La luce in fondo al virus

| Le previsioni di un istituto di ricerca statunitense affermano che - almeno in Cina, Italia e Spagna - il peggio dovrebbe essere passato, con il picco della pandemia superato. Il contagio è invece ancora in crescita nel resto d’Europa

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti

Il progetto “International Human Microbiome Standards” (IHMS) della facoltà di Medicina dell’università di Washington ha coordinato lo sviluppo di procedure operative standard per ottimizzare la qualità e la comparabilità dei dati nel campo del microbioma umano. Alla base di questi studi, la ricerca della comprensione dettagliata della simbiosi uomo-microbo che richiede una precisa caratterizzazione dei microrganismi associati all’uomo, il microbioma umano. Per raggiungere l’ambizioso obiettivo, gli studiosi dell’IHMS ritengono essere della massima importanza che i dati generati in ciascuno dei molti grandi progetti di ricerca sul metagenoma umano siano perfettamente comparabili. Ecco i motivi per cui il progetto dell’università di Washington analizza con attenzione lo sviluppo del coronavirus e prova a ipotizzare futuri scenari per indirizzare la ricerca.

IHMS ritiene che in Europa il picco della pandemia si registrerà nella settimana dopo Pasqua con i contagi che dall’Europa meridionale si espanderanno rapidamente in tutto il continente. La previsione annuncia quasi 152mila morti in quella che i ricercatori definiscono la prima ondata della pandemia. Sempre IHMS ritiene che negli Stati Uniti i decessi saranno quasi 82 mila.

Gli studiosi dell’università di Washington hanno analizzato nel dettaglio anche la situazione italiana, affermando che - se non ci saranno allentamenti nelle misure di distanziamento sociale che potrebbero provocare ricadute - l’Italia ha superato la fase di picco, tranne la Puglia che dovrebbe raggiungere l’apice del contagio il 16 aprile. La previsione sulla fine della pandemia nel nostro Paese è stimata al 19 maggio: questa data potrebbe slittare più avanti se ci saranno deroghe nel distanziamento sociale che provocherebbero la nascita di nuovi imprevisti focolai. Complessivamente, al 4 di agosto gli esperti ritengono che i morti in Italia dovrebbero essere 20.300.

Il direttore dell’IHME Christopher Murray afferma che molti stati europei dovranno affrontare ora le peggiori settimane della pandemia e che sembra probabile, analizzando i comportamenti di istituzioni e cittadini, che negli Stati Uniti il numero dei morti possa superare le attuali proiezioni.

Drammatica per i ricercatori la situazione che si prospetta nel Regno Unito: si prevede che nella fase di picco della pandemia la necessità di posti letto dovrebbe essere di 103mila a fronte del 17.765 disponibili, mentre potrebbero essere necessari oltre 25mila posti in terapia intensiva quando ne esistono attualmente solo 799. IHMS conclude affermando che per quanto riguarda i respiratori, le richieste saranno quasi 21mila, ma non è conosciuta la quantità attualmente disponibile.

In sintesi, Italia e Spagna dovrebbero aver superato il picco e la situazione di crisi peggiore, mentre le altre nazioni europee lo raggiungeranno a partire dalla prossima settimana, per prime Olanda, Irlanda, Lussemburgo e Austria: il governo di Vienna sembra tuttavia andare in direzione contraria, avendo annunciato la riapertura delle attività commerciali e produttive.

Le altre nazioni . come Regno Unito, Germania, Norvegia, Grecia, Repubblica Ceca e Romania - sono ancora in una fase di forte crescita del contagio e all’IHMS ritengono che i morti aumenteranno sensibilmente a partire dalla prossima settimana.

Infine, l’IHME ha annunciato che le previsioni si basano sul modello di picco di morti e ospedalizzazioni a Wuhan (in Cina, dove tutto è iniziato) e in alcune aree europee che hanno già raggiunto il picco: Madrid, Castile-La Mancha, Emilia-Romagna, Liguria, Piemonte e Lombardia. Di tutte queste zone, al momento solo Wuhan ha raggiunto quota zero per nuovi casi.

CORONAVIRUS
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni