Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt

| Il contagio a bordo ha ormai superato i 4000 casi accertati su poco più di 5700 militari, e il comandante lancia l’allarme: “I miei marinai non devono morire”

+ Miei preferiti
Meno di una settimana fa, il Pentagono rivelava che a bordo della USS Theodore Roosevelt, portaerei in navigazione verso il Giappone, erano esplosi i contagi di coronavirus. Nel giro di poche ore, dai primi tre casi accertati si era passati a 25, facendo temere il peggio. Seguivano comunicati rassicuranti e la conferma che l’operatività bellica l’enorme portaerei non sarebbe stata minimamente intaccata.

Ma la situazione è precipitata in fretta: in una lettera inviata ai vertici militari e diffusa dal “San Francisco Chronicle”, il comandante Brett Crozier ha chiesto un intervento d’urgenza prima che la situazione collassi in modo irreparabile. I contagiati a bordo hanno raggiunto la preoccupante cifra di 4.000 casi, la quasi totalità, considerando che l’equipaggio è formato da 5.680 militari, 3.200 marinai e 2.480 piloti. “Il virus, considerati gli spazi ridotti della nave, si diffonde velocemente e non è possibile ai marinai rispettare l’isolamento - ha scritto Crozier – ma non siamo in guerra, e i miei marinai non devono morire. Se non interveniamo ora, non salveremo l’asset più prezioso del nostro Paese: i nostri militari”.

Da quanto si apprende, solo una minima parte del personale d bordo ha potuto lasciare la nave sbarcando nel porto di Guam, “ma la malattia si diffonde e accelera: servono spazi adeguati alla quarantena il più presto possibile. Rimuovere la maggior parte degli uomini da una portaerei nucleare e isolarli per due settimane può sembrare una misura straordinari, ma è un rischio necessario: tenerli a bordo viola il rapporto di fiducia che i militari ripongono verso il loro Paese, e significa condannarli a morte”. A rispondere al drammatico appello è stato il segretario alla marina Thomas Modly, che ha spiegato di essere al lavoro per trasferire i marinari in strutture a Guam, “ma è difficile trovare strutture con posti letto sufficienti. Coscienti dell’urgenza, stiamo studiando soluzioni alternative”.

Galleria fotografica
Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt - immagine 1
Il drammatico allarme della portaerei Roosevelt - immagine 2
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi