London Tube, la nuova follia inglese

| BoJo elimina treni e chiude molte stazioni della metropolitana di Londra, con il risultato che la gente affolla i pichi rimasti

+ Miei preferiti
Boris Johnson ha deciso: la metropolitana di Londra non chiude perché considerata necessaria alla vita della capitale inglese, ma diminuisce comunque i treni circolanti e la frequenza dei passaggi. Lo scopo: scoraggiare i londinesi ad uscire di casa. Il risultato: i pochi treni circolanti stipati come carri bestiame, alla faccia della pandemia e dei consigli sulla distanza da mantenere.

È l’ennesimo esempio di pasticcio all’inglese, rimbalzato sui tabloid che mostrano foto di vagoni pieni come non mai. La decisione di chiudere 40 stazioni della metropolitana e far circolare solo 15 treni all’ora si è trasformata in una nuova bordata di fischi e insulti all'indirizzo di BoJo, perché significa che i londinesi che lavorano sono costretti a stare ancora più vicini di prima, aumentando in modo esponenziale il rischio di trasmissione. La decisione arriva ad un giorno di distanza dall’ordine a tutti i lavoratori di settori non fondamentali di rimanere a casa, senza però fare chiarezza su come tutto questo sarà fatto rispettare.

Galleria fotografica
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 1
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 2
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 3
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 4
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 5
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 6
CORONAVIRUS
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
L’ottimismo di Trump, le paure degli esperti
Neanche di fronte a 200mila morti e 7 milioni di contagi, il presidente cambia rotta: promette vaccini improbabili entro la data delle elezioni e minimizza il resto, convinto di aver salvato milioni di vite umane
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza