La Cina vieta la vendita
di animali selvatici

| Dopo le proteste giunte da tutto il mondo, Pechino ha emanato delle direttive che entro l’anno dovrebbero diventare legge. Ma secondo gli esperti sono ancora troppo lacunose e di diversa interpretazione

+ Miei preferiti
Finalmente, al netto di epidemie che da anni ammorbano il pianeta, i cinesi sembrano averlo capito: da Pechino è arrivato l’altolà alla vendita e l’allevamento di animali selvatici. L’abominevole abitudine di considerare commestibile qualsiasi essere si muova, venduto nella promiscuità di mercati come quello di Wuhan, dove pare sia nato il coronavirus, ha obbligato Pechino ad una vistosa marcia indietro, atto dovuto nei confronti del resto del mondo, che paga le conseguenze delle loro abitudini scellerate.

Anche se non è ancora chiaro quale animale abbia trasferito il virus all’uomo - pipistrello, serpente e pangolino - la Cina ha riconosciuto di dover tenere sotto controllo l’industria della fauna selvatica se vuole evitare un’altra epidemia. Alla fine di febbraio, Pechino ha imposto un divieto temporaneo su tutti gli allevamenti e sul consumo di “animali selvatici di importante valore ecologico, scientifico e sociale”, che dovrebbe diventare legge entro la fine di quest’anno.

Ma porre fine al commercio sarà difficile. Le radici culturali sull’uso di animali selvatici sono profonde non solo per il cibo ma anche per la medicina tradizionale, l’abbigliamento, gli ornamenti e persino gli animali domestici. Non è la prima volta che i funzionari cinesi cercano di contenere il commercio. Nel 2003, gli zibetti sono stati banditi e abbattuti in gran numero dopo che si è scoperto che probabilmente hanno trasferito il virus della SARS agli esseri umani. Anche la vendita di serpenti è stata brevemente vietata a Guangzhou dopo la stessa epidemia.

Ma oggi i piatti che utilizzano gli animali sono ancora consuetudine in alcune parti della Cina. Gli esperti di salute pubblica dicono che il divieto è un primo passo importante, ma chiedono a Pechino di cogliere questa opportunità cruciale per colmare le lacune - come l’uso di animali selvatici nella medicina tradizionale cinese - e iniziare un progressivo cambiamento degli atteggiamenti culturali intorno al consumo di animali selvatici.

Il mercato dei frutti di mare di Wuhan, al centro dell’epidemia di coronavirus del romanzo, vendeva molto di più del solo pesce: serpenti, cani, procioni, istrici e cervi erano solo alcune delle specie stipate all’interno delle gabbie, fianco a fianco con gli acquirenti e i venditori: venivano macellati direttamente al mercato, davanti ai clienti. Ma il mercato di Wuhan non era un’eccezione: in tutta la Cina continentale, centinaia di mercati simili offrono una vasta gamma di animali esotici di ogni tipo.

La CNN aveva diffuso un video postato su Weibo da un cittadino preoccupato, ma poco dopo è stato cancellato per via della censura governativa.

È in questa massa di animali selvatici che gli scienziati ritengono che il coronavirus si sia diffuso per la prima volta tra gli esseri umani. Il pericolo di un’epidemia si presenta quando animali provenienti da ambienti diversi sono tenuti nelle immediate vicinanze. “Questi animali hanno i loro virus - ha detto il Lee Poon, virologo dell’Università di Hong Kong – e questi virus possono saltare da una specie all’altra fin quando una può diventare una sorta di amplificatore. Quando un gran numero di persone visita i mercati ogni giorno, aumenta notevolmente il rischio che il virus passi agli esseri umani”.

Annie Huang, una studentessa universitaria di 24 anni della provincia meridionale del Guangxi, ammette che lei e la sua famiglia visitano regolarmente ristoranti che servono piatti a base di animali selvatici: è considerato un bene per la salute, perché i commensali assorbono anche la forza fisica e la resistenza degli animali. Ma gli animali esotici possono anche essere un importante status symbol: “Sono costosi, , un pavone può costare fino a 800 yuan, quasi 150 dollari”.

Ma secondo la dottoressa Huang, difficilmente il divieto sarà efficace a lungo termine: “Il commercio potrebbe restare in sospeso per qualche mese, ma dopo un po’ la gente potrebbe tornare a richiederli”.

Pechino non ha pubblicato un elenco completo degli animali selvatici inclusi nel divieto, ma l’attuale legge sulla protezione della fauna selvatica fornisce alcuni indizi su ciò che potrebbe essere vietato: classifica i lupi, i gatti, gli zibetti e le pernici come animali selvatici, e afferma che le autorità “dovrebbero prendere misure” per proteggerli, con poche informazioni sulle specifiche restrizioni. Il nuovo divieto prevede esenzioni per il “bestiame”, con polli, piccioni e conigli riclassificati per consentirne il commercio.

Ma i tentativi di controllare la diffusione delle malattie sono ostacolati anche dal fatto che in Cina, l’industria degli animali esotici e selvatici muove un giro d’affari enorme: un rapporto governativo del 2017 ha rilevato che il commercio di animali selvatici vale più di 73 miliardi di dollari e dà lavoro a oltre un milione di persone.

Da quando il virus ha colpito, lo scorso dicembre, quasi 20.000 allevamenti di animali selvatici in sette province cinesi sono stati chiusi o messi in quarantena, compresi gli allevatori specializzati in pavoni, volpi, cervi e tartarughe. Non è chiaro quali effetti il divieto potrebbe avere sul futuro dell’industria, ma ci sono segnali che la popolazione cinese potrebbe essersi allontanata dal consumare animali selvatici già prima dell’epidemia. A Pechino, l’80% dei residenti si è opposto al consumo.

Dopo l’epidemia di coronavirus, il commercio di animali esotici è stato oggetto di aspre critiche e da ogni parte del mondo si richiede un giro di vite. Un gruppo di 19 accademici dell’Accademia cinese delle scienze ha rilasciato una dichiarazione pubblica in cui si chiede la fine del commercio, affermando che dovrebbe essere trattato come una “questione di sicurezza pubblica”.

Un ostacolo significativo al divieto totale del commercio di animali selvatici è l’uso nella medicina tradizionale cinese, fortemente promossa dal presidente Xi Jinping: “La medicina tradizionale è un tesoro della civiltà cinese che incarna la saggezza della nazione e del suo popolo”.

Non a caso, il nuovo divieto fa un’eccezione per gli animali selvatici usati nella medicina tradizionale: in quell’ambito, l’uso non è illegale, ma va “rigorosamente controllato”. L’annuncio non chiarisce come sarà messo in atto il monitoraggio e quali saranno le eventuali sanzioni, lasciando la porta aperta agli abusi.

Non è d’accordo l’attivista Aron White, secondo cui con le nuove restrizioni c’è il rischio che la fauna selvatica sia ufficialmente venduta o allevata per uso medico, ma poi trafficata come cibo: “Il governo cinese dovrebbe evitare scappatoie estendendo il divieto a tutti gli animali selvatici vulnerabili, indipendentemente dal loro uso”.

In uno studio pubblicato su International Health a febbraio, alcuni ricercatori statunitensi e cinesi hanno monitorato gli atteggiamenti degli abitanti di zone rurali: un contadino quarantenne del Guangdong è convinto che mangiare pipistrelli possa prevenire il cancro. Un altro dopo un grave infortunio afferma di aver avuto sollievo solo quando un amico gli ha preparato una zuppa di serpenti.

E un divieto assoluto potrebbe sollevare altrettanti interrogativi e problemi. Il presidente dell’Ecohealth Alliance, Peter Daszak, è convinto che se il commercio fosse reso illegale favorirebbe la nascita di un mercato nero in zone dove è più facile nascondere gli animali, col rischio che la situazione possa diventare potenzialmente ancora più pericolosa.

Galleria fotografica
La Cina vieta la vendita<br>di animali selvatici - immagine 1
La Cina vieta la vendita<br>di animali selvatici - immagine 2
La Cina vieta la vendita<br>di animali selvatici - immagine 3
La Cina vieta la vendita<br>di animali selvatici - immagine 4
CORONAVIRUS
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione