Il Principe Carlo positivo al coronavirus

| La notizia diffusa dall’ufficio stampa di Clarence House: sua moglie Camilla risulta negativa, e i due sono in isolamento in Scozia. La regina è in “buona salute”, precisa Buckingham Palace

+ Miei preferiti
Attraverso una nota ufficiale di “Clarence House”, gli inglesi hanno scoperto che Charles, primogenito di Elisabetta e primo in linea di successione al trono britannico, sarebbe risultato positivo al test del coronavirus.Il principe, che secondo la nota mostra sintomi lievi ed è in buona salute, si trova in autoisolamento in Scozia: nessuna spiegazione al contrario su come abbia contratto l’infezione nel corso dei numerosi incontri pubblici ufficiali a cui ha preso parte nelle ultime settimane.

In un altro comunicato stampa, Buckingham Palace ha riferito che la Regina gode al momento di “buona salute” e starebbe riorganizzando il calendario degli impegni “per una ragionevole precauzione e per ragioni pratiche viste le circostanze attuali”.

Fonti di palazzo ricordano che l’ultimo incontro fra la sovrana ed il figlio risale al 12 marzo scorso, nel corso di una cerimonia di investitura avvenuta a Buckingham Palace. Al temine dell’evento, Carlo ha avuto una serie di incontri e colloqui privati i cui partecipanti sono stati messi al corrente della situazione. Secondo quanto dichiarato dall’ufficio stampa di Clarence House sua moglie Camilla, la Duchessa di Cornovaglia, è stata sottoposta a test e sarebbe risultata negativa.

“In accordo con il governo e su consiglio dei medici, il Principe e la Duchessa si stanno autoisolando a casa in Scozia. I test sono stati effettuati dal NHS nell’Aberdeenshire. Al momento, non è possibile accertare da chi il Principe abbia contratto il virus a causa dell’elevato numero di impegni che ha svolto nel suo ruolo pubblico nelle ultime settimane”. Carlo, 71 anni, è il figlio maggiore della Regina e del il Principe Filippo, Duca di Edimburgo: essendo un ultra settantenne, è considerato un paziente a forte rischio.

Articoli correlati
CORONAVIRUS
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”
Chi sta iniziando a riaprire
Chi sta iniziando a riaprire
Il Texas e il Mississippi annunciano il ritorno al 100% delle attività senza più l’obbligo della mascherina. Israele riapre i locali pubblici, ma solo a chi è stato vaccinato