La luce in fondo al virus

| Le previsioni di un istituto di ricerca statunitense affermano che - almeno in Cina, Italia e Spagna - il peggio dovrebbe essere passato, con il picco della pandemia superato. Il contagio è invece ancora in crescita nel resto d’Europa

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti

Il progetto “International Human Microbiome Standards” (IHMS) della facoltà di Medicina dell’università di Washington ha coordinato lo sviluppo di procedure operative standard per ottimizzare la qualità e la comparabilità dei dati nel campo del microbioma umano. Alla base di questi studi, la ricerca della comprensione dettagliata della simbiosi uomo-microbo che richiede una precisa caratterizzazione dei microrganismi associati all’uomo, il microbioma umano. Per raggiungere l’ambizioso obiettivo, gli studiosi dell’IHMS ritengono essere della massima importanza che i dati generati in ciascuno dei molti grandi progetti di ricerca sul metagenoma umano siano perfettamente comparabili. Ecco i motivi per cui il progetto dell’università di Washington analizza con attenzione lo sviluppo del coronavirus e prova a ipotizzare futuri scenari per indirizzare la ricerca.

IHMS ritiene che in Europa il picco della pandemia si registrerà nella settimana dopo Pasqua con i contagi che dall’Europa meridionale si espanderanno rapidamente in tutto il continente. La previsione annuncia quasi 152mila morti in quella che i ricercatori definiscono la prima ondata della pandemia. Sempre IHMS ritiene che negli Stati Uniti i decessi saranno quasi 82 mila.

Gli studiosi dell’università di Washington hanno analizzato nel dettaglio anche la situazione italiana, affermando che - se non ci saranno allentamenti nelle misure di distanziamento sociale che potrebbero provocare ricadute - l’Italia ha superato la fase di picco, tranne la Puglia che dovrebbe raggiungere l’apice del contagio il 16 aprile. La previsione sulla fine della pandemia nel nostro Paese è stimata al 19 maggio: questa data potrebbe slittare più avanti se ci saranno deroghe nel distanziamento sociale che provocherebbero la nascita di nuovi imprevisti focolai. Complessivamente, al 4 di agosto gli esperti ritengono che i morti in Italia dovrebbero essere 20.300.

Il direttore dell’IHME Christopher Murray afferma che molti stati europei dovranno affrontare ora le peggiori settimane della pandemia e che sembra probabile, analizzando i comportamenti di istituzioni e cittadini, che negli Stati Uniti il numero dei morti possa superare le attuali proiezioni.

Drammatica per i ricercatori la situazione che si prospetta nel Regno Unito: si prevede che nella fase di picco della pandemia la necessità di posti letto dovrebbe essere di 103mila a fronte del 17.765 disponibili, mentre potrebbero essere necessari oltre 25mila posti in terapia intensiva quando ne esistono attualmente solo 799. IHMS conclude affermando che per quanto riguarda i respiratori, le richieste saranno quasi 21mila, ma non è conosciuta la quantità attualmente disponibile.

In sintesi, Italia e Spagna dovrebbero aver superato il picco e la situazione di crisi peggiore, mentre le altre nazioni europee lo raggiungeranno a partire dalla prossima settimana, per prime Olanda, Irlanda, Lussemburgo e Austria: il governo di Vienna sembra tuttavia andare in direzione contraria, avendo annunciato la riapertura delle attività commerciali e produttive.

Le altre nazioni . come Regno Unito, Germania, Norvegia, Grecia, Repubblica Ceca e Romania - sono ancora in una fase di forte crescita del contagio e all’IHMS ritengono che i morti aumenteranno sensibilmente a partire dalla prossima settimana.

Infine, l’IHME ha annunciato che le previsioni si basano sul modello di picco di morti e ospedalizzazioni a Wuhan (in Cina, dove tutto è iniziato) e in alcune aree europee che hanno già raggiunto il picco: Madrid, Castile-La Mancha, Emilia-Romagna, Liguria, Piemonte e Lombardia. Di tutte queste zone, al momento solo Wuhan ha raggiunto quota zero per nuovi casi.

CORONAVIRUS
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Russia, la storia oscura della pandemia
Russia, la storia oscura della pandemia
La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown