In 3 settimane il kit del coronavirus: l’efficienza di un’azienda sudcoreana

| Alle prime avvisaglie dell’epidemia, l’ad della “Seegene” ha spostato tutti i suoi dipendenti sulla creazione di un kit per individuare il coronavirus. Oggi tutto il mondo si rivolge a loro

+ Miei preferiti
Il 16 gennaio, Chun Jong-yoon, amministratore delegato e fondatore della società di biotecnologie molecolari “Seegene”, ha riunito il suo team per annunciare che era giunto il momento di concentrarsi sul coronavirus. Quattro giorni prima che la Corea del Sud confermasse il suo primo caso. “Anche se nessuno ce lo chiede, siamo una società di diagnosi molecolare, dobbiamo prepararci in anticipo”.

Due mesi dopo, la Corea del Sud è tra i Paesi più colpiti al mondo, con oltre 7.800 persone infette e più di 60 morti. Ma una delle ragioni per cui potrebbe avere un numero di infezioni più alto rispetto ad altri Paesi è l’approccio aggressivo ai test. Mentre alcuni Paesi faticano ad ottenere abbastanza kit per diagnosticare i pazienti sospetti, la Corea del Sud ha fornito un accesso gratuito e facile a qualunque medico ritenga di averne bisogno. I centri per il controllo e la prevenzione delle malattie del Paese (KCDC) assicurano che il Paese dispone di 118 strutture che possono effettuare i test, e tutti inviano i risultati al KCDC. Ad oggi, il paese ha testato più di 230mila persone.

Il laboratorio ha persino sviluppato strutture per il test del coronavirus “drive-through”, dove gli automobilisti sono accolti da operatori sanitari vestiti con tute protettive: “Individuare i pazienti nella fase iniziale è molto importante - ha confermato il ministro della salute Park Neung-hu - siamo una società aperta che tenta di proteggere la libertà delle persone che si spostano e viaggiano. Per questo stiamo conducendo una quantità massiccia di test”.

Nel seminterrato della sede centrale di Seegene a Seoul si trova la chiave del successo. Lì l’azienda ospita un avveniristico computer basato sull’intelligenza artificiale che ha permesso di sviluppare rapidamente un test per il coronavirus. I kit di analisi sono costituiti da diverse fiale di soluzioni chimiche: i campioni vengono prelevati dai pazienti e mescolati con le soluzioni, che reagiscono in presenza di determinati geni.

Senza il computer, il team avrebbe impiegato due o tre mesi, invece sono bastate poche settimane. Prima del 24 gennaio, gli scienziati avevano ordinato le materie prime necessarie per i kit di prova, e quattro giorni dopo sono arrivate: il 5 febbraio, la prima versione del test era pronta.

Si trattava della terza volta in cui l’azienda utilizzava il super computer per progettare un test, era già stato fatto per realizzare kit di diagnosi per l’infiammazione dell’uretra. La società è stata in grado di progettare il test utilizzando solo i dettagli genetici del virus, senza neanche avere un campione di Covid-19, e non è stato necessario che le squadre lavorassero 24 ore su 24, solo poche persone dovevano essere coinvolte.

L’ostacolo era quello di far approvare il test: in Corea del Sud può volerci un anno e mezzo per presentare i documenti necessari alle autorità, ma questa volta è bastata una settimana. Lee Dae-hoon, che ha guidato il team di scienziati nello sviluppo del test, ha passato tutta la sua vita a lavorare sulle malattie, ma non ricorda di aver mai visto approvare un kit così velocemente.

Il 12 febbraio Seegene ha ottenuto l’approvazione, e gli scienziati hanno avuto la certezza che il loro test funzionava, perché il governo l’aveva valutato utilizzando campioni prelevati dai pazienti.

A metà febbraio, i casi di coronavirus in Corea del Sud hanno registrato un picco drammatico: il 23, il presidente del Paese, Moon Jae-in, ha portato al massimo livello l’allerta crisi nel Paese. “Siamo a un punto di svolta e i prossimi giorni saranno molto critici. Dobbiamo identificare le persone infette il prima possibile e impedire che il virus si diffonda ulteriormente”. A quel punto, Chun ha chiesto ai suoi 395 dipendenti di abbandonare tutto per concentrarsi sulla produzione di kit per il coronavirus. Perfino i biologi micro molecolari con dottorato di ricerca hanno dovuto lasciare le loro ricerche per prendere posto nella catena di montaggio.

Seegene è una delle quattro aziende nazionali che forniscono kit di test per il coronavirus in Corea del Sud. Ma l’azienda sta anche facendo fronte alla domanda di circa 30 paesi - tra cui Italia e Germania - alcuni dei quali utilizzano i prodotti Seegene sui pazienti. All’inizio, l’azienda ha faticato a soddisfare la domanda, ma ora ha la situazione sotto controllo: produce circa 10.000 kit alla settimana e ogni kit può testare 100 pazienti. Quanto basta per testare un milione di pazienti ogni settimana, ad un costo inferiore a 20 dollari per test. “Dobbiamo contribuire in un modo o nell’altro a risolvere il problema il prima possibile. Ecco perché forniamo kit a tutto il mondo”.

Galleria fotografica
In 3 settimane il kit del coronavirus: l’efficienza di un’azienda sudcoreana - immagine 1
CORONAVIRUS
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve