L’Italia in lockdown,
e la recessione incombe

| Un’analisi economica della CNN sulle ripercussioni delle misure contro l’epidemia da coronavirus. Malgrado la politica fiscale, l’Italia è destinata alla recessione

+ Miei preferiti
L’Italia ha imposto a livello nazionale restrizioni radicali ai viaggi e alla vita pubblica, nel disperato tentativo di contenere l'epidemia di coronavirus che sembra destinata a far precipitare l’ottava economia mondiale in una grave recessione.

Le misure annunciate lunedì scorso includono restrizioni di viaggio per 60 milioni di residenti, il divieto di eventi pubblici, la chiusura di scuole, cinema, musei e palestre, e limiti agli orari di apertura di ristoranti, bar e negozi. Il governo è intervenuto poiché il numero di morti da coronavirus ha raggiunto le 463 unità e le infezioni hanno superato i 9.000 casi, più del doppio di quanto riportato in Cina come quota della popolazione. Le restrizioni sono in vigore almeno fino al 3 aprile.

Nel loro insieme, le misure senza precedenti rischiano di spingere un’economia che si è contratta negli ultimi tre mesi del 2019 verso una flessione più netta che metterà sotto forte pressione settori fondamentali come il turismo.

Secondo Jack Allen-Reynolds, economista senior europeo di “Capital Economics”, l’economia italiana subirà una forte contrazione nella prima metà dell’anno, anche se le restrizioni saranno eliminate alla fine di aprile, con un calo del PIL di circa il 2% per tutto il 2020. L’impatto sul PIL sarà “molto maggiore” se le restrizioni saranno prorogate fino alla fine di giugno, ha aggiunto. “Questo non tiene conto dell’impatto sul settore bancario: le ricadute su altre parti della zona euro, o la potenziale interruzione della catena di approvvigionamento se il virus dovesse davvero decollare in Germania e in altri partner commerciali chiave, sarebbero ben peggiori”.

Gli economisti di Goldman Sachs si aspettano che le restrizioni riducano di 1,5 punti percentuali la crescita economica italiana sia nel primo che nel secondo trimestre dell’anno, seguite da una ripresa nel secondo semestre. “Anche se la politica fiscale limiterà una parte di questa resistenza, è molto probabile che l’epidemia di virus spinga l’Italia in recessione”.

Secondo Goldman Sachs, i settori più colpiti dal blocco - tra cui i trasporti, l’arte e l’intrattenimento, la vendita al dettaglio, gli alberghi e i ristoranti - rappresentano circa il 23% del PIL italiano.

Fiat Chrysler FCA ha dichiarato che sta “agendo” in tutti i settori delle sue attività italiane per mantenere la continuità del business. Questo include lo screening dei visitatori delle sue strutture, la sospensione degli spostamenti non essenziali, la facilitazione del lavoro a distanza e la riduzione al minimo dei contatti interpersonali. “Attualmente, gli stabilimenti italiani del gruppo e le funzioni chiave del gruppo continuano ad operare come previsto”, ha dichiarato FCA in un comunicato.

La catena di supermercati “Esselunga” ha annunciato che sta implementando l’allontanamento dai negozi, in conformità con le regole governative che richiedono che gli acquirenti e gli avventori dei ristoranti rimangano ad almeno un metro di distanza l’uno dall’altro. Gli sforzi di contenimento rischiano di far sprofondare i settori della ristorazione e del turismo nella crisi, ha detto Stefano Manzocchi, capo economista dell’associazione italiana di categoria di Confindustria. Anche il settore manifatturiero potrebbe essere danneggiato perché i turisti stranieri guidano la domanda di beni “Made in Italy”. “Le limitazioni nei movimenti e la paura di ciò che sta per accadere potrebbero portare a una contrazione dei consumi, che probabilmente è già fortemente in atto”.

Il settore del turismo italiano, che rappresenta il 6% del PIL, sarà particolarmente colpito, dato che le destinazioni più popolari come Venezia e Roma sono deserte. Martedì scorso il Vaticano ha chiuso ai turisti la piazza e la Basilica di San Pietro.

Il ministero dell’economia italiano ha annunciato che i pagamenti dei mutui saranno sospesi, mentre la banca centrale italiana ha affermato che sta lavorando a stretto contatto con il governo “per definire misure appropriate volte a sostenere le imprese colpite dalle ricadute economiche dell’epidemia”. Manzocchi si aspetta di vedere più ampie sospensioni nei rimborsi del debito, sostegno di liquidità per le imprese italiane, sussidi per i lavoratori temporaneamente disoccupati e, infine, un piano di investimenti nelle infrastrutture pubbliche. “Data l’entità del dissesto che tutto questo causerà, sospettiamo che il governo alla fine fornirà un sostegno fiscale pari a diversi punti percentuali del PIL”, ha detto Allen-Reynolds di Capital Economics. “Questo non farebbe molto per aumentare la domanda mentre la quarantena è in atto, ma aiuterebbe a mantenere la spesa per le voci essenziali, impedirebbe ai mutuatari di essere inadempienti sui loro prestiti e fornirebbe un periodo di grazia per alcuni pagamenti delle tasse”, ha aggiunto.

Ma queste misure compenseranno solo in parte il colpo all’economia e non basteranno a contrastare il tracollo del turismo, in gran parte non recuperabile in quanto carnevali, fiere ed eventi vengono cancellati, ha aggiunto Paolo Pizzoli, economista senior della banca olandese ING. Il mercato azionario italiano rispecchia il pessimismo, sprofondando ulteriormente: l’indice di riferimento FTSE MIB è sceso di quasi il 30% dal 19 febbraio.

Si prevede che le misure di contenimento del Paese si diffonderanno in tutta Europa, in quanto il movimento dei viaggiatori italiani è frenato e la produzione potenzialmente perturbata. La UE era già in difficoltà a causa della chiusura del coronavirus in Cina, che ha colpito la domanda di beni europei e minato le catene di approvvigionamento manifatturiero. Le misure adottate da altri governi europei per contenere la diffusione del virus, come le cancellazioni di raduni pubblici ed eventi sportivi, sono destinate ad ammaccare ulteriormente la crescita.

I ricercatori di Barclays prevedono che l’area euro vivrà una “recessione di breve durata ma relativamente profonda” nella prima metà di quest’anno: la crescita per l’intero anno si attesterà allo 0,3%, contro il tasso dell’1% previsto prima dell’inizio dell’epidemia. Secondo Goldman Sachs, la parte settentrionale dell’Italia, dove l’epidemia è più grave, rappresenta circa il 75% degli scambi commerciali del Paese con il resto della UE: “Questo sarà un problema europeo”.

CORONAVIRUS
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione