Le prostitute inglesi al servizio del prossimo (e quello dopo ancora)

| Si moltiplicano gli annunci di professioniste che offrono pacchetti particolarmente vantaggiosi e offerte di sedute di sesso a prezzi scontati. “Siamo in prima linea, come medici e infermieri”

+ Miei preferiti
Proprio in questo periodo delicatissimo, Scotland Yard non si aspettava di dover aggiungere a tutto il resto anche la caccia alle prostitute. Eppure, c’è uno strano fenomeno rivelato dal “DailyMail” che mostra numeri preoccupanti per le possibili conseguenze, in qualche modo figlio degenere del lockdown. In pratica, le allegre signorine, impossibilitate alla passeggiata notturna, ignorano l’isolamento offrendo maratone di sesso “CoronaSutra” ed extra illimitati a prezzi di puro realizzo. Ovviamente, trasformandosi in pericolosissimi veicoli di contagio, dettaglio che ha messo in allarme le forze dell’ordine e le autorità sanitarie.

Il tabloid inglese ha individuato centinaia di annunci su siti per adulti in cui professioniste del sesso sfidano l’isolamento imposto dal governo per organizzare incontri da 100 sterline all’ora per maschi in astinenza. Molte, segnala il Daily, si paragonano addirittura ai medici e agli infermieri che in questo momento lavorano 24 ore su 24 negli ospedali: “Siamo in prima linea, esattamente come i lavoratori del Servizio Sanitario Nazionale, con la mascherina ma senza mutandine. Siamo disponibili ogni giorno dalle 10 del mattino a 23”. Fra le tante, una prostituta del Dorset che per 300 sterline offre sedute da tre ore con sculacciate incluse nel prezzo, e un’altra che sostiene di essere una “cura vivente contro ogni virus”.

CORONAVIRUS
Wuhan, il team dell’OMS al lavoro
Wuhan, il team dell’OMS al lavoro
La squadra di scienziati ha concluso la quarantena obbligatoria. Ma restano fortissimi dubbi su quanto riusciranno a scoprire: la città è stata più volte ripulita da cima a fondo e non è chiaro quanto Pechino sia disposta a collaborare
Wuhan, ad un anno dal lockdown
Wuhan, ad un anno dal lockdown
La città è tornata alla sua vita normale, ma profonde cicatrici restano fra chi ha perso una persona cara. Tutti accusano il governo di aver agito tardi e male: “È una ottenuta sacrificando il popolo”
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia