“Il Regno Unito si prepari alla catastrofe”

| Secondo le stime e i modelli statistici di una società specializzata nell’analisi di dati sanitari, entro la metà di aprile milioni di inglesi potrebbero finire nei reparti di terapia intensiva

+ Miei preferiti
Se le previsioni di “Edge Health” fossero confermate, il Regno Unito sarebbe prossimo ad una catastrofe umanitaria senza precedenti. L’organizzazione, che lavora al fianco dell’NHS, il servizio sanitario nazionale, per modellare e sviluppare i dati medici e sanitari, circa 1,6 milioni di persone nel Regno Unito sarebbero state contagiate. Statistiche e dati che indicano i reali casi di coronavirus in numero molto più elevato di quelli attuali, profilati sul numero di decessi registrati, saliti a 260 in un solo giorno, e che dai 1.019 casi accertati sono balzati di colpo a più di 17.000.

Con un tasso di crescita giornaliera previsto del 20%, la cifra potrebbe attestarsi a 2,8 milioni di persone, riporta “The Sunday Telegraph”. Secondo Edge Health, mentre la cifra ufficiale dei casi di coronavirus al 26 marzo era di 10.000 casi, i numeri reali stimati sarebbero pari a 1.614.505. Con i test non ancora disponibili in gran parte degli ospedali e i tamponi destinati solo a chi è ricoverato, migliaia di persone convivono con il COVID-19 senza saperlo, continuando a spargerlo ovunque vadano.

L’analisi ha stabilito che la città Londra ha avuto 760.590 casi, il numero più alto nel Regno Unito, mentre le Midlands sono osservate speciali, sospettate di essere il prossimo focolaio, con una stima attuale di 282.954 casi, ovvero una persona infettata ogni 15. A Londra non va meglio: in zone come Southwark, Kensington, Lambeth, Brent, Chelsea, Harrow, Wandsworth e Westminster, una persona su dieci è portatrice del virus. Secondo i dati ufficiali, il quartiere londinese più infetto risulta Southwark, con 253 casi accertati e il sospetto che il numero reale si aggiri intorno a 50mila. 

George Bachelor, co-fondatore e direttore di Edge Health, ha commentato il report di simulazione affermando di poter ritenere con scarso margine di errore che il virus continuerà a diffondersi rapidamente nelle prossime due settimane. Chi ha preso il virus prima che il Paese fosse messo in isolamento è probabilmente destinato entro la metà di aprile ad essere ricoverato nei reparti di terapia intensiva. “In modo critico, queste proiezioni si basano su ipotesi non provate, anche se rendono chiara la necessità di rendere ancora più severe le restrizioni suo contatti fisici. La possibilità di effettuare ulteriori test rivelerebbe il numero effettivo di persone infette accelerando il ritorno alla normalità”.

Le cifre sono state stimate da Edge Health ipotizzando un tasso di mortalità dello 0,7% per Londra e dello 0,9 in altre parti del Paese dove la popolazione anziana è più alta. L’epicentro del virus, attualmente concentrato nella capitale, potrebbe spostarsi in aree con un’alta popolazione di persone anziane e meno posti letto disponibili negli ospedali, esattamente come sta accadendo nell’Essex, dove è stato registrato un tasso di crescita giornaliera del 48%, con 213 casi accertati.

Galleria fotografica
“Il Regno Unito si prepari alla catastrofe” - immagine 1
“Il Regno Unito si prepari alla catastrofe” - immagine 2
CORONAVIRUS
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
Downing Street ha studiato un piano di contenimento graduale diviso in tre diversi livelli di allerta. Quello massimo è praticamente un lockdown quasi totale
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
I 9 milioni di abitanti di Qingdao testati dopo l’individuazione di un focolaio collegato al reparto Covid di un ospedale
I vaccini della seconda fase saranno spray?
I vaccini della seconda fase saranno spray?
Non sono solo più pratici e indolori, secondo alcuni studi potrebbero anche essere molto più efficaci. Attualmente sono in fase di studio in diversi centri come terapia secondaria alla prima tornata di vaccinazioni
Il virus si riprende il mondo
Il virus si riprende il mondo
La freddezza dei numeri non lascia molte speranze: i contagi crescono ovunque, e non c’è Paese che non abbia pronti pacchetti di misure restrittive per arginare il virus. Le situazioni peggiori negli Stati Uniti e in India