Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt

| Il contagio a bordo ha ormai superato i 4000 casi accertati su poco più di 5700 militari, e il comandante lancia l’allarme: “I miei marinai non devono morire”

+ Miei preferiti
Meno di una settimana fa, il Pentagono rivelava che a bordo della USS Theodore Roosevelt, portaerei in navigazione verso il Giappone, erano esplosi i contagi di coronavirus. Nel giro di poche ore, dai primi tre casi accertati si era passati a 25, facendo temere il peggio. Seguivano comunicati rassicuranti e la conferma che l’operatività bellica l’enorme portaerei non sarebbe stata minimamente intaccata.

Ma la situazione è precipitata in fretta: in una lettera inviata ai vertici militari e diffusa dal “San Francisco Chronicle”, il comandante Brett Crozier ha chiesto un intervento d’urgenza prima che la situazione collassi in modo irreparabile. I contagiati a bordo hanno raggiunto la preoccupante cifra di 4.000 casi, la quasi totalità, considerando che l’equipaggio è formato da 5.680 militari, 3.200 marinai e 2.480 piloti. “Il virus, considerati gli spazi ridotti della nave, si diffonde velocemente e non è possibile ai marinai rispettare l’isolamento - ha scritto Crozier – ma non siamo in guerra, e i miei marinai non devono morire. Se non interveniamo ora, non salveremo l’asset più prezioso del nostro Paese: i nostri militari”.

Da quanto si apprende, solo una minima parte del personale d bordo ha potuto lasciare la nave sbarcando nel porto di Guam, “ma la malattia si diffonde e accelera: servono spazi adeguati alla quarantena il più presto possibile. Rimuovere la maggior parte degli uomini da una portaerei nucleare e isolarli per due settimane può sembrare una misura straordinari, ma è un rischio necessario: tenerli a bordo viola il rapporto di fiducia che i militari ripongono verso il loro Paese, e significa condannarli a morte”. A rispondere al drammatico appello è stato il segretario alla marina Thomas Modly, che ha spiegato di essere al lavoro per trasferire i marinari in strutture a Guam, “ma è difficile trovare strutture con posti letto sufficienti. Coscienti dell’urgenza, stiamo studiando soluzioni alternative”.

Galleria fotografica
Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt - immagine 1
Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt - immagine 2
CORONAVIRUS
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”