La lezione di Djokovic al mondo

| L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione

+ Miei preferiti
“Fin dal primo giorno dell’organizzazione dell’Adria Tour, abbiamo seguito tutte le regole e le misure prescritte dalle istituzioni governative e da quelle sanitarie”, commentava Novak Djokovic la settimana scorsa, prima del torneo di tennis che aveva organizzato per beneficenza. “Abbiamo rispettato tutto, ma il risultato è allucinante”.

La situazione è diventata meno allucinante martedì scorso, quando il numero uno del tennis mondiale ha annunciato che lui e sua moglie Jelena sono risultati entrambi positivi al coronavirus. “Tutto quello che abbiamo fatto nell’ultimo mese, l’abbiamo fatto col cuore e mossi da intenzioni sincere - ha aggiunto il campione serbo dopo l’annuncio di aver contratto la malattia - il nostro torneo doveva unire e lanciare un messaggio di solidarietà in tutto il mondo”.

Ma ha scoperto a proprie spese che al Covid-19 non importa quanto siano pure le intenzioni, così come seguire linee guida sanitarie sia sinonimo di garanzia quando si ha a che fare con un virus che coglie ogni opportunità per diffondersi. Lo dimostrano anche i casi in costante aumento negli Stati Uniti come in altri paesi di tutto il mondo: illudersi che la vita possa riprendere come prima può avere conseguenze devastanti.

Nonostante le critiche ricevute da altri tennisti, Djokovic aveva sottolineato la volontà di portare avanti il torneo, spiegando che la situazione sanitaria in Serbia e in Croazia erano molto diverse dai luoghi più colpiti, ed era quindi “molto difficile” pensare il peggio.

Un evento sportivo di beneficenza potrebbe apparire moralmente scusabile rispetto ad un raduno politico in uno stato americano ad alto rischio, ma l’esito non cambia: invitare la folla a riunirsi significa mettere tutti i presenti in grave pericolo.

A difesa di Djokovic, lo svolgimento del torneo non ha infranto alcuna regola: anche se le tribune del “Novak Tennis Centre” di Belgrado, a quanto si dice, erano gremite, non c’era nulla di illegale, poiché la Serbia ha revocato il divieto di raduni pubblici all’aperto, e non c’erano motivi per preoccuparsi. “Potete anche criticarci e dire che questo è pericoloso, ma non spetta a me decidere cosa è giusto o sbagliato: stiamo facendo quello che ci dice il governo serbo”.

La drammatica realtà è che in questa fase si assiste sempre più spesso a ondate di infezioni che viaggiano in parallelo con l’allentamento delle misure. Paesi come la Cina e la Germania hanno inserito nuovamente misure precauzionali in alcune aree a seguito della comparsa di nuovi focolai, e in tutta l’America, negli stati in cui le restrizioni sono state tolte, i picchi continuano a puntare verso l’alto.

Il risultato è la drammatica consapevolezza della capacità del virus di riconquistare spazi, sottovalutata da governi e individui come Djokovic: perché tutto ciò che il mondo dava per assodato sul coronavirus si sta rivelando sbagliato. Solo tre o quattro mesi fa, era teoria comune pensare che i giovani fossero quasi del tutto immuni all’infezione. Ora, le infezioni tra ventenni e trentenni sono in forte aumento: l’età media dei pazienti di Covid-19 in Florida è di 36 anni, in netto calo rispetto ai 65 dell’inizio di marzo. Così come la convinzione iniziale che i bambini fossero relativamente al sicuro dal virus, è andata dissipandosi man mano che sono state scoperte altre potenziali complicazioni, costringendo l’OMS ad un’inversione di tendenza delle prime raccomandazioni.

Djokovic si dice “estremamente dispiaciuto per ogni caso di infezione” individuato dopo il torneo di Adria. E visto che molti paesi continuano ad abbassare o eliminare le restrizioni, la lezione impartita dal miglior tennista del mondo suona come un avvertimento: il coronavirus non è per nulla vinto e sconfitto. È qui.

CORONAVIRUS
La virologa cinese fuggita
per raccontare la verità
La virologa cinese fuggita<br>per raccontare la verità
Alla dottoressa Li-Meng Yan è stato chiesto di indagare su un nuovo virus, ma di considerare segreti i risultati. Terrorizzata all’idea di quanto poteva succedere, lei ha raccontato tutto ad un blogger e ha chiesto protezione in America
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro