Il Principe Carlo positivo al coronavirus

| La notizia diffusa dall’ufficio stampa di Clarence House: sua moglie Camilla risulta negativa, e i due sono in isolamento in Scozia. La regina è in “buona salute”, precisa Buckingham Palace

+ Miei preferiti
Attraverso una nota ufficiale di “Clarence House”, gli inglesi hanno scoperto che Charles, primogenito di Elisabetta e primo in linea di successione al trono britannico, sarebbe risultato positivo al test del coronavirus.Il principe, che secondo la nota mostra sintomi lievi ed è in buona salute, si trova in autoisolamento in Scozia: nessuna spiegazione al contrario su come abbia contratto l’infezione nel corso dei numerosi incontri pubblici ufficiali a cui ha preso parte nelle ultime settimane.

In un altro comunicato stampa, Buckingham Palace ha riferito che la Regina gode al momento di “buona salute” e starebbe riorganizzando il calendario degli impegni “per una ragionevole precauzione e per ragioni pratiche viste le circostanze attuali”.

Fonti di palazzo ricordano che l’ultimo incontro fra la sovrana ed il figlio risale al 12 marzo scorso, nel corso di una cerimonia di investitura avvenuta a Buckingham Palace. Al temine dell’evento, Carlo ha avuto una serie di incontri e colloqui privati i cui partecipanti sono stati messi al corrente della situazione. Secondo quanto dichiarato dall’ufficio stampa di Clarence House sua moglie Camilla, la Duchessa di Cornovaglia, è stata sottoposta a test e sarebbe risultata negativa.

“In accordo con il governo e su consiglio dei medici, il Principe e la Duchessa si stanno autoisolando a casa in Scozia. I test sono stati effettuati dal NHS nell’Aberdeenshire. Al momento, non è possibile accertare da chi il Principe abbia contratto il virus a causa dell’elevato numero di impegni che ha svolto nel suo ruolo pubblico nelle ultime settimane”. Carlo, 71 anni, è il figlio maggiore della Regina e del il Principe Filippo, Duca di Edimburgo: essendo un ultra settantenne, è considerato un paziente a forte rischio.

Articoli correlati
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi