L’Europa teme la seconda ondata

| Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown

+ Miei preferiti
Michael Kretschmer, governatore della Sassonia, ne è certo: “In Germania è arrivata la seconda ondata di contagi da coronavirus. Ce ne rendiamo conto perché da giorni abbiamo nuovi focolai di infezioni dai quali potremmo tornare in fretta a numeri molto alti. Si tratta di uno sviluppo assai preoccupante: dobbiamo assolutamente evitare un nuovo aggravarsi della situazione”. Secondo il “Robert Koch Institute”, ente che valuta la situazione epidemiologica del Paese, il numero di infezioni quotidiane in Germania ha superato quota 820, con una media in netta salita rispetto a poche settimane fa, quando la crescita non superava mai i 500 casi al giorno.

Stessa situazione in Francia, dove secondo la Direzione Generale della Salute di Parigi “Stiamo tornando a livelli paragonabili a quelli della fine del periodo di lockdown, cancellando buona parte dei progressi compiuti”. Tradotto in cifre, 1130 nuovi casi in 24 ore e una raffica di nuove restrizioni, a cominciare da quelle verso i viaggiatori provenienti da 16 paesi dove “la circolazione del virus è ancora molto forte”. A loro sarà richiesto obbligatoriamente l’esito di un test effettuato al massimo 72 ore prima della partenza o di sottoporsi all’esame appena sbarcati in Francia. In caso di positività, obbligo di 14 giorni di isolamento. Fra i Paesi interessati dal provvedimento Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Panama, Sudafrica, Kuwait, Qatar, Israele, Brasile, Perù, Serbia, Algeria, Turchia, Madagascar, India e Oman.

Nelle ultime due settimane anche il Belgio assiste ad una nuova corsa dell’epidemia, così come in Spagna, dove le cifre sono in lieve calo “ma non abbastanza da abbassare la guardia”. In Inghilterra, il premier Johnson ha introdotto l’obbligo di mascherina al chiuso, e lo stesso ha fatto l’Austria.

La nuova recrudescenza europea di focolai preoccupa l’OMS, che invita i Paesi a non escludere l’ipotesi di “ripristinare misure drastiche”. Nel vecchio continente si registrano in totale 3 milioni di casi, con una media di 20mila al giorno: numeri di due volte inferiori a quelli di inizio aprile, ma comunque preoccupanti, anche per la recrudescenza in atto nei Balcani, in particolare in Romania, dove i casi giornalieri superano quota 1.100 e gli ospedali di Bucarest sono vicini al collasso.

CORONAVIRUS
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid
Trump: “Il mondo ci invidia”
Trump: “Il mondo ci invidia”
Secondo il presidente i dati ufficiali sono “fuorvianti” perché “nessun Paese ha fatto tanto per combattere la pandemia”. Alla fine sibila: “Se a novembre dovessi perdere non so se lo accetterei”