Il virus si diffonde anche parlando o respirando

| Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore

+ Miei preferiti
Non è una bella notizia, quella divulgata da un’autorevole ricerca scientifica illustrata alla Casa Bianca: la ricerca dimostra che il coronavirus si diffonde non solo attraverso tosse e starnuti, ma anche parlando e respirando: “I risultati degli studi sono coerenti con l’aerosolizzazione del virus”, ha spiegato in una nota il dottor Harvey Fineberg, presidente di un comitato scientifico della “National Academy of Sciences”. “Questa lettera risponde alla domanda sulla possibilità che il virus possa essere diffuso anche attraverso la semplice conversazione, oltre alle microgocce prodotte da tosse e starnuti”.

Secondo i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il virus si diffonde quando le persone si trovano a circa due metri di distanza l’una dall’altra “attraverso goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce o starnutisce, ma la ricerca mostra che anche le goccioline aerosolizzate prodotte parlando o forse anche solo respirando possono avere lo stesso effetto”.

Alcune ricerche condotte in un ospedale in Cina dimostrano che il virus può restare sospeso in aria perfino quando medici e infermieri rimuovono l’equipaggiamento protettivo dei pazienti in arrivo. Una teoria confermata anche da una ricerca dell’Università del Nebraska secondo cui del materiale genetico del virus è stato trovato a più di un metro e mezzo di distanza dai loro letti, facendo temere che particelle aerosolizzate possano restare in aria per lungo tempo. Quanto dipende da diversi fattori, tra cui la quantità di microgoccioline che un individuo infetto emette quando respira o parla, e anche dalla quantità di circolazione dell’aria: “Se si genera un effetto aerosol senza circolazione e ricambio dell’aria in una stanza, è concepibile che il virus resti sospeso anche per ore, ma se questo accade all’aperto, è molto probabile che l’aria lo disperderà”.

CORONAVIRUS
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
Downing Street ha studiato un piano di contenimento graduale diviso in tre diversi livelli di allerta. Quello massimo è praticamente un lockdown quasi totale
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
I 9 milioni di abitanti di Qingdao testati dopo l’individuazione di un focolaio collegato al reparto Covid di un ospedale
I vaccini della seconda fase saranno spray?
I vaccini della seconda fase saranno spray?
Non sono solo più pratici e indolori, secondo alcuni studi potrebbero anche essere molto più efficaci. Attualmente sono in fase di studio in diversi centri come terapia secondaria alla prima tornata di vaccinazioni
Il virus si riprende il mondo
Il virus si riprende il mondo
La freddezza dei numeri non lascia molte speranze: i contagi crescono ovunque, e non c’è Paese che non abbia pronti pacchetti di misure restrittive per arginare il virus. Le situazioni peggiori negli Stati Uniti e in India