«In America è l’inizio di una nuova fase»

| La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno

+ Miei preferiti
Medico e immunologo newyorkese specializzata nella ricerca sui vaccini, dal marzo di quest’anno la dottoressa Deborah Birx è la “Coronavirus Response Coordinator” della Task Force creata dalla Casa Bianca. Ma come per il suo collega, Anthony fauci, più volte si è vista costretta a rettificare e tamponare le affermazioni di Trump e del suo vice, Mike Pence.

Ieri mattina, la Birx ha lanciato un allarme che sta scuotendo tutti i 50 stati americani: “Quello a cui stiamo assistendo è diverso da quanto è successo fra marzo e aprile. Il virus è ormai straordinariamente diffuso ovunque, nelle zone rurali come nelle grandi aree urbane. Neanche chi vive lontano dalle grandi città può sentirsi immune o protetto: anche a loro, se vivono in famiglie multigenerazionali, consiglio vivamente di indossare la mascherina anche in casa”.

Una nuova proiezione, pubblicata dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, prevede più di 173.000 morti entro il 22 agosto, e l’ex amministratore della Food and Drug Administrator Scott Gottlieb si è spinto ancora più in là, prevedendo un numero di decessi pari a 300mila entro la fine dell’anno, se il paese non cambia traiettoria.

Secondo la Birx, il numero di morti dipenderà in gran parte dagli sforzi degli Stati del sud e dell’ovest, diventati punti caldi del virus. “Ci sono focolai improvvisi che si diffondono in modo veloce e aggressivo che dobbiamo assolutamente fermare”.

Alla domanda se fosse arrivato il momento per l’America di un “reset”, la dottoressa ha risposto diplomaticamente, forse ricordando che poche settimane fa, il vicepresidente Mike Pence aveva dichiarato in un’intervista al Wall Street Journal che gli Stati Uniti stavano “vincendo la battaglia” e che “non c’era alcun pericolo di una seconda ondata”. Ogni stato, ha proseguito la dottoressa Birx, ha bisogno di “un approccio su misura” al Covid-19.

L’amministrazione Trump ha lasciato molte delle decisioni al buon senso dei governatori, consentendo loro di decidere quando far rispettare o annullare le disposizioni contro il coronavirus e quando chiudere e riaprire le attività economiche dei loro Stati. Una questione chiave continua a essere quella se consentire il ritorno a scuola o meno degli studenti dall’inizio dell’anno scolastico. “Dipende: se la comunità registra un alto numero di casi, proprio come chiediamo alla gente di non andare nei bar, di non fare feste in casa e non creare occasioni di diffusione, forse sarebbe meglio pensare ad un inizio delle lezioni a distanza”.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, nell’ultimo fine settimana gli Stati Uniti hanno registrato più di 4,6 milioni di casi di infezione e 154.449 morti.

CORONAVIRUS
A Madrid si rischiano migliaia di morti
A Madrid si rischiano migliaia di morti
Braccio di ferro fra il governo centrale e le autorità cittadine sull’entità del lockdown, al momento imposto ad alcune zone. Situazione in rapido peggioramento anche nel resto d’Europa
«Si rischiano altri due milioni di morti»
«Si rischiano altri due milioni di morti»
L’allarme dell’OMS mentre le cifre globali superano i 32 milioni di casi e raggiungono un milione di decessi. Gli scienziati mettono in dubbio l’efficacia della prima generazione del vaccino
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente