La difficile missione del team OMS in Cina

| Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena

+ Miei preferiti
Inizia nel peggiore dei modi, la tanto sospirata missione del team inviato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in Cina, per indagare sulle cause del virus che ha messo in ginocchio il pianeta.

A due membri del team, che ha raggiunto la città di Wuhan – considerata l’epicentro del Covid-19 – le autorità cinesi hanno vietato l’ingresso perché risultati positivi ai controlli durante lo scalo a Singapore, malgrado 

L’OMS avesse certificato che al momento della partenza il gruppo era risultato negativo. Gli altri 13 componenti della delegazione saranno obbligati a due settimane di completo isolamento, anche se hanno annunciato l’intenzione di iniziare “immediatamente” il loro compito.

Alla delegazione dell’OMS è stato concesso l’ingresso in Cina ad un anno e 2 milioni di morti dopo l’inizio della pandemia: è la conclusione di mesi di trattative per consentire alla delegazione di esperti di fare finalmente chiarezza sui motivi scatenanti del virus e ricostruire con la massima accuratezza possibile quanto è accaduto, senza tralasciare il momento del passaggio del virus all’uomo.

Più che per addossare le colpe alla Cina, in lavoro del team è considerato fondamentale per poter prevenire casi futuri e prepararsi nel caso accada di nuovo. Per arrivare al risultato, l’OMS ha dovuto rinunciare ad un’indagine indipendente, accettando l’idea che la squadra sia costantemente seguita da funzionari sanitari cinesi. E malgrado il programma di lavoro non sia stato reso noto, appare assai improbabile che la squadra possa arrivare a monte della questione.

Il team si fermerà fra le quattro e le cinque settimane, e le autorità cinesi tendono a sminuire la missione, preferendo parlare di “scambio di opinioni fra scienziati ed esperti sulla cooperazione scientifica” e tentando di allontanare le eventuali colpe e mancanze citando un’origine del problema che “dovrebbe coinvolgere più paesi”. Secondo la propaganda cinese, il virus sarebbe stato addirittura “importato”, secondo una corrente di pensiero addirittura dall’Italia.

CORONAVIRUS
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Una serie di passi falsi, di decisioni sbagliate prese in vista delle elezioni, di riluttanza e lentezza, hanno trascinato il Paese europeo in una situazione di enorme gravità
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Malgrado l’avvicinarsi delle Olimpiadi, finora sarebbero state inoculate solo 18mila dosi. Il problema risale a due casi di diversi anni fa, che da allora hanno minato la fiducia dei giapponesi nei vaccini
Israele allenta le restrizioni
Israele allenta le restrizioni
Dopo ulteriori analisi hanno accertato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% contro le forme più gravi del virus, Israele inizia ad assaporare un graduale ma confortante ritorno alla normalità
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
Chi arriva dai Paesi inseriti nella “red list” sarà obbligato a due settimane di soggiorno in albergo, con 2 tamponi e controlli ferrei, spendendo di tasca propria 2.000 euro circa
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
È il primo, fondamentale risultato della missione scientifica a Wuhan: i casi non erano concentrati in focolai, ma sparsi in tutta la regione. Attesa per una seconda missione, che vorrebbe avere accesso a 200mila campioni di sangue
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
È il più economico e facile da trasportare, quello su cui l’OMS puntava per distribuirlo in modo massiccio ai paesi poveri. Ma uno studio sembra confermare la scarsa copertura contro le nuove varianti del virus
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Il virus si era annidato nei due ascensori di un condominio di Bilbao: 5 morti e 33 persone contagiate
La carica dei vaccini
La carica dei vaccini
Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Il Paese ha riaperto al turismo attirando migliaia di europei, ma i casi di Covid sono in aumento. Eppure, le autorità non hanno intenzione di chiudere, cercando di raggiungere un difficile compromesso
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
Al momento, il mix di due vaccini diversi per la prima e la seconda dose è in fase di sperimentazione, ma gli scienziati inglesi sono fiduciosi: per l’Ebola ha funzionato