Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt

| Il contagio a bordo ha ormai superato i 4000 casi accertati su poco più di 5700 militari, e il comandante lancia l’allarme: “I miei marinai non devono morire”

+ Miei preferiti
Meno di una settimana fa, il Pentagono rivelava che a bordo della USS Theodore Roosevelt, portaerei in navigazione verso il Giappone, erano esplosi i contagi di coronavirus. Nel giro di poche ore, dai primi tre casi accertati si era passati a 25, facendo temere il peggio. Seguivano comunicati rassicuranti e la conferma che l’operatività bellica l’enorme portaerei non sarebbe stata minimamente intaccata.

Ma la situazione è precipitata in fretta: in una lettera inviata ai vertici militari e diffusa dal “San Francisco Chronicle”, il comandante Brett Crozier ha chiesto un intervento d’urgenza prima che la situazione collassi in modo irreparabile. I contagiati a bordo hanno raggiunto la preoccupante cifra di 4.000 casi, la quasi totalità, considerando che l’equipaggio è formato da 5.680 militari, 3.200 marinai e 2.480 piloti. “Il virus, considerati gli spazi ridotti della nave, si diffonde velocemente e non è possibile ai marinai rispettare l’isolamento - ha scritto Crozier – ma non siamo in guerra, e i miei marinai non devono morire. Se non interveniamo ora, non salveremo l’asset più prezioso del nostro Paese: i nostri militari”.

Da quanto si apprende, solo una minima parte del personale d bordo ha potuto lasciare la nave sbarcando nel porto di Guam, “ma la malattia si diffonde e accelera: servono spazi adeguati alla quarantena il più presto possibile. Rimuovere la maggior parte degli uomini da una portaerei nucleare e isolarli per due settimane può sembrare una misura straordinari, ma è un rischio necessario: tenerli a bordo viola il rapporto di fiducia che i militari ripongono verso il loro Paese, e significa condannarli a morte”. A rispondere al drammatico appello è stato il segretario alla marina Thomas Modly, che ha spiegato di essere al lavoro per trasferire i marinari in strutture a Guam, “ma è difficile trovare strutture con posti letto sufficienti. Coscienti dell’urgenza, stiamo studiando soluzioni alternative”.

Galleria fotografica
Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt - immagine 1
Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt - immagine 2
CORONAVIRUS
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo
Vaccino, una complicata sfida logistica
Vaccino, una complicata sfida logistica
Da mesi, diverse aziende studiano percorsi, itinerari e soluzioni perché le dosi del vaccino Pfizer-BioNTech raggiungano tutte l’Europa senza intoppi. La prossima sfida è fare lo stesso nei Paesi meno attrezzati
Los Angeles, un morto di Covid ogni 10 minuti
Los Angeles, un morto di Covid ogni 10 minuti
Mentre in America è iniziata la vaccinazione di massa, la California resta in prima linea, registrando numeri sconfortanti di morti e nuovi contagi