La Francia sotto shock per la morte di Julie

| A 16 anni, è una delle vittime della pandemia più giovani di tutta l’Europa. Aveva da giorni un po’ di tosse, poi la situazione è precipitata: “Nessuno è al sicuro”, ribadisce la sorella

+ Miei preferiti
Più di 3.800 casi e quasi 300 morti in un solo giorno: la Francia tenta in ogni modo di contenere la pandemia, ammettendo che il peggio deve ancora arrivare. Morti e malati sono da mettere nel conto, lo sanno tutti, ma il Paese è ugualmente sotto shock per la fine improvvisa di Julie Alliot, una ragazzina della banlieue di Parigi di 16 anni vittima del coronavirus: una morte che si porta dietro il segnale inquietanti che il virus inizia a colpire non solo gli anziani, ma anche le fasce più giovani della popolazione.

La ragazza, ha raccontato sua mamma Sabine sotto shock, era una persona sanissima, senza malattie e problemi di alcun tipo, “Non avremo mai una risposta: aveva un po’ di tosse da una settimana, prendeva lo sciroppo e aveva fatto qualche inalazione a base di erbe. Sabato ha iniziato a mancarle il fiato e la dottoressa di famiglia ci ha consigliato di chiamare l’ospedale. Julie viene ricoverata, ma dopo aver fatto le lastre i medici avevano visto qualche problema, ma ‘nulla di grave’, ci hanno detto”. Nella notte, Julie viene colta da un’insufficienza respiratoria e sottoposta a tampone: trasferita nel reparto di rianimazione dell’ospedale pediatrico Necker, racconta alla mamma di avere forti dolori al petto. “I risultati del tampone hanno dato esito negativo e sono tornata a casa, ma il giorno dopo è arrivata la rettifica: Julie è positiva, ha il coronavirus”. Viene intubata quando ha ormai perso conoscenza, e poche ore dopo muore.

Manon, la sorella di Julie, in isolamento insieme alla madre, ha lanciato un appello sulle pagine di “le Parisien”: “Bisogna smettere di credere che tutto questo riguardi solo le persone anziane. Nessuno è invincibile e al riparo. Mia sorella amava ballare, cantare e far sorridere la gente: tenerla ferma era impossibile”.

CORONAVIRUS
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione