Il virus si diffonde anche parlando o respirando

| Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore

+ Miei preferiti
Non è una bella notizia, quella divulgata da un’autorevole ricerca scientifica illustrata alla Casa Bianca: la ricerca dimostra che il coronavirus si diffonde non solo attraverso tosse e starnuti, ma anche parlando e respirando: “I risultati degli studi sono coerenti con l’aerosolizzazione del virus”, ha spiegato in una nota il dottor Harvey Fineberg, presidente di un comitato scientifico della “National Academy of Sciences”. “Questa lettera risponde alla domanda sulla possibilità che il virus possa essere diffuso anche attraverso la semplice conversazione, oltre alle microgocce prodotte da tosse e starnuti”.

Secondo i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il virus si diffonde quando le persone si trovano a circa due metri di distanza l’una dall’altra “attraverso goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce o starnutisce, ma la ricerca mostra che anche le goccioline aerosolizzate prodotte parlando o forse anche solo respirando possono avere lo stesso effetto”.

Alcune ricerche condotte in un ospedale in Cina dimostrano che il virus può restare sospeso in aria perfino quando medici e infermieri rimuovono l’equipaggiamento protettivo dei pazienti in arrivo. Una teoria confermata anche da una ricerca dell’Università del Nebraska secondo cui del materiale genetico del virus è stato trovato a più di un metro e mezzo di distanza dai loro letti, facendo temere che particelle aerosolizzate possano restare in aria per lungo tempo. Quanto dipende da diversi fattori, tra cui la quantità di microgoccioline che un individuo infetto emette quando respira o parla, e anche dalla quantità di circolazione dell’aria: “Se si genera un effetto aerosol senza circolazione e ricambio dell’aria in una stanza, è concepibile che il virus resti sospeso anche per ore, ma se questo accade all’aperto, è molto probabile che l’aria lo disperderà”.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi