Il vaccino di Bill Gates in fase di test

| Finanziato dalla fondazione dell’ex fondatore di Microsoft, un’azienda biomedica ha iniziato la fase due dei test su 40 volontari. Entro la fine dell’estate i risultati definitivi

+ Miei preferiti
Non è un segreto che gli Stati Uniti abbiano messo in campo tutta la loro potenza di fuoco medica e biologica per individuare un vaccino e liberarsi del male che sta distruggendo la più forte economia mondiale. Non è altruismo, da Trump non se l’aspetta nessuno, è nell’interesse delle finanze americane, ma la globalità della pandemia fa sì che tutti ne avranno beneficio, prima o poi.

Fra i magnati americani che hanno infuso sforzi e denari nella gara – forse battaglia – per trovare il vaccino che mandi in soffitta il coronavirus, Bill Gates e la sua fondazione sono partiti per tempo finanziando la “Inovio”, un’azienda biotech americana all’avanguardia nella ricerca da cui proprio in queste ore stanno arrivando le prime risposte incoraggianti. Il vaccino contro il Covid-19 è entrato nella fase di sperimentazione sull’uomo, dopo la benedizione della “Food and Drug Admistration”.

Il vaccino - nome provvisorio “Ino-4800” - ieri è stato testato per la prima volta su 40 volontari, fra Philadelphia e Kansas City, che dopo la prima dose ne riceveranno un’altra entro 4 settimane. “È un significativo passo in avanti nella lotta globale al Covid-19 – ha commentato Joseph Kim, presidente e Ceo di Inovio – senza un vaccino efficace, ci sono molte probabilità che la pandemia possa continuare a minacciare il pianeta per lungo tempo. Il nostro team si è mobilitato quando la sequenza genetica del virus è diventata disponibile agli inizi di gennaio, continuando a lavorare 24 ore su 24 per garantire un avanzamento rapido”.

Il passaggio del test sugli esseri umani è arrivato dopo la risposta immunitaria promettente registrata su più modelli animali, e i primi risultati sono previsti entro la fine dell’estate. Nel frattempo, la Inovio si sta attrezzando per implementare la produzione di Ino-4800, per arrivare ad un milione di dosi disponibili entro la fine dell’anno.

CORONAVIRUS
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
Il virus torna a far paura
Il virus torna a far paura
Un nuovo aumento dei casi si registra in tutto il mondo: gli Stati Uniti continuano a guidare la classifica, ma altri Paesi non sono messi meglio
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi