinato l’origine geografica del virus e le mutazioni che hanno interessato l’Italia, l’Austria e il Regno Unito, più una specifica e ancora diversa per la costa occidentale degli Stati Uniti. Proprio le mutazioni sono responsabili di come le persone reagiscono in modo diverso: alcuni sviluppano solo un leggero raffreddore, mentre altri hanno bisogno di un ventilatore polmonare”.

L’Islanda, fra l’altro, è uno dei pochi Paesi al mondo a non aver ancora attuato le misure draconiane di isolamento assunte in Europa e in Asia, anche se le scuole sono chiuse e vige il divieto di eventi e raduni per più di 100 persone. Secondo i funzionari sanitari, non sono state necessarie misure più restrittive perché il Paese era preparato in modo adeguato: “I test e la ricerca di contatti sono una delle ragioni principali per cui fino a questo momento non è stata considerata necessaria una chiusura sociale”, ha commentato la Direzione sanitaria nazionale.

“Ma c’è anche un’altra ragione, non meno importante: abbiamo deciso una prassi molto aggressiva di quarantena per gli individui a rischio contagio: è molto più lunga di quella adottata in altri paesi”. L’Islanda ha iniziato a testare la popolazione all’inizio di febbraio, settimane prima della prima morte conclamata: a quel punto, le autorità sanitarie hanno rintracciato le persone entrate a contatto con la vittima e messo in quarantena sia i casi confermati che quelli sospetti. Attualmente, nel Paese nord europeo si registrano 1.086 infezioni confermate e 927 persone in isolamento, mentre più di 5.000 hanno lasciato la quarantena.

“L’unica ragione per cui stiamo facendo meglio è che siamo stati molto vigili: abbiamo preso sul serio la notizia dell’epidemia, non abbiamo fatto spallucce e perso settimane preziose dicendo che non sarebbe stata molto più pericolosa di una semplice influenza. Molti Paesi hanno una “straordinaria collezione di talenti” che avrebbero potuto “industrializzare test come questo molto tempo fa”, ma si sono comportati come se nulla fosse”.

CORONAVIRUS
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Una lettera inviata alle più grandi città americane chiede di organizzare luoghi ed elenchi per la distribuzione alle fasce più a rischio. Le perplessità di Fauci e della comunità scientifica
I rapporti della task force della Casa Bianca tenuti segreti
I rapporti della task force della Casa Bianca tenuti segreti
L’ottimismo del presidente, che continua a vedere la pandemia sconfitta, stride con i rapporti della task force divulgati ieri, che nelle stesse ore mostravano numeri allarmanti
Inghilterra e Germania, i negazionisti in piazza
Inghilterra e Germania, i negazionisti in piazza
A Berlino e Londra due cortei sfilano per chiedere la fine delle misure di contenimento e dell’uso della mascherina, accusando medici e infermieri di essere la causa della farsa del virus