La cintura del virus

| È difficile fare previsioni, ma gli scienziati concordano nell’affermare che il coronavirus predilige le temperature basse (ma non troppo), costanti e con poca umidità. Il calore lo farà sparire, ma potrebbe tornare in autunno

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti

In realtà, in questo periodo critico e zeppo di fake news, si fa un po’ fatica a credere al fatto che sembrerebbe esserci una “cintura del coronavirus” dove la malattia si sta sviluppando in modo più rapido che altrove. In realtà le cinture sono due, rispettivamente a nord e a sud dell’equatore, nelle zone più temperate del pianeta. Quella nell’emisfero boreale è un po’ più ampia e comprende – oltre a buona parte della Cina – anche Corea del Sud, Francia, Germania, Iran, un pezzo degli Stati Uniti: inutile dirlo, anche l’Italia è nel cuore di questa cintura.

Invece, quella australe è decisamente più sottile e tocca solamente la Nuova Zelanda e la parte più meridionale dell’America Latina, dove però in questo momento è ancora estate.

Sono gli scienziati dell’università del Maryland (e che fanno parte del “Global Virus Network”, una coalizione internazionale di virologi che sta studiando il caso) ad aver stabilito l’interessante correlazione tra la diffusione e le caratteristiche climatiche delle zone in cui si è manifestata COVID-19.

Secondo loro sono latitudine, temperatura e umidità i tre elementi chiave dello stretto corridoio tra i 30 e i 50 gradi di latitudine, dove le temperature medie attualmente sono tra i 5 e gli 11 gradi Celsius e l’umidità tra il 47 e il 79%: è qui che il coronavirus è letteralmente esploso. Non a caso, la Lombardia ha una temperatura media di 9° Celsius e un’umidità tra il 68 e il 75%.

Sempre a sentire gli scienziati statunitensi, il COVID-19 è meno virulento nelle zone dove la temperatura scende e quindi potrebbe significare che non riesca a sopravvivere al freddo.

C’è un altro fattore comune che unisce i Paesi di questa fascia: l’esplosione dell’epidemia coincide con temperature relativamente stabili per un periodo superiore a un mese. E a conferma di ciò gli scienziati mettono in evidenza come le zone che avrebbero potuto essere più colpite per la vicinanza con la Cina, non hanno patito l’attacco violento del coronavirus. In Thailandia i casi sono 80, 47 in Vietnam, 7 in Cambogia e nessuno in Birmania. Tra gennaio e febbraio a Wuhan la temperatura media è stata di 6,8°, a Seoul di 7,9°, a Teheran tra i 7 e i 15°, a Piacenza di 8-10°, a Milano 6-9°.

La teoria degli esperti del Maryland è che il coronavirus si comporta come tutte le influenze che attaccano l’apparato respiratorio e sopportano meglio il freddo perché hanno un rivestimento di grassi che perde quando fa caldo. Se ciò accade all’interno del corpo umano diventa particolarmente virulento, se all’esterno invece arriva la sua morte.

Gli scienziati ritengono che la causa di questo comportamento sono la melatonina e la vitamina D: quest’ultima attivata dall’esposizione ai raggi ultravioletti riduce le malattie che riguardano il sistema respiratorio. Lo studio del Maryland non è l’unico che svolto sul tema e gli studiosi di tutto il mondo sono molto attivi nel cercare ogni modo per frenare la pandemia. Alcuni ricercatori dell’università cinese di Guangzhou hanno dichiarato che il coronavirus viaggia meglio intorno agli 8,7° Celsius, mentre quelli dell’università di Tsinghua (a Pechino) sostengono che con temperature basse e umidità limitate si registrano più casi rispetto alle aree più calde e umide. Secondo loro, quindi, l’estate potrebbe ridurre la trasmissione in modo significativo.

Anche dalla Germania giunge una conferma a queste notizie. Infatti, secondo una ricerca dell’ospedale di Greifswald e dell’università Ruhr di Bochum, sembra che coronavirus simili a questo vivano più a lungo in condizioni fresche e umide: a 4° può rimanere in vita per 28 giorni mentre oltre i 30° sparisce in breve tempo. Per questo motivo consigliano di disinfettare ogni oggetto con soluzioni al 60% di alcol denaturato, etanolo, acqua ossigenata o ipoclorito di sodio.

Infine, grazie al Global Virus Network gli scienziati stanno cercando di prevedere le prossime espansioni di COVID-19. Questa associazione internazionale di virologi medici (il cui obiettivo è aiutare la comunità medica internazionale nel migliorare il rilevamento e la gestione delle malattie virali) prevede che nel nostro emisfero la pandemia si estenderà verso nord, anche uscendo dall’attuale corridoio. Presto quindi saranno coinvolte anche la Scozia e l’Irlanda (dove COVID-19 è attesa tra qualche giorno), il nord della Cina – dove finora la diffusione è stata limitata – e la Columbia per quanto riguarda gli Stati Uniti. In pratica, in zone dove finora le temperature erano più basse del presunto habitat ideale del virus.

Resta tuttavia un grande punto interrogativo: che cosa succederà se questo coronavirus dovese mutare nuovamente, come ha già fatto? Al momento non c’è risposta, gli scienziati e i ricercatori hanno invece pochi dubbi sul fatto che probabilmente sparirà in estate, ma tornerà in autunno.

CORONAVIRUS
Casi in aumento in Asia,
ma nessun timore
Casi in aumento in Asia,<br>ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Russia, la storia oscura della pandemia
Russia, la storia oscura della pandemia
La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown