La Francia sotto shock per la morte di Julie

| A 16 anni, è una delle vittime della pandemia più giovani di tutta l’Europa. Aveva da giorni un po’ di tosse, poi la situazione è precipitata: “Nessuno è al sicuro”, ribadisce la sorella

+ Miei preferiti
Più di 3.800 casi e quasi 300 morti in un solo giorno: la Francia tenta in ogni modo di contenere la pandemia, ammettendo che il peggio deve ancora arrivare. Morti e malati sono da mettere nel conto, lo sanno tutti, ma il Paese è ugualmente sotto shock per la fine improvvisa di Julie Alliot, una ragazzina della banlieue di Parigi di 16 anni vittima del coronavirus: una morte che si porta dietro il segnale inquietanti che il virus inizia a colpire non solo gli anziani, ma anche le fasce più giovani della popolazione.

La ragazza, ha raccontato sua mamma Sabine sotto shock, era una persona sanissima, senza malattie e problemi di alcun tipo, “Non avremo mai una risposta: aveva un po’ di tosse da una settimana, prendeva lo sciroppo e aveva fatto qualche inalazione a base di erbe. Sabato ha iniziato a mancarle il fiato e la dottoressa di famiglia ci ha consigliato di chiamare l’ospedale. Julie viene ricoverata, ma dopo aver fatto le lastre i medici avevano visto qualche problema, ma ‘nulla di grave’, ci hanno detto”. Nella notte, Julie viene colta da un’insufficienza respiratoria e sottoposta a tampone: trasferita nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Necker, racconta alla mamma di avere forti dolori al petto. “I risultati del tampone hanno dato esito negativo e sono tornata a casa, ma il giorno dopo è arrivata la rettifica: Julie è positiva, ha il coronavirus”. Viene intubata quando ha ormai perso conoscenza, e poche ore dopo muore.

Manon, la sorella di Julie, in isolamento insieme alla madre, ha lanciato un appello sulle pagine di “le Parisien”: “Bisogna smettere di credere che tutto questo riguardi solo le persone anziane. Nessuno è invincibile e al riparo. Mia sorella amava ballare, cantare e far sorridere la gente: tenerla ferma era impossibile”.

CORONAVIRUS
Israele allenta le restrizioni
Israele allenta le restrizioni
Dopo ulteriori analisi hanno accertato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% contro le forme più gravi del virus, Israele inizia ad assaporare un graduale ma confortante ritorno alla normalità
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
Chi arriva dai Paesi inseriti nella “red list” sarà obbligato a due settimane di soggiorno in albergo, con 2 tamponi e controlli ferrei, spendendo di tasca propria 2.000 euro circa
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
È il primo, fondamentale risultato della missione scientifica a Wuhan: i casi non erano concentrati in focolai, ma sparsi in tutta la regione. Attesa per una seconda missione, che vorrebbe avere accesso a 200mila campioni di sangue
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
È il più economico e facile da trasportare, quello su cui l’OMS puntava per distribuirlo in modo massiccio ai paesi poveri. Ma uno studio sembra confermare la scarsa copertura contro le nuove varianti del virus
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Il virus si era annidato nei due ascensori di un condominio di Bilbao: 5 morti e 33 persone contagiate
La carica dei vaccini
La carica dei vaccini
Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Il Paese ha riaperto al turismo attirando migliaia di europei, ma i casi di Covid sono in aumento. Eppure, le autorità non hanno intenzione di chiudere, cercando di raggiungere un difficile compromesso
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
La ricetta anglosassone: il cocktail di vaccini
Al momento, il mix di due vaccini diversi per la prima e la seconda dose è in fase di sperimentazione, ma gli scienziati inglesi sono fiduciosi: per l’Ebola ha funzionato
La squadra dell’OMS nel laboratorio di Wuhan
La squadra dell’OMS nel laboratorio di Wuhan
Finito al centro delle teorie cospirative, il “Wuhan Institute of Virology” è la prossima tappa della squadra di scienziati, che domenica hanno anche avuto accesso al “wet market” di Huanan
Australia, un caso mette in lockdown 2 milioni di persone
Australia, un caso mette in lockdown 2 milioni di persone
Cinque giorni di stop per la popolazione dell’area metropolitana di Perth e delle regioni Peel e South West. Il contagiato, una guardia di sicurezza di un hotel, probabilmente infettato della variante inglese del virus