Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?

| Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente

+ Miei preferiti
Farà piacere ai complottisti, l’articolo pubblicato sulla rivista “Science” secondo cui il coronavirus sarebbe “un incidente di laboratorio”. Le conclusioni della ricerca, firmata da una ventina di scienziati che lavorano per alcuni dei più grandi laboratori di ricerca del mondo, si riassumono con una la tesi secondo cui “non è da escludere con certezza che all’origine della pandemia ci sia stata una fuga del virus dal laboratorio di virologia di Wuhan. Riteniamo che la questione meriti un’indagine basata su elementi scientifici, corretta e accurata, e che qualsiasi conclusione debba essere elaborata sui dati disponibili”, commenta David Relman, professore di microbiologia e immunologia alla Stanford University, uno degli autori della ricerca.

Un parere che si discosta dai (pochi) risultati ottenuti dal team di esperti internazionali inviato dall’OMS in Cina e incaricati di presentare un rapporto sulle possibili origini del virus. Fra le conclusioni, gli esperti dell’OMS ritenevano “estremamente improbabile” l’ipotesi dell’incidente.

L’articolo, per di più, parte dalla divulgazione di tre lavori realizzati dal laboratorio di Wuhan fra il 2014 ed il 2019 che conterrebbero dati diversi sul numero di contagi e la natura del virus rispetto a quelli forniti all’opinione pubblica all’inizio della pandemia. Dati che metterebbero addirittura in discussione l’integrità delle sequenze genetiche pubblicate di recente dal laboratorio cinese per spiegare la natura del virus. Per gli esperti sarebbe la prova di “qualcosa di anomalo” che è accaduto all’interno del famigerato istituto di virologia, più volte finito sotto i riflettori del mondo intero.

Tra i firmatari dell’articolo, che sta scuotendo la comunità scientifica, diversi nomi eccellenti: il virologo dell’Università di Washington Jesse Bloom, il professore di microbiologia clinica all’Università di Cambridge Ravindra Gupta e il microbiologo Ralph Baric, uno dei più grandi specialisti del Coronavirus a livello mondiale, che conosce bene le dinamiche dell’istituto di Wuhan.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici