La coppia che salverà il mondo

| Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”

+ Miei preferiti
L’annuncio del colosso farmaceutico americano “Pfizer”, sull’efficacia al 90% di un vaccino (quello dell’influenza varia fra il 40 ed il 60%, per capirci) che entro il prossimo anno sarà pronto in miliardi di dosi, ha ridato fiato alle speranze del mondo intero di uscire dal tunnel della pandemia. Ma dietro la storia del vaccino salva-pianeta, sta facendo il giro del mondo la storia della “BioNTech”, l’azienda tedesca di biotecnologia partner della Pfizer nella ricerca.

La BioNTech, quotata al “Nasdaq” dal 2019, proprietaria di sei siti produttivi e di ricerca, con 1.300 dipendenti e un giro d’affari di 798 milioni di dollari, rappresenta la storia di Ugur Sahin e Oezlem Tuereci, marito e moglie, entrambi medici e ambedue figli di “Gastarbeiter”, i migranti turchi. Oggi, secondo il quotidiano tedesco “Welt am Sonntag”, sono tra le 100 persone più ricche di tutta la Germania.

Ugur arriva nella fredda Colonia da bambino con la famiglia: il padre trova lavoro alla Ford come operaio, ma riesce ad assecondare il desiderio del figlio di frequentare l’università e laurearsi in biologia e immunoterapia. È esattamente lì che incontra Ozlem, la donna della sua vita, con un passato molto simile al suo: arriva in Germania come migrante, ma riesce a studiare e coronare il suo sogno di laurearsi. Uniti dall’amore e dalla ricerca, Ugur e Oezlem sono diventati in queste ore il “dream team” che si nasconde dietro al vaccino che potrebbe cambiare i destini del mondo.

La loro azienda, la BioNTech, è una storia di un successo professionale che non li ha cambiati per niente: Ugur Sahin va al lavoro in bicicletta, lei si divide fra la famiglia, la spesa e il lavoro. Insieme hanno affinato gli studi sul sistema immunitario come potenziale alleato nella lotta contro il cancro e studiano come affrontare la composizione genetica di ogni tumore.

La loro vita di imprenditori inizia nel 2001 quando fondano la “Ganymed Pharmaceuticals” per sviluppare anticorpi contro il cancro, ma già da allora Sahin – attualmente professore all’università di Magonza – ha scelto di dividersi fra la ricerca e l’insegnamento. Nel 2016, i due vendono la Ganynmed alle “Astellas” giapponesi per 1,4 miliardi di dollari, denaro che usano per fondare la BioNTech, con l’obiettivo di perseguire una gamma molto più ampia di strumenti per l’immunoterapia del cancro. La Bill & Melinda Gates Foundation crede così tanto nel loro lavoro da investire 55 milioni di dollari nell’azienda, che attualmente lavora anche su programmi per l’HIV e la tubercolosi.

Alla metà dello scorso gennaio, Ugur legge sulle pagine della rivista scientifica “Lancet” di uno strano virus che sta iniziando a colpire in modo indiscriminato nella zona di Wuhan, in Cina. Per chi fa il suo mestiere, intuire che il mondo sta per piombare in un incubo è un attimo.

Insieme a sua moglie e i loro team di ricercatori si concentrano sull’obiettivo di trovare uno scudo al virus, che nel frattempo ha iniziato a mettere in ginocchio il mondo intero.

L’annuncio del vaccino arriva in realtà quando le fasi di sperimentazione sono in corso, anche se in via di conclusione. Ma quanto riscontrato su 94 volontari lascia ben sperare: mancano ancora l’appello certezze sulla durata della protezione che offrirebbe, anche se Pfizer e BioNTech sono certe che si parli di un anno e forse più.

Ad accompagnare l’entusiasmo per la scoperta anche Anthony Fauci, il direttore per le malattie infettive degli Stati Unit, che parlando di due società estremamente “affidabili”, parla di “notizia straordinaria”, che tuttavia nulla toglie alla necessità di proteggersi in attesa dell’arrivo dei vaccini.

Pfizer e BioNTech si dicono pronte a sfornare 50 milioni di dosi entro la fine dell’anno, sufficienti per vaccinare 25 milioni di persone, più altri 1,3 miliardi entro il prossimo anno.

Galleria fotografica
La coppia che salverà il mondo - immagine 1
La coppia che salverà il mondo - immagine 2
La coppia che salverà il mondo - immagine 3
CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi