Il Principe Carlo positivo al coronavirus

| La notizia diffusa dall’ufficio stampa di Clarence House: sua moglie Camilla risulta negativa, e i due sono in isolamento in Scozia. La regina è in “buona salute”, precisa Buckingham Palace

+ Miei preferiti
Attraverso una nota ufficiale di “Clarence House”, gli inglesi hanno scoperto che Charles, primogenito di Elisabetta e primo in linea di successione al trono britannico, sarebbe risultato positivo al test del coronavirus.Il principe, che secondo la nota mostra sintomi lievi ed è in buona salute, si trova in autoisolamento in Scozia: nessuna spiegazione al contrario su come abbia contratto l’infezione nel corso dei numerosi incontri pubblici ufficiali a cui ha preso parte nelle ultime settimane.

In un altro comunicato stampa, Buckingham Palace ha riferito che la Regina gode al momento di “buona salute” e starebbe riorganizzando il calendario degli impegni “per una ragionevole precauzione e per ragioni pratiche viste le circostanze attuali”.

Fonti di palazzo ricordano che l’ultimo incontro fra la sovrana ed il figlio risale al 12 marzo scorso, nel corso di una cerimonia di investitura avvenuta a Buckingham Palace. Al temine dell’evento, Carlo ha avuto una serie di incontri e colloqui privati i cui partecipanti sono stati messi al corrente della situazione. Secondo quanto dichiarato dall’ufficio stampa di Clarence House sua moglie Camilla, la Duchessa di Cornovaglia, è stata sottoposta a test e sarebbe risultata negativa.

“In accordo con il governo e su consiglio dei medici, il Principe e la Duchessa si stanno autoisolando a casa in Scozia. I test sono stati effettuati dal NHS nell’Aberdeenshire. Al momento, non è possibile accertare da chi il Principe abbia contratto il virus a causa dell’elevato numero di impegni che ha svolto nel suo ruolo pubblico nelle ultime settimane”. Carlo, 71 anni, è il figlio maggiore della Regina e del il Principe Filippo, Duca di Edimburgo: essendo un ultra settantenne, è considerato un paziente a forte rischio.

Articoli correlati
CORONAVIRUS
New York: voci da un pronto soccorso
New York: voci da un pronto soccorso
Le drammatiche testimonianze dei medici dell’University Hospital di Brooklyn raccolte da due giornalisti della CNN: “Preparatevi: è peggiore di qualsiasi incubo abbiate mai avuto”
Non è un virus (solo) per vecchi
Non è un virus (solo) per vecchi
La storia di Ben Luderer, sportivo di 30 anni, morto all’improvviso di coronavirus. Per gli scienziati è uno dei tanti casi del mistero legato al virus, capace di dare sintomi lievi ma anche di uccidere senza pietà
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
L’esperienza della Sars, che nel 2003 ha colpito duro, e la mancanza di annessione all’OMS, ha costretto il Paese asiatico ad agire da solo, creando una delle migliori risposte alla pandemia di tutto il mondo
GB: cresce il numero di «covidiot»
GB: cresce il numero di «covidiot»
Migliaia di persone fermate nei parchi della Gran Bretagna perché prendevano il sole, approfittando delle temperature calde. Per loro, gli inglesi hanno coniato un nuovo termine, che va bene anche per l’Italia
Nessuno parla più di Brexit
Nessuno parla più di Brexit
Da Downing Street ripetono che nulla cambia: il Regno Unito uscirà dalla UE nel dicembre di quest’anno. Ma non dicono che il Paese continua a importare migliaia di tonnellate di merci, comprese forniture mediche e ospedaliere
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
I primi casi individuati nelle enormi e popolate baraccopoli di Mumbai hanno alzato il livello di timori delle autorità sanitarie: “Agire subito, o non saremo mai in grado di sopportare quello che sta succedendo in Europa e America”
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
La denuncia della figlia di Thomas Harvey, infermiere che malgrado i sintomi e i diversi tentativi di farlo ricoverare, è stato costretto a casa, dove è morto per arresto cardiaco
La molte verità della pandemia
La molte verità della pandemia
Terminata la fase critica, secondo gli esperti non sarà così immediato il ritorno alla normalità per quanto riguarda i viaggi. Le responsabilità dell’inquinamento nel propagarsi del contagio. Qual è il vero numero dei morti in Cina?
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore