“Il Regno Unito si prepari alla catastrofe”

| Secondo le stime e i modelli statistici di una società specializzata nell’analisi di dati sanitari, entro la metà di aprile milioni di inglesi potrebbero finire nei reparti di terapia intensiva

+ Miei preferiti
Se le previsioni di “Edge Health” fossero confermate, il Regno Unito sarebbe prossimo ad una catastrofe umanitaria senza precedenti. L’organizzazione, che lavora al fianco dell’NHS, il servizio sanitario nazionale, per modellare e sviluppare i dati medici e sanitari, circa 1,6 milioni di persone nel Regno Unito sarebbero state contagiate. Statistiche e dati che indicano i reali casi di coronavirus in numero molto più elevato di quelli attuali, profilati sul numero di decessi registrati, saliti a 260 in un solo giorno, e che dai 1.019 casi accertati sono balzati di colpo a più di 17.000.

Con un tasso di crescita giornaliera previsto del 20%, la cifra potrebbe attestarsi a 2,8 milioni di persone, riporta “The Sunday Telegraph”. Secondo Edge Health, mentre la cifra ufficiale dei casi di coronavirus al 26 marzo era di 10.000 casi, i numeri reali stimati sarebbero pari a 1.614.505. Con i test non ancora disponibili in gran parte degli ospedali e i tamponi destinati solo a chi è ricoverato, migliaia di persone convivono con il COVID-19 senza saperlo, continuando a spargerlo ovunque vadano.

L’analisi ha stabilito che la città Londra ha avuto 760.590 casi, il numero più alto nel Regno Unito, mentre le Midlands sono osservate speciali, sospettate di essere il prossimo focolaio, con una stima attuale di 282.954 casi, ovvero una persona infettata ogni 15. A Londra non va meglio: in zone come Southwark, Kensington, Lambeth, Brent, Chelsea, Harrow, Wandsworth e Westminster, una persona su dieci è portatrice del virus. Secondo i dati ufficiali, il quartiere londinese più infetto risulta Southwark, con 253 casi accertati e il sospetto che il numero reale si aggiri intorno a 50mila. 

George Bachelor, co-fondatore e direttore di Edge Health, ha commentato il report di simulazione affermando di poter ritenere con scarso margine di errore che il virus continuerà a diffondersi rapidamente nelle prossime due settimane. Chi ha preso il virus prima che il Paese fosse messo in isolamento è probabilmente destinato entro la metà di aprile ad essere ricoverato nei reparti di terapia intensiva. “In modo critico, queste proiezioni si basano su ipotesi non provate, anche se rendono chiara la necessità di rendere ancora più severe le restrizioni suo contatti fisici. La possibilità di effettuare ulteriori test rivelerebbe il numero effettivo di persone infette accelerando il ritorno alla normalità”.

Le cifre sono state stimate da Edge Health ipotizzando un tasso di mortalità dello 0,7% per Londra e dello 0,9 in altre parti del Paese dove la popolazione anziana è più alta. L’epicentro del virus, attualmente concentrato nella capitale, potrebbe spostarsi in aree con un’alta popolazione di persone anziane e meno posti letto disponibili negli ospedali, esattamente come sta accadendo nell’Essex, dove è stato registrato un tasso di crescita giornaliera del 48%, con 213 casi accertati.

Galleria fotografica
“Il Regno Unito si prepari alla catastrofe” - immagine 1
“Il Regno Unito si prepari alla catastrofe” - immagine 2
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi