L’Europa inizia il post-coronavirus

| Il vecchio continente sta cominciando lentamente a organizzarsi per una parvenza di ritorno alla normalità nel dopo pandemia. I dubbi più forti in Gran Bretagna, dove i casi crescono e si teme una seconda ondata di contagi

+ Miei preferiti
L’idea dei divisori in plexiglass nei ristoranti italiani stanno facendo il giro del mondo, ma in tutta Europa – come sempre in ordina sparso – il ritorno ad una parvenza di normalità sembra una gara alla soluzione più fantasiosa.

L’Italia, con il secondo più alto numero di morti al mondo, inizierà ad allentare le restrizioni dal 4 maggio. Quel giorno, milioni di persone che dovrebbero tornare al lavoro usando quanto più possibile mezzi propri per evitare autobus e metropolitane. Si studia anche di consentire l’apertura dei negozi sette giorni su sette nel tentativo di allentare la temuta corsa allo shopping liberatorio. Il Comune di Milano ha in programma di allargare i marciapiedi, ampliare le piste ciclabili e incentivare l’uso di scooter elettrici.

La Danimarca - che ha 394 morti e 8.073 casi – assiste a massiccia affluenza di persone fare la coda da barbieri e parrucchieri: Phil Olander, proprietario di “Phil’s Barber” nel centro di Copenaghen, è allo stremo: “Siamo al superlavoro: le prenotazioni sono al completo per le prossime due settimane”. Anche altre attività, tra cui tatuatori, estetisti, dentisti e ottici, sono autorizzati a riaprire i battenti rispettando severe direttive sanitarie. Sono consentite anche le lezioni di guida, e la scorsa settimana i bambini piccoli danesi sono tornati nelle classi elementari.

Anche la Spagna - la terza nazione più colpita al mondo con 22.157 morti e 213.024 casi - ha allentato il blocco, permettendo ad alcune aziende di riaprire. Il governo ha annunciato restrizioni meno severe per i bambini, permettendo l’uscita di casa, e anche le imprese di costruzione sono state autorizzate a riprendere i lavori a patto di seguire nuove severe linee guida.

La Germania - che conta 151.784 casi e 5.404 morti - ha permesso agli studenti che devono sostenere degli esami di tornare a scuola, e ha anche allentato la chiusura dei negozi. La produzione di automobili è ripresa in alcune fabbriche e i centri di giardinaggio sono di nuovo aperti. La cancelliera Angela Merkel ha avvertito che la vita non può tornare alla normalità.

Il Belgio annuncerà domani la revoca “passo dopo passo” dell'isolamento, mentre Francia e Paesi Bassi stanno valutando la possibilità di riaprire le scuole.

La Gran Bretagna non ha attualmente un piano concreto per allentare l’isolamento, e il medico capo Chris Whitty prevede che le misure dureranno fino al 2021. Il premier Boris Johnson sta affrontando le pressioni dei colleghi per iniziare la riapertura della Gran Bretagna - ma si teme una seconda ondata di contagi perfino peggiore della prima. Il numero di morti in Gran Bretagna è salito di nuovo a quasi 19.000 casi, con un numero totale di infezioni che si avvicina a 140.000, nella speranza che il Regno Unito abbia superato il primo picco.

Galleria fotografica
L’Europa inizia il post-coronavirus - immagine 1
CORONAVIRUS
Sudamerica, prossima tappa del virus
Sudamerica, prossima tappa del virus
Le scelte politiche e una povertà diffusa ostacolano la risposta di Covid-19 in America Latina. Molti i Paesi che fanno di testa propria, con contagi in forte aumento. Il caso diverso del Costa Rica
La conversione di un complottista
La conversione di un complottista
Un uomo di 46 anni che non credeva al coronavirus, considerato una fake news messa in giro ad arte, è finito in ospedale per contagio insieme alla moglie. Lui se l’è cavata, lei invece rischia ancora la vita
Il genocidio di una generazione
Il genocidio di una generazione
Il mondo ha sacrificato gli anziani nella corsa per proteggere gli ospedali. Il risultato è stata una catastrofe di proporzioni enormi che ha avuto come epicentro le case di riposo
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Le comunità che vivono nelle più remote regioni della foresta amazzonica minacciate dalla pandemia: mentre il numero di morti e di infezioni continua a salire, nessuno se ne occupa
Estate 2020, il caos in spiaggia
Estate 2020, il caos in spiaggia
Qualcuno continua a vietarle, altri provano ad aprirle e tornano a impedirne l’accesso, altre ancora propongono soluzioni nel tentativo disperato di salvare la stagione e accontentare i turisti. Ma non sarà facile
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Gli abitanti di minuscoli e affascinanti borghi della Scozia continuano a bloccare le strade di accesso invitando i turisti a tornare a casa propria
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
La società americana Moderna annuncia che la prima fase di test sull’uomo di un vaccino allo studio sta dando risultati molto confortanti. A luglio parte una seconda fase pe stabilire sicurezza ed efficacia
Il mondo vuole un’inchiesta
Il mondo vuole un’inchiesta
Sono ormai più di 100, compresi alleati storici come la Russia, i Paesi pronti a chiedere una ricerca indipendente che faccia piena luce sulla pandemia: dalle origini alla diffusione, dai silenzi agli insabbiamenti. E Pechino trema
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Zhong Nanshan, massimo esperto cinese, è convinto che la mancanza di immunità sulla popolazione avrà serie conseguenze. E ammette anche le bugie raccontate nelle fasi iniziali