Il caso Islanda, poche vittime e poche misure restrittive

| Affrontata per tempo e in modo aggressivo, la pandemia sembra preoccupare poco il piccolo Paese nord europeo, che dai test effettuati ha appurato un sospetto: il 50% dei casi sono totalmente asintomatici

+ Miei preferiti
Considerato fra i Paesi con il più alto tasso di felicità al mondo, la piccola Islanda – 332mila abitanti a dividersi quasi 103mila km quadrati - sta balzando all’attenzione globale per i test su larga scala sul coronavirus, così innovativi che potrebbero influenzare la concezione del pianeta sulla pandemia. Gli esperti islandesi sono convinti che soltanto test più accurati sulla popolazione siano la chiave per capire e controllare il coronavirus, dando un quadro più attendibile della diffusione. 

A partire dallo scorso martedì, l’Islanda ha sottoposto a test e tamponi 17.900 persone, quasi il 5% della popolazione. E mentre l’ospedale universitario nazionale monitora le persone ad alto rischio o che mostrano sintomi, quasi la metà dei test sono stati condotti dall’azienda biofarmaceutica “deCODE Genetics”, concentrandosi sulla popolazione in generale. Fondamentalmente, il “programma di screening della deCODE accetta tutti coloro che non mostrano sintomi e non sono attualmente in quarantena”, ha detto la Direzione della Salute islandese in una nota, aggiungendo che l’azienda agisce per conto dell’agenzia sanitaria nazionale.

“I risultati dei test supplementari eseguiti dalla deCODE hanno indicato che gli sforzi per limitare la diffusione del virus sono stati finora efficaci, ma i test sulla popolazione continueranno a dare un quadro molto più chiaro dell’effettiva diffusione del coronavirus”. Alcuni dei dati sono molto crudi: anche se meno dell’1% dei test ha dato esito positivo, circa il 50% di coloro che sono risultati positivi hanno dichiarato di essere totalmente asintomatici, confermando i molteplici studi che dimostrano che le persone prive di sintomi o con leggere avvisaglie, stanno giocando un ruolo fondamentale nella diffusione. “Ciò che significa che stiamo individuando le persone all’inizio dell’infezione, prima che comincino a mostrare i sintomi. Lo screening è volontario, quindi sussiste una certa parzialità nei dati, ma è stato avviato un programma di screening randomizzato ed è previsto un controllo del sangue per individuare gli anticorpi”.

Il lavoro ha aiutato i ricercatori a visualizzare la diffusione del virus: “Abbiamo determinato l’origine geografica del virus e le mutazioni che hanno interessato l’Italia, l’Austria e il Regno Unito, più una specifica e ancora diversa per la costa occidentale degli Stati Uniti. Proprio le mutazioni sono responsabili di come le persone reagiscono in modo diverso: alcuni sviluppano solo un leggero raffreddore, mentre altri hanno bisogno di un ventilatore polmonare”.

L’Islanda, fra l’altro, è uno dei pochi Paesi al mondo a non aver ancora attuato le misure draconiane di isolamento assunte in Europa e in Asia, anche se le scuole sono chiuse e vige il divieto di eventi e raduni per più di 100 persone. Secondo i funzionari sanitari, non sono state necessarie misure più restrittive perché il Paese era preparato in modo adeguato: “I test e la ricerca di contatti sono una delle ragioni principali per cui fino a questo momento non è stata considerata necessaria una chiusura sociale”, ha commentato la Direzione sanitaria nazionale.

“Ma c’è anche un’altra ragione, non meno importante: abbiamo deciso una prassi molto aggressiva di quarantena per gli individui a rischio contagio: è molto più lunga di quella adottata in altri paesi”. L’Islanda ha iniziato a testare la popolazione all’inizio di febbraio, settimane prima della prima morte conclamata: a quel punto, le autorità sanitarie hanno rintracciato le persone entrate a contatto con la vittima e messo in quarantena sia i casi confermati che quelli sospetti. Attualmente, nel Paese nord europeo si registrano 1.086 infezioni confermate e 927 persone in isolamento, mentre più di 5.000 hanno lasciato la quarantena.

“L’unica ragione per cui stiamo facendo meglio è che siamo stati molto vigili: abbiamo preso sul serio la notizia dell’epidemia, non abbiamo fatto spallucce e perso settimane preziose dicendo che non sarebbe stata molto più pericolosa di una semplice influenza. Molti Paesi hanno una “straordinaria collezione di talenti” che avrebbero potuto “industrializzare test come questo molto tempo fa”, ma si sono comportati come se nulla fosse”.

CORONAVIRUS
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite