L’Europa inizia il post-coronavirus

| Il vecchio continente sta cominciando lentamente a organizzarsi per una parvenza di ritorno alla normalità nel dopo pandemia. I dubbi più forti in Gran Bretagna, dove i casi crescono e si teme una seconda ondata di contagi

+ Miei preferiti
L’idea dei divisori in plexiglass nei ristoranti italiani stanno facendo il giro del mondo, ma in tutta Europa – come sempre in ordina sparso – il ritorno ad una parvenza di normalità sembra una gara alla soluzione più fantasiosa.

L’Italia, con il secondo più alto numero di morti al mondo, inizierà ad allentare le restrizioni dal 4 maggio. Quel giorno, milioni di persone che dovrebbero tornare al lavoro usando quanto più possibile mezzi propri per evitare autobus e metropolitane. Si studia anche di consentire l’apertura dei negozi sette giorni su sette nel tentativo di allentare la temuta corsa allo shopping liberatorio. Il Comune di Milano ha in programma di allargare i marciapiedi, ampliare le piste ciclabili e incentivare l’uso di scooter elettrici.

La Danimarca - che ha 394 morti e 8.073 casi – assiste a massiccia affluenza di persone fare la coda da barbieri e parrucchieri: Phil Olander, proprietario di “Phil’s Barber” nel centro di Copenaghen, è allo stremo: “Siamo al superlavoro: le prenotazioni sono al completo per le prossime due settimane”. Anche altre attività, tra cui tatuatori, estetisti, dentisti e ottici, sono autorizzati a riaprire i battenti rispettando severe direttive sanitarie. Sono consentite anche le lezioni di guida, e la scorsa settimana i bambini piccoli danesi sono tornati nelle classi elementari.

Anche la Spagna - la terza nazione più colpita al mondo con 22.157 morti e 213.024 casi - ha allentato il blocco, permettendo ad alcune aziende di riaprire. Il governo ha annunciato restrizioni meno severe per i bambini, permettendo l’uscita di casa, e anche le imprese di costruzione sono state autorizzate a riprendere i lavori a patto di seguire nuove severe linee guida.

La Germania - che conta 151.784 casi e 5.404 morti - ha permesso agli studenti che devono sostenere degli esami di tornare a scuola, e ha anche allentato la chiusura dei negozi. La produzione di automobili è ripresa in alcune fabbriche e i centri di giardinaggio sono di nuovo aperti. La cancelliera Angela Merkel ha avvertito che la vita non può tornare alla normalità.

Il Belgio annuncerà domani la revoca “passo dopo passo” dell'isolamento, mentre Francia e Paesi Bassi stanno valutando la possibilità di riaprire le scuole.

La Gran Bretagna non ha attualmente un piano concreto per allentare l’isolamento, e il medico capo Chris Whitty prevede che le misure dureranno fino al 2021. Il premier Boris Johnson sta affrontando le pressioni dei colleghi per iniziare la riapertura della Gran Bretagna - ma si teme una seconda ondata di contagi perfino peggiore della prima. Il numero di morti in Gran Bretagna è salito di nuovo a quasi 19.000 casi, con un numero totale di infezioni che si avvicina a 140.000, nella speranza che il Regno Unito abbia superato il primo picco.

Galleria fotografica
L’Europa inizia il post-coronavirus - immagine 1
CORONAVIRUS
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
L’Europa teme la seconda ondata
L’Europa teme la seconda ondata
Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid