Il Messico vuole chiudere l’ingresso agli americani

| La vendetta è un piatto che va consumato freddo: visto lo scarso numero di contagio, il paese sudamericano ha annunciato misure per evitare l’ingresso agli statunitensi

+ Miei preferiti
Secondo molti esperti e sociologi, quando il coronavirus sarà un ricordo, molte cose cambieranno. Ma in realtà, anche mentre l’epidemia è in corso, stanno diventando normale amministrazione cambiamenti radicali che nessuno, fino a due mesi fa, avrebbe mai sognato di immaginare.

Uno dei più eclatanti è la notizia che il Messico, con molta soddisfazione, ha annunciato che starebbe pensando seriamente all’idea di chiudere i confini con gli Stati Uniti, magari alzando un clamoroso muro che impedisca agli americani di passare. Un’idea confortata dai dati: più di 2000 casi e una cinquantina di morti in America, contro le 16 infezioni e nessun decesso sul territorio messicano.

“Il coronavirus potrebbe arrivare attraverso gli americani: se sarà necessario prenderemo in considerazione delle restrizioni e una più stretta sorveglianza”, ha commentato con un mezzo sorriso sarcastico il ministro della sanità Hugo Lopez-Gatell. Stizzita e immediata la replica di Trump: “Se avessimo avuto confini precari o aperti, il numero di contagi sarebbe di gran lunga superiore”.

CORONAVIRUS
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
L’Europa teme la seconda ondata
L’Europa teme la seconda ondata
Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid