Il virus si diffonde anche parlando o respirando

| Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore

+ Miei preferiti
Non è una bella notizia, quella divulgata da un’autorevole ricerca scientifica illustrata alla Casa Bianca: la ricerca dimostra che il coronavirus si diffonde non solo attraverso tosse e starnuti, ma anche parlando e respirando: “I risultati degli studi sono coerenti con l’aerosolizzazione del virus”, ha spiegato in una nota il dottor Harvey Fineberg, presidente di un comitato scientifico della “National Academy of Sciences”. “Questa lettera risponde alla domanda sulla possibilità che il virus possa essere diffuso anche attraverso la semplice conversazione, oltre alle microgocce prodotte da tosse e starnuti”.

Secondo i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il virus si diffonde quando le persone si trovano a circa due metri di distanza l’una dall’altra “attraverso goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce o starnutisce, ma la ricerca mostra che anche le goccioline aerosolizzate prodotte parlando o forse anche solo respirando possono avere lo stesso effetto”.

Alcune ricerche condotte in un ospedale in Cina dimostrano che il virus può restare sospeso in aria perfino quando medici e infermieri rimuovono l’equipaggiamento protettivo dei pazienti in arrivo. Una teoria confermata anche da una ricerca dell’Università del Nebraska secondo cui del materiale genetico del virus è stato trovato a più di un metro e mezzo di distanza dai loro letti, facendo temere che particelle aerosolizzate possano restare in aria per lungo tempo. Quanto dipende da diversi fattori, tra cui la quantità di microgoccioline che un individuo infetto emette quando respira o parla, e anche dalla quantità di circolazione dell’aria: “Se si genera un effetto aerosol senza circolazione e ricambio dell’aria in una stanza, è concepibile che il virus resti sospeso anche per ore, ma se questo accade all’aperto, è molto probabile che l’aria lo disperderà”.

CORONAVIRUS
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”