L’allarme del Belgio: «Il Covid è fuori controllo»

| I tassi di contagio hanno raggiunto picchi allarmanti e le autorità sanitare temono che sia vicino il collasso del sistema ospedaliero. Ma in tanti per strada non indossano neanche la mascherina

+ Miei preferiti
Le autorità sanitarie del Belgio non provano neanche più a mitigare il senso di impotenza: “Siamo vicini allo tsunami, non riusciamo più a controllare il Covid”.

A parlare è Emmanuel Andrè, un noto microbiologo che definisce catastrofica la situazione epidemiologica del Paese, lanciando un consiglio alla popolazione: “Chi è stato a contatto di una persona infetta ha due scelte: restare in quarantena fino al risultato del tampone, oppure stare in quarantena e basta”.

Sono bastati 10 giorni, perché la macchina ospedaliera belga iniziasse a segnare il passo di fronte a un tasso di positività pari al 15,3%, con la punta raggiunta dalla città di Bruxelles, pari al 23,4. Da più di una settimana, i nuovi positivi non scendono mai sotto i 1.240 ogni 100mila abitanti, quando il limite consigliato dalla UE per definire una “zona rossa” è di 150. Nell’ultima settimana, secondo Yves Van Laethem, portavoce del centro di crisi Covid-19, nell’ultima settimana i nuovi casi sono in media 7.800 ogni giorno, con un aumento del 79% rispetto alla settimana precedente.

E il peso di una situazione che sembra diretta verso il tracollo si avverte nelle misure sempre più stringenti, e al momento quasi inutili: coprifuoco da mezzanotte alle 5 del mattino, chiusura a tappeto di ogni locale per almeno un mese e divieto di vendita di alcolici, nell’attesa di un sempre più inevitabile nuovo lockdown generale.

“Lo sapevamo, era pianificato, ma non eravamo pronti per tutto questo: la situazione è apocalittica, ed è spaventoso vedere quanta gente giri per strada senza mascherina: sono convinto che in tanti non abbiano ancora capito la portata di quello che sta succedendo. La situazione negli ospedali è destinata a peggiorare nelle prossime settimane: i pazienti in arrivo aumentano ogni giorno ed entro la metà di novembre prevediamo di raggiungere la saturazione dei 2.000 posti letto nelle terapie intensive”.

CORONAVIRUS
THE WUHAN PAPERS
THE WUHAN PAPERS
Nella più importante fuga di notizie dall’inizio della pandemia, 117 pagine di documenti dimostrano l’inefficienza, le carenze, la cattiva gestione e gli insabbiamenti della Cina nelle prime fasi del Covid-19
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Russia, la storia oscura della pandemia
Russia, la storia oscura della pandemia
La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”