Le prostitute inglesi al servizio del prossimo (e quello dopo ancora)

| Si moltiplicano gli annunci di professioniste che offrono pacchetti particolarmente vantaggiosi e offerte di sedute di sesso a prezzi scontati. “Siamo in prima linea, come medici e infermieri”

+ Miei preferiti
Proprio in questo periodo delicatissimo, Scotland Yard non si aspettava di dover aggiungere a tutto il resto anche la caccia alle prostitute. Eppure, c’è uno strano fenomeno rivelato dal “DailyMail” che mostra numeri preoccupanti per le possibili conseguenze, in qualche modo figlio degenere del lockdown. In pratica, le allegre signorine, impossibilitate alla passeggiata notturna, ignorano l’isolamento offrendo maratone di sesso “CoronaSutra” ed extra illimitati a prezzi di puro realizzo. Ovviamente, trasformandosi in pericolosissimi veicoli di contagio, dettaglio che ha messo in allarme le forze dell’ordine e le autorità sanitarie.

Il tabloid inglese ha individuato centinaia di annunci su siti per adulti in cui professioniste del sesso sfidano l’isolamento imposto dal governo per organizzare incontri da 100 sterline all’ora per maschi in astinenza. Molte, segnala il Daily, si paragonano addirittura ai medici e agli infermieri che in questo momento lavorano 24 ore su 24 negli ospedali: “Siamo in prima linea, esattamente come i lavoratori del Servizio Sanitario Nazionale, con la mascherina ma senza mutandine. Siamo disponibili ogni giorno dalle 10 del mattino a 23”. Fra le tante, una prostituta del Dorset che per 300 sterline offre sedute da tre ore con sculacciate incluse nel prezzo, e un’altra che sostiene di essere una “cura vivente contro ogni virus”.

CORONAVIRUS
I giorni del silenzio
I giorni del silenzio
Sono quelli in cui la Cina ha taciuto sull'epidemia che ormai era in corso. Un’inchiesta dell’agenzia americana AP scagiona l'OMS e svela le colpe di Pechino, che avrebbe potuto evitare migliaia di morti
Sudamerica, prossima tappa del virus
Sudamerica, prossima tappa del virus
Le scelte politiche e una povertà diffusa ostacolano la risposta di Covid-19 in America Latina. Molti i Paesi che fanno di testa propria, con contagi in forte aumento. Il caso diverso del Costa Rica
La conversione di un complottista
La conversione di un complottista
Un uomo di 46 anni che non credeva al coronavirus, considerato una fake news messa in giro ad arte, è finito in ospedale per contagio insieme alla moglie. Lui se l’è cavata, lei invece rischia ancora la vita
Il genocidio di una generazione
Il genocidio di una generazione
Il mondo ha sacrificato gli anziani nella corsa per proteggere gli ospedali. Il risultato è stata una catastrofe di proporzioni enormi che ha avuto come epicentro le case di riposo
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Le comunità che vivono nelle più remote regioni della foresta amazzonica minacciate dalla pandemia: mentre il numero di morti e di infezioni continua a salire, nessuno se ne occupa
Estate 2020, il caos in spiaggia
Estate 2020, il caos in spiaggia
Qualcuno continua a vietarle, altri provano ad aprirle e tornano a impedirne l’accesso, altre ancora propongono soluzioni nel tentativo disperato di salvare la stagione e accontentare i turisti. Ma non sarà facile
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Gli abitanti di minuscoli e affascinanti borghi della Scozia continuano a bloccare le strade di accesso invitando i turisti a tornare a casa propria
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
La società americana Moderna annuncia che la prima fase di test sull’uomo di un vaccino allo studio sta dando risultati molto confortanti. A luglio parte una seconda fase pe stabilire sicurezza ed efficacia
Il mondo vuole un’inchiesta
Il mondo vuole un’inchiesta
Sono ormai più di 100, compresi alleati storici come la Russia, i Paesi pronti a chiedere una ricerca indipendente che faccia piena luce sulla pandemia: dalle origini alla diffusione, dai silenzi agli insabbiamenti. E Pechino trema