La storia di Xiao, esule in Cina

| Un camionista della provincia dell’Hubei era in viaggio di consegne quando è scoppiata l’epidemia. Da allora vaga per la Cina, scacciato in malo modo ovunque e costretto a sopravvivere come può

+ Miei preferiti
Anche Xiao Honbing, a modo suo, è una vittima del coronavirus. In realtà non è uno dei milioni di contagiati, è un cinese che si è salvato, ma si porta appresso una di marchio che lo rende una sorta di bomba a orologeria: è di Wuhan.

Xiao è un camionista partito ai primi di gennaio con il suo Tir per un giro di consegne, come gli succedeva da tanti anni, e quando nella sua città è esplosa l’epidemia seguita dal lockdown, lui era ormai lontano migliaia di km. Di tornare a casa non se ne parlava, ma anche restare è diventata un’impresa: la targa che indica la provincia di Hubei lo rende un appestato che nessuno vuole. Ha girato e rigirato per settimane per la Cina, scacciato in malo modo dove tentava di fare una sosta, fermandosi a dormire nelle piazzole di emergenza e chiamando regolarmente sua moglie, a cui raccontava di essere stremato, affamato, stanco e sporco, ma che prima o poi sarebbe tornato. È andato avanti così per settimane, fin quando una pattuglia della polizia l’ha fermato su ciglio di un’autostrada dello Shaanxi. Gli agenti scoprono la sua storia, parlano con il comando e per qualche giorno fanno la spola per portargli del cibo, qualche coperta e un po’ di conforto, alla fine lo scortano fino ad un’area di servizio che da più di un mese è diventata casa sua. Almeno ci sono i bagni, qualcosa da mangiare e un minimo di mondo che passa, anche se di fretta.

Alla storia di Xiao Honbing manca ancora un lieto fine, ma almeno la Cina sa, ha scoperto la sua vicenda trasformando il piccolo camionista nel simbolo della discriminazione che il popolo cinese vive sulla pelle da quando è esploso il coronavirus. Una vicenda che ricorda la trama di “The Terminal”, il film in cui Tom Hanks interpretata l’esule di un paese che non esisteva più, a cui era vietato uscire dall’aeroporto di New York. Ma questa volta è il contrario: Xiao non può entrare da nessuna parte.

Una vicenda che ha scatenato la solidarietà del mondo intero: da settimane, Xiao riceve messaggi di incoraggiamento e perfino aiuti in denaro, e lui ringrazia con recitando le poesie che si è messo a scrivere per ingannare il tempo nella cabina del suo camion.

Una vicenda il cui clamore è arrivato anche a Pechino, dove gli inflessibili burocrati hanno stabilito che Xiao deve restare lì almeno fino ai primi di marzo, quando gli sarà permesso di rientrare. Forse.

CORONAVIRUS
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»
I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
Downing Street ha studiato un piano di contenimento graduale diviso in tre diversi livelli di allerta. Quello massimo è praticamente un lockdown quasi totale
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
I 9 milioni di abitanti di Qingdao testati dopo l’individuazione di un focolaio collegato al reparto Covid di un ospedale
I vaccini della seconda fase saranno spray?
I vaccini della seconda fase saranno spray?
Non sono solo più pratici e indolori, secondo alcuni studi potrebbero anche essere molto più efficaci. Attualmente sono in fase di studio in diversi centri come terapia secondaria alla prima tornata di vaccinazioni
Il virus si riprende il mondo
Il virus si riprende il mondo
La freddezza dei numeri non lascia molte speranze: i contagi crescono ovunque, e non c’è Paese che non abbia pronti pacchetti di misure restrittive per arginare il virus. Le situazioni peggiori negli Stati Uniti e in India