La storia di Xiao, esule in Cina

| Un camionista della provincia dell’Hubei era in viaggio di consegne quando è scoppiata l’epidemia. Da allora vaga per la Cina, scacciato in malo modo ovunque e costretto a sopravvivere come può

+ Miei preferiti
Anche Xiao Honbing, a modo suo, è una vittima del coronavirus. In realtà non è uno dei milioni di contagiati, è un cinese che si è salvato, ma si porta appresso una di marchio che lo rende una sorta di bomba a orologeria: è di Wuhan.

Xiao è un camionista partito ai primi di gennaio con il suo Tir per un giro di consegne, come gli succedeva da tanti anni, e quando nella sua città è esplosa l’epidemia seguita dal lockdown, lui era ormai lontano migliaia di km. Di tornare a casa non se ne parlava, ma anche restare è diventata un’impresa: la targa che indica la provincia di Hubei lo rende un appestato che nessuno vuole. Ha girato e rigirato per settimane per la Cina, scacciato in malo modo dove tentava di fare una sosta, fermandosi a dormire nelle piazzole di emergenza e chiamando regolarmente sua moglie, a cui raccontava di essere stremato, affamato, stanco e sporco, ma che prima o poi sarebbe tornato. È andato avanti così per settimane, fin quando una pattuglia della polizia l’ha fermato su ciglio di un’autostrada dello Shaanxi. Gli agenti scoprono la sua storia, parlano con il comando e per qualche giorno fanno la spola per portargli del cibo, qualche coperta e un po’ di conforto, alla fine lo scortano fino ad un’area di servizio che da più di un mese è diventata casa sua. Almeno ci sono i bagni, qualcosa da mangiare e un minimo di mondo che passa, anche se di fretta.

Alla storia di Xiao Honbing manca ancora un lieto fine, ma almeno la Cina sa, ha scoperto la sua vicenda trasformando il piccolo camionista nel simbolo della discriminazione che il popolo cinese vive sulla pelle da quando è esploso il coronavirus. Una vicenda che ricorda la trama di “The Terminal”, il film in cui Tom Hanks interpretata l’esule di un paese che non esisteva più, a cui era vietato uscire dall’aeroporto di New York. Ma questa volta è il contrario: Xiao non può entrare da nessuna parte.

Una vicenda che ha scatenato la solidarietà del mondo intero: da settimane, Xiao riceve messaggi di incoraggiamento e perfino aiuti in denaro, e lui ringrazia con recitando le poesie che si è messo a scrivere per ingannare il tempo nella cabina del suo camion.

Una vicenda il cui clamore è arrivato anche a Pechino, dove gli inflessibili burocrati hanno stabilito che Xiao deve restare lì almeno fino ai primi di marzo, quando gli sarà permesso di rientrare. Forse.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi