La storia di Xiao, esule in Cina

| Un camionista della provincia dell’Hubei era in viaggio di consegne quando è scoppiata l’epidemia. Da allora vaga per la Cina, scacciato in malo modo ovunque e costretto a sopravvivere come può

+ Miei preferiti
Anche Xiao Honbing, a modo suo, è una vittima del coronavirus. In realtà non è uno dei milioni di contagiati, è un cinese che si è salvato, ma si porta appresso una di marchio che lo rende una sorta di bomba a orologeria: è di Wuhan.

Xiao è un camionista partito ai primi di gennaio con il suo Tir per un giro di consegne, come gli succedeva da tanti anni, e quando nella sua città è esplosa l’epidemia seguita dal lockdown, lui era ormai lontano migliaia di km. Di tornare a casa non se ne parlava, ma anche restare è diventata un’impresa: la targa che indica la provincia di Hubei lo rende un appestato che nessuno vuole. Ha girato e rigirato per settimane per la Cina, scacciato in malo modo dove tentava di fare una sosta, fermandosi a dormire nelle piazzole di emergenza e chiamando regolarmente sua moglie, a cui raccontava di essere stremato, affamato, stanco e sporco, ma che prima o poi sarebbe tornato. È andato avanti così per settimane, fin quando una pattuglia della polizia l’ha fermato su ciglio di un’autostrada dello Shaanxi. Gli agenti scoprono la sua storia, parlano con il comando e per qualche giorno fanno la spola per portargli del cibo, qualche coperta e un po’ di conforto, alla fine lo scortano fino ad un’area di servizio che da più di un mese è diventata casa sua. Almeno ci sono i bagni, qualcosa da mangiare e un minimo di mondo che passa, anche se di fretta.

Alla storia di Xiao Honbing manca ancora un lieto fine, ma almeno la Cina sa, ha scoperto la sua vicenda trasformando il piccolo camionista nel simbolo della discriminazione che il popolo cinese vive sulla pelle da quando è esploso il coronavirus. Una vicenda che ricorda la trama di “The Terminal”, il film in cui Tom Hanks interpretata l’esule di un paese che non esisteva più, a cui era vietato uscire dall’aeroporto di New York. Ma questa volta è il contrario: Xiao non può entrare da nessuna parte.

Una vicenda che ha scatenato la solidarietà del mondo intero: da settimane, Xiao riceve messaggi di incoraggiamento e perfino aiuti in denaro, e lui ringrazia con recitando le poesie che si è messo a scrivere per ingannare il tempo nella cabina del suo camion.

Una vicenda il cui clamore è arrivato anche a Pechino, dove gli inflessibili burocrati hanno stabilito che Xiao deve restare lì almeno fino ai primi di marzo, quando gli sarà permesso di rientrare. Forse.

CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo