La Francia sotto shock per la morte di Julie

| A 16 anni, è una delle vittime della pandemia più giovani di tutta l’Europa. Aveva da giorni un po’ di tosse, poi la situazione è precipitata: “Nessuno è al sicuro”, ribadisce la sorella

+ Miei preferiti
Più di 3.800 casi e quasi 300 morti in un solo giorno: la Francia tenta in ogni modo di contenere la pandemia, ammettendo che il peggio deve ancora arrivare. Morti e malati sono da mettere nel conto, lo sanno tutti, ma il Paese è ugualmente sotto shock per la fine improvvisa di Julie Alliot, una ragazzina della banlieue di Parigi di 16 anni vittima del coronavirus: una morte che si porta dietro il segnale inquietanti che il virus inizia a colpire non solo gli anziani, ma anche le fasce più giovani della popolazione.

La ragazza, ha raccontato sua mamma Sabine sotto shock, era una persona sanissima, senza malattie e problemi di alcun tipo, “Non avremo mai una risposta: aveva un po’ di tosse da una settimana, prendeva lo sciroppo e aveva fatto qualche inalazione a base di erbe. Sabato ha iniziato a mancarle il fiato e la dottoressa di famiglia ci ha consigliato di chiamare l’ospedale. Julie viene ricoverata, ma dopo aver fatto le lastre i medici avevano visto qualche problema, ma ‘nulla di grave’, ci hanno detto”. Nella notte, Julie viene colta da un’insufficienza respiratoria e sottoposta a tampone: trasferita nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Necker, racconta alla mamma di avere forti dolori al petto. “I risultati del tampone hanno dato esito negativo e sono tornata a casa, ma il giorno dopo è arrivata la rettifica: Julie è positiva, ha il coronavirus”. Viene intubata quando ha ormai perso conoscenza, e poche ore dopo muore.

Manon, la sorella di Julie, in isolamento insieme alla madre, ha lanciato un appello sulle pagine di “le Parisien”: “Bisogna smettere di credere che tutto questo riguardi solo le persone anziane. Nessuno è invincibile e al riparo. Mia sorella amava ballare, cantare e far sorridere la gente: tenerla ferma era impossibile”.

CORONAVIRUS
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Una lettera inviata alle più grandi città americane chiede di organizzare luoghi ed elenchi per la distribuzione alle fasce più a rischio. Le perplessità di Fauci e della comunità scientifica
I rapporti della task force della Casa Bianca tenuti segreti
I rapporti della task force della Casa Bianca tenuti segreti
L’ottimismo del presidente, che continua a vedere la pandemia sconfitta, stride con i rapporti della task force divulgati ieri, che nelle stesse ore mostravano numeri allarmanti