Le conseguenze politiche del Covid

| Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS

+ Miei preferiti
La tempesta sulle origini del Covid-19 inizia ad assumere pesanti implicazioni politiche per gli Stati Uniti, così come le eredità di due presidenti che saranno definiti dalla pandemia.

Biden ha svelato agli americani di aver ordinato alle agenzie di intelligence di riferire entro 90 giorni se il virus ha avuto origine animale o è sfuggito da un laboratorio cinese. La presa di posizione vuole mettere la parola fine ad un mistero che comprende la diffusione di un agente patogeno mortale, l’opacità di un sistema totalitario e la rivalità tra due superpotenze. Ma finirà per mettere anche in dubbio le capacità dell’OMS di trarre lezioni dalla crisi per prevenire future pandemie.

Se mai gli 007 americani scoprissero che il virus è sfuggito da un laboratorio, l’ex presidente Donald Trump potrebbe rivendicare di averlo detto più volte, ma metterebbe in evidenza anche come l’abitudine a cestinare la verità per soddisfare i propri fini politici abbia distrutto la sua credibilità su questa e altre questioni.

La teoria del laboratorio negli ultimi giorni ha moltiplicato gli appelli a Washington affinché gli Stati Uniti facciano pagare alla Cina un prezzo per la pandemia, anche prima che sia nota la piena portata delle origini, aggiungendo ulteriore tossicità ad una giostra geopolitica che potrebbe scatenare una nuova guerra fredda.

Ma trovare risposte sarà difficile. La Cina ha tutte le ragioni per coprire un virus che ha macchiato il suo prestigio come potenza, da molti ritenuta colpevole di quasi 3,5 milioni di morti in tutto il mondo. Il suo leader Xi Jinping e il partito comunista non hanno tempo per la vergogna della colpevolezza che danneggerebbe la loro immagine.

Di fronte alla pressione politica, Biden ha esposto due teorie come “probabili” sull’origine del virus. La prima è stata a lungo considerata come la possibilità più credibile dagli esperti di salute pubblica, che ci sia stata una diffusione zoonotica. Ma pur avvertendo che non esiste ancora una conclusione definitiva, l’intelligence statunitense “propende” per la possibilità che il virus sia sfuggito da un laboratorio a Wuhan.

La dichiarazione pubblica di Biden è arrivata mentre sentiva il calore politico crescere dopo la rivelazione del Wall Street Journal, secondo cui diversi virologi cinesi hanno avuto bisogno di cure ospedaliere alla fine dello scorso anno per un disturbo non meglio identificato. L’amministrazione Biden ha deciso di affrontare la questione di petto, per dimostrare di aver preso sufficientemente sul serio la possibilità della colpevolezza cinese.

L’amministrazione Trump, di fronte alle critiche per la gestione pasticciata di una pandemia a lungo minimizzata, aveva un forte incentivo ad addossare la colpa ai cinesi, qualunque fosse la verità. Ora tocca a Biden dimostrare di avere l’influenza e la volontà di rintracciare l’origine del virus. Ci sarà da chiedersi se le agenzie di intelligence, data la difficoltà di penetrare la sicurezza cinese, rappresentino il modo migliore per trovare la verità, tanto più che non è neanche chiaro se perfino la Cina abbia capito l’origine del virus.

Negli ultimi giorni, c'è stato un notevole indurimento degli Stati Uniti verso l’OMS e Pechino: “Abbiamo detto per molto tempo che la Cina doveva fornire più accesso al laboratorio e cooperare pienamente con gli investigatori scientifici, e non pensiamo che abbiano soddisfatto questi standard - ha affermato Karine Jean-Pierre, vice addetto stampa della Casa Bianca - abbiamo bisogno di un processo completamente trasparente e che l’OMS offra tutto l’aiuto possibile. Non ci sembra di averlo”.

I suoi commenti hanno sollevato la questione se l’OMS, nella sua configurazione attuale, abbia il peso diplomatico e la capacità di condurre un’indagine che la Cina quasi certamente ostacolerà.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici