Lo scenario peggiore: due anni di pandemia

| Un team di esperti americani ha diffuso un report che incrocia i dati attuali con quelli delle pandemie del passato, tracciando tre scenari possibili

+ Miei preferiti
Un nuovo rapporto pubblicato negli Stati Uniti da un team di esperti in epidemiologia, non esclude che il Covid-19 continui a diffondersi per almeno altri due anni, fino a quando il 60-70% della popolazione non sarà stata infettata. Una seconda ondata fra l’autunno e l’inverno è quanto mai probabile, e secondo le previsioni non sarà meno violenta della prima, con numero di morti elevati e strutture ospedaliere vicine al collasso.

Mike Osterholm, direttore del Centro per la ricerca e la politica sulle malattie infettive (CIDRAP) dell’Università del Minnesota, da vent’anni scrive si occupa dei rischi delle pandemie e è stato consigliere di diversi presidenti americani. Ha scritto il rapporto con la collaborazione dell’epidemiologo della Harvard School of Public Health Marc Lipsitch, la dottoressa Kristine Moore, ex epidemiologa del Centers for Disease Control and Prevention e lo storico John Barry, autore di “The Great Influenza” in cui analizza la “Spagnola” del 1918.

Poiché Covid-19 è un virus nuovo nessuno è immune: “La durata della pandemia sarà probabilmente fra i 18 e i 24 mesi, poiché l’immunità del gregge si sviluppa gradualmente nella popolazione umana. Le loro previsioni sono diverse dai modelli presentati da altri gruppi di scienziati il cui rapporto che prevede milioni di morti negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno contribuito a galvanizzare le risposte di entrambi i governi.

Per arrivare alla previsione, il team guidato dal CIDRAP ha utilizzato questi rapporti, i dati storici sulle pandemie del passato e i dettagli medici conosciuti di Covid-19.

“Da tanto tempo ripeto che quando si cerca di capire come si svilupperanno le malattie infettive, bisogna fare affidamento sulla storia e sui modelli. Le infezioni pandemiche non tendono a morire in estate, come l'influenza stagionale. A causa di un periodo di incubazione più lungo, di una diffusione più asintomatica e di un R0 più elevato, Covid-19 sembra diffondersi molto più facilmente dell’influenza. Un indice R0 più alto significa che più persone dovranno contrarre l’infezione e diventare immuni prima che la pandemia possa finire”.

Secondo il team, facendo chiaro riferimento all’ottimismo immotivato del presidente Trump, i governi dovrebbero smettere di dire alla gente che la pandemia potrebbe finire e preparare invece i cittadini ad un lungo periodo di convivenza.

Tre sono gli scenari possibili. Il primo riguarda quella attuale, la prima ondata di Covid-19 nella primavera del 2020, seguita da una serie di ondate più piccole e ripetitive che si verificano durante l’estate e poi in modo costante per un periodo da uno a due anni, con diminuzione graduale nel 2021. Il secondo, che la prima ondata di Covid-19 sia seguita da una più grande in autunno o in inverno e da altrettante sempre più piccole nel 2021. “Questo richiederà la reintroduzione di misure di mitigazione, nel tentativo di ridurre la diffusione dell’infezione e di evitare che i sistemi sanitari siano sopraffatti": questa ipotesi è simile a ciò che si è visto con la pandemia del 1918-19”. Il terzo e ultimo scenario: una “lenta combustione” della trasmissione in corso. “Questo terzo scenario probabilmente non richiederebbe la reintroduzione di misure di mitigazione, anche se i casi e i decessi continueranno a verificarsi”. Ma la raccomandazione è di tenersi pronti per la peggiore delle ipotesi, lo scenario numero 2. “I governi dovrebbero sviluppare piani concreti, compresi i fattori scatenanti per il reinserimento delle misure di mitigazione, per affrontare i picchi di malattia.

Lipsitch e Osterholm si dicono sorpresi dalle decisioni che molti Paesi stanno prendendo per eliminare le restrizioni volte a controllare la diffusione del virus. “Pensiamo sia un esperimento che molto probabilmente costerà molte altre vite, soprattutto in quei luoghi dove non si fanno controlli accurati per capire quando è ora di rallentare di nuovo le cose. Alcuni stati stanno scegliendo di eliminare le restrizioni nel momento in cui registrano più nuove infezioni di quante ne abbiano avute quando hanno deciso di imporre il lockdown. È difficile capire la logica di certe decisioni”.

Un vaccino potrebbe aiutare, ma non rapidamente: “È probabile che un vaccino efficace non sarà disponibile fino alla metà del prossimo anno, e non sappiamo quali tipi di sfide o mutazioni potrebbero sorgere durante lo sviluppo”.

CORONAVIRUS
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
L’Europa teme la seconda ondata
L’Europa teme la seconda ondata
Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid