Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade

| Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione

+ Miei preferiti
16,6 milioni abitanti, 2.748 casi di contagio accertati e appena 93 morti ufficiali, troppo pochi secondo la popolazione, ma comunque troppi per un sistema sanitario delicato e quasi inesistente. Nella provincia del Guayas, dove si concentrano due terzi dei casi, i cadaveri sono ormai per le strade. Gli ospedali non hanno più letti per accogliere i pazienti malati e gli obitori, i cimiteri e le agenzie di pompe funebri sono in enorme difficoltà: sommersi dal numero di decessi, dal coprifuoco serale e dal timore per il contagio sono al collasso, e sono tanti i casi di famiglie costrette a tenere il corpo del defunto in casa o a lasciarlo per strada, coperto come possibile con plastica e cartone.

Uno spettacolo agghiacciante che va in scena quotidianamente sulle strade deserte della città: al momento, non è chiaro neanche quanti dei morti siano vittime del coronavirus. Molte famiglie dicono che i loro cari hanno avuto i sintomi del virus, mentre altri sanno solo che sono morti aspettando invano qualcuno che li visitasse. La CNN ha diffuso alcune immagini delle telecamere di sorveglianza cittadine: una mostra un motociclista che abbandona un cadavere per strada. Qualche ora dopo, nello stesso punto, un gruppo di persone vestite con tute improvvisate scende da un furgone, scarica un cadavere avvolto nei sacchi neri della spazzatura e ripartono. “Sono cinque giorni che aspettiamo qualcuno che venga a visitare mia madre: ha 82 anni e respira male - ha commentato alla Reuters Fernando Espana, un residente – ma siamo stanchi di chiamare il 911: l’unica cosa che ci dicono è di aspettare, perché stanno lavorando per risolvere la situazione”.

Ma il tempo non aiuta, e l’odore della morte per le strade è troppo forte da sopportare. Secondo i dati forniti dalle autorità dell’Ecuador, più di 300 corpi senza vita sono stati raccolti per le strade o da abitazioni. E in molti fanno notare che basta quel dato per spiegare che i 93 morti ufficiali sono una montatura del governo per dimostrare che ha la situazione sotto controllo.

Il sindaco di Guayaquil, Cynthia Viteri, ha implorato l’aiuto delle istituzioni in un video postato sul suo account Twitter: “Cosa sta succedendo nel sistema sanitario pubblico del Paese? Nessuno porta via i morti dalle case, la gente li lascia sui marciapiedi, dobbiamo sapere cosa fare con i nostri malati: le famiglie vagano per la città bussando alle porte degli ospedali cercando qualcuno che possa aiutarli, ma tutti rispondono che non ci sono più letti e chiudono le porte”. Un’anziana donna di Guayaquil è morta su una sedia a rotelle del pronto soccorso in attesa di essere visitata: l’ospedale ha replicato che in quel momento non c’erano posti disponibili ed il corpo è stato lasciato all’esterno per quasi quattro ore prima di essere portato via. La causa della morte non è stata determinata, nessuno saprà mai se era positiva al coronavirus o meno.

Il presidente Lenin Moreno durante un discorso alla nazione ha chiesto trasparenza sui numeri della crisi: “Per quanto doloroso, è importante dire la verità: sia nel numero dei casi che in quello dei decessi”. Secondo il capo della task force governativa creata per fronteggiare la pandemia, gli esperti si aspettano tra le 2.500 e le 3.500 morti nei prossimi mesi, e solo nella regione del Guayas. Ma il peggio è che pochissimi saranno sepolti.

Galleria fotografica
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade - immagine 1
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade - immagine 2
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade - immagine 3
CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo