La luce in fondo al virus

| Le previsioni di un istituto di ricerca statunitense affermano che - almeno in Cina, Italia e Spagna - il peggio dovrebbe essere passato, con il picco della pandemia superato. Il contagio è invece ancora in crescita nel resto d’Europa

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti

Il progetto “International Human Microbiome Standards” (IHMS) della facoltà di Medicina dell’università di Washington ha coordinato lo sviluppo di procedure operative standard per ottimizzare la qualità e la comparabilità dei dati nel campo del microbioma umano. Alla base di questi studi, la ricerca della comprensione dettagliata della simbiosi uomo-microbo che richiede una precisa caratterizzazione dei microrganismi associati all’uomo, il microbioma umano. Per raggiungere l’ambizioso obiettivo, gli studiosi dell’IHMS ritengono essere della massima importanza che i dati generati in ciascuno dei molti grandi progetti di ricerca sul metagenoma umano siano perfettamente comparabili. Ecco i motivi per cui il progetto dell’università di Washington analizza con attenzione lo sviluppo del coronavirus e prova a ipotizzare futuri scenari per indirizzare la ricerca.

IHMS ritiene che in Europa il picco della pandemia si registrerà nella settimana dopo Pasqua con i contagi che dall’Europa meridionale si espanderanno rapidamente in tutto il continente. La previsione annuncia quasi 152mila morti in quella che i ricercatori definiscono la prima ondata della pandemia. Sempre IHMS ritiene che negli Stati Uniti i decessi saranno quasi 82 mila.

Gli studiosi dell’università di Washington hanno analizzato nel dettaglio anche la situazione italiana, affermando che - se non ci saranno allentamenti nelle misure di distanziamento sociale che potrebbero provocare ricadute - l’Italia ha superato la fase di picco, tranne la Puglia che dovrebbe raggiungere l’apice del contagio il 16 aprile. La previsione sulla fine della pandemia nel nostro Paese è stimata al 19 maggio: questa data potrebbe slittare più avanti se ci saranno deroghe nel distanziamento sociale che provocherebbero la nascita di nuovi imprevisti focolai. Complessivamente, al 4 di agosto gli esperti ritengono che i morti in Italia dovrebbero essere 20.300.

Il direttore dell’IHME Christopher Murray afferma che molti stati europei dovranno affrontare ora le peggiori settimane della pandemia e che sembra probabile, analizzando i comportamenti di istituzioni e cittadini, che negli Stati Uniti il numero dei morti possa superare le attuali proiezioni.

Drammatica per i ricercatori la situazione che si prospetta nel Regno Unito: si prevede che nella fase di picco della pandemia la necessità di posti letto dovrebbe essere di 103mila a fronte del 17.765 disponibili, mentre potrebbero essere necessari oltre 25mila posti in terapia intensiva quando ne esistono attualmente solo 799. IHMS conclude affermando che per quanto riguarda i respiratori, le richieste saranno quasi 21mila, ma non è conosciuta la quantità attualmente disponibile.

In sintesi, Italia e Spagna dovrebbero aver superato il picco e la situazione di crisi peggiore, mentre le altre nazioni europee lo raggiungeranno a partire dalla prossima settimana, per prime Olanda, Irlanda, Lussemburgo e Austria: il governo di Vienna sembra tuttavia andare in direzione contraria, avendo annunciato la riapertura delle attività commerciali e produttive.

Le altre nazioni . come Regno Unito, Germania, Norvegia, Grecia, Repubblica Ceca e Romania - sono ancora in una fase di forte crescita del contagio e all’IHMS ritengono che i morti aumenteranno sensibilmente a partire dalla prossima settimana.

Infine, l’IHME ha annunciato che le previsioni si basano sul modello di picco di morti e ospedalizzazioni a Wuhan (in Cina, dove tutto è iniziato) e in alcune aree europee che hanno già raggiunto il picco: Madrid, Castile-La Mancha, Emilia-Romagna, Liguria, Piemonte e Lombardia. Di tutte queste zone, al momento solo Wuhan ha raggiunto quota zero per nuovi casi.

CORONAVIRUS
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Una lettera inviata alle più grandi città americane chiede di organizzare luoghi ed elenchi per la distribuzione alle fasce più a rischio. Le perplessità di Fauci e della comunità scientifica
I rapporti della task force della Casa Bianca tenuti segreti
I rapporti della task force della Casa Bianca tenuti segreti
L’ottimismo del presidente, che continua a vedere la pandemia sconfitta, stride con i rapporti della task force divulgati ieri, che nelle stesse ore mostravano numeri allarmanti
Inghilterra e Germania, i negazionisti in piazza
Inghilterra e Germania, i negazionisti in piazza
A Berlino e Londra due cortei sfilano per chiedere la fine delle misure di contenimento e dell’uso della mascherina, accusando medici e infermieri di essere la causa della farsa del virus