La carica dei vaccini

| Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno

+ Miei preferiti
Chi l’avrebbe detto che il mondo avrebbe imparato a familiarizzare i nomi di colossi farmaceutici? AstraZeneca, Pfizer/BioNTech e Moderna, fino ad allora sconosciuti alle masse se non incrociando il nome mentre si rigirava fra le mani una confezione di farmaci, sono ormai nel gergo comune, di tutti i giorni. E non siamo che all’inizio, perché i nomi dei due colossi arrivati per primi nella corsa al vaccino, stanno per aggiungersi quelli della concorrenza, un po’ più lenta ma prossima a sottoporre i propri prodotti all’esame dell’EMA, l’agenzia europea del farmaco a cui spetta il compito di valutarli e autorizzarne l’uso nella UE.

Il primo in ordine di arrivo dovrebbe essere il vaccino “Johnson&Johnson”, e dato con un’efficacia del 66%, ma con due grossi vantaggi: la somministrazione in dose unica e la conservazione a temperature da normale frigorifero. Promesso in 400 milioni di dosi destinate all’Europa (60 per l’Italia) – anche se sono già annunciati rallentamenti - il vaccino J&J è attualmente al vaglio dei tecnici dell’EMA, che si prevede possa dare l’ok verso fine mese, inizi di marzo.

Il secondo in ordine di apparizione dovrebbe essere il vaccino della tedesca “CureVac”, ormai giunto alla fase 3 di sperimentazione: simile a quello Pfizer/BioNTech e Moderna, la piccola biotech potrebbe essere supportata nella produzione dal colosso “Bayer”, anche sulla spinta della UE, che spinge sulle partnership proprio per accorciare i tempi. Le prime delle 405 milioni di dosi acquistati da Bruxelles dovrebbero arrivare in primavera.

Pochi giorni fa, l’EMA ha annunciato il via al processo di valutazione del vaccino americano “Novavax”, annunciato con un’efficacia dell’89,3% ma scarsamente efficace contro la pericolosa variante sudafricana, che ne abbassa l’efficacia al 60.

Servirà ancora più tempo per il “Reithera”, il vaccino italiano, prodotto e confezionato a Castel Romano: completata la prima fase, a fine gennaio è iniziata la seconda, che si prolungherà facilmente fin dopo l’estate. Al termine della terza fase, non ancora programmata, l’azienda sarà in grado di produrne 10 milioni di dosi al mese, e non è ancora chiaro se sarà necessaria la doppia inoculazione.

La fine dell’estate potrebbe portare in dono l’arrivo del vaccino “Valneva”, azienda franco-austriaca che ha già siglato un ordine di acquisto di 100 milioni di dosi dal Regno Unito e altri 60 milioni dalla UE. Sempre francese è il vaccino “Sanofi”, che collabora con l’inglese “GSK” per aggiungere alle dosi gli adiuvanti per gli anziani. Considerato uno dei più rapidi e promettenti dalla comunità scientifica, può essere conservato in frigo e dovrebbe arrivare verso il mese di ottobre in 300 milioni di dosi.

A guadagnare terreno è lo “Sputnik” russo, che si avvia all’ok da parte dell’EMA: viene dato con un’efficacia altissima, pari al 91%, e al momento l’azienda sta fornendo i dati della sperimentazione e le schede cliniche dei volontari alla commissione europea. Al momento non c’è una data indicativa del suo arrivo.

Pechino ha approvato poche ore fa il “CoronaVac”, vaccino dell’azienda cinese statale “Sinovac”, secondo a ricevere il via libera in patria dopo quello sviluppato in collaborazione con la “Sinopharm”. Secondo l’azienda, il vaccino avrebbe dimostrato un’efficacia di poco superiore al 50% nella prevenzione dell’infezione e dell’80% delle forme più gravi.

CORONAVIRUS
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”