La storia di Xiao, esule in Cina

| Un camionista della provincia dell’Hubei era in viaggio di consegne quando è scoppiata l’epidemia. Da allora vaga per la Cina, scacciato in malo modo ovunque e costretto a sopravvivere come può

+ Miei preferiti
Anche Xiao Honbing, a modo suo, è una vittima del coronavirus. In realtà non è uno dei milioni di contagiati, è un cinese che si è salvato, ma si porta appresso una di marchio che lo rende una sorta di bomba a orologeria: è di Wuhan.

Xiao è un camionista partito ai primi di gennaio con il suo Tir per un giro di consegne, come gli succedeva da tanti anni, e quando nella sua città è esplosa l’epidemia seguita dal lockdown, lui era ormai lontano migliaia di km. Di tornare a casa non se ne parlava, ma anche restare è diventata un’impresa: la targa che indica la provincia di Hubei lo rende un appestato che nessuno vuole. Ha girato e rigirato per settimane per la Cina, scacciato in malo modo dove tentava di fare una sosta, fermandosi a dormire nelle piazzole di emergenza e chiamando regolarmente sua moglie, a cui raccontava di essere stremato, affamato, stanco e sporco, ma che prima o poi sarebbe tornato. È andato avanti così per settimane, fin quando una pattuglia della polizia l’ha fermato su ciglio di un’autostrada dello Shaanxi. Gli agenti scoprono la sua storia, parlano con il comando e per qualche giorno fanno la spola per portargli del cibo, qualche coperta e un po’ di conforto, alla fine lo scortano fino ad un’area di servizio che da più di un mese è diventata casa sua. Almeno ci sono i bagni, qualcosa da mangiare e un minimo di mondo che passa, anche se di fretta.

Alla storia di Xiao Honbing manca ancora un lieto fine, ma almeno la Cina sa, ha scoperto la sua vicenda trasformando il piccolo camionista nel simbolo della discriminazione che il popolo cinese vive sulla pelle da quando è esploso il coronavirus. Una vicenda che ricorda la trama di “The Terminal”, il film in cui Tom Hanks interpretata l’esule di un paese che non esisteva più, a cui era vietato uscire dall’aeroporto di New York. Ma questa volta è il contrario: Xiao non può entrare da nessuna parte.

Una vicenda che ha scatenato la solidarietà del mondo intero: da settimane, Xiao riceve messaggi di incoraggiamento e perfino aiuti in denaro, e lui ringrazia con recitando le poesie che si è messo a scrivere per ingannare il tempo nella cabina del suo camion.

Una vicenda il cui clamore è arrivato anche a Pechino, dove gli inflessibili burocrati hanno stabilito che Xiao deve restare lì almeno fino ai primi di marzo, quando gli sarà permesso di rientrare. Forse.

CORONAVIRUS
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”