La parola magica sarà clorochina?

| Di fianco ad una propagazione sempre più pandemica del virus, spuntano sui media internazionali anche news positive: infezioni in calo in Cina e Corea del Sud e soprattutto le prime cure che sembrano avere effetto sui pazienti

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti

La mole di notizie e informazioni dedicate al coronavirus – e a tutti gli aspetti connessi – che ci travolgono in questi giorni sono davvero una valanga, alcune decisamente negative se non allarmistiche, alcune vere e altre infine senza fonti credibili a suffragarle.

Pur con il beneficio d’inventario, nelle ultime ore hanno cominciato a essere pubblicate notizie un po’ meno negative diffuse da fonti giornalistiche affidabili.

Innanzitutto il fatto che la Cina ha chiuso il suo ultimo ospedale interamente indirizzato a curare pazienti con la COVID-19, in quanto i nuovi casi in arrivo sono pressoché azzerati e non ha senso tenere in piedi una struttura del genere.

Sempre in Cina, la Apple ha deciso di riaprire le sue attività nel Paese asiatico e una donna di 103 è stata curata per sei giorni a Wuhan e pare sia guarita, mentre in Corea del Sud è in calo il numero di nuovi casi.

I ricercatori dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam dichiarano di aver trovato un anticorpo in grado di combattere la COVID-19, alcuni scienziati israeliani dovrebbero annunciare presto lo sviluppo in stadio avanzato di un vaccino contro il coronavirus e una rete di ricercatori canadesi afferma di essere a buon punto nella ricerca di una cura. E ancora, una società biotecnologica di San Diego in California sta sviluppando un vaccino in collaborazione con la prestigiosa università statunitense “Duke” e con l’università nazionale di Singapore.

La “Cleveland Clinic” in Ohio ha sviluppato un test COVID-19 che permette di conoscere l’esito in alcune ore (e non in giorni come l’attuale) e sembra che il plasma di pazienti guariti permetta di curare più efficacemente quelli ancora malati.

Alcuni demografi affermano che l’Italia è stata colpita più duramente di altre nazioni anche perché la popolazione ha l’età media più anziana d’Europa.

Negli Stati Uniti – nonostante l’infezione si stia propagando rapidamente – tre pazienti in Maryland sono guariti e tornati alla vita di tutti giorni e a Tulsa in Oklahoma il primo caso conclamato della contea è tornato a dare esito negativo al test.

I sette pazienti in cura nell’ospedale “Safdarjung” di Nuova Delhi sono guariti e sempre dall’India arriva la notizia che i medici dovrebbero aver raggiunto raggiunto risultati positivi nel combattere il coronavirus con una combinazione di diversi farmaci e clorofenamina (un antistaminico che cura i sintomi delle allergie, dell’orticaria e delle riniti di qualsiasi origine) e suggeriscono di provare questo composto in tutto il mondo.

Sempre con un medicinale a base di cloro (benché completamente diverso) è la cura suggerita dalla Francia. Didier Raoult, direttore dell’Institut hospitalo-universitaire Méditerranée di Marsiglia, ha rilasciato un’intervista al quotidiano “Les Echos” in cui annuncia i risultati della sua sperimentazione clinica utilizzando la clorochina. Si tratta di un antimalarico già dimostratosi efficace a livello sperimentale e sugli animali contro numerosi virus, tra cui il coronavirus della SARS. Il Planequil – questo il nome commerciale del medicinale utilizzato dal professor Raoult – insieme con un antibiotico utilizzato per le polmoniti batteriche, dopo 6 giorni di test avrebbe ottenuto ottimi risultati: solo il 25 per cento dei pazienti trattati (6 su 24) era ancora portatore del virus, mentre senza somministrazione del medicinale questo valore sarebbe del 90 per cento.

È stato Andrea Savarino, ora all’Istituto Superiore di Sanità, che nel 2003 propose l’uso della clorochina per curare la SARS, con un articolo sulla rivista scientifica “Lancet Infectious Diseases”. L’ipotesi del ricercatore era basata sull’effetto antivirale ad ampio spettro generato della clorochina e sulle sue proprietà nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Questa teoria fu in seguito confermata dal team di Marc Van Ranst della Katholieke Universiteit di Leuven in Belgio, che dimostrò gli effetti inibitori della clorochina sul coronavirus della SARS dapprima in vitro e quindi su topi infettati con un altro coronavirus.

La ricerca quindi non si ferma e queste notizie fanno ben sperare che presto dovrebbe arrivare una cura anche per COVID-19.

CORONAVIRUS
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano