London Tube, la nuova follia inglese

| BoJo elimina treni e chiude molte stazioni della metropolitana di Londra, con il risultato che la gente affolla i pichi rimasti

+ Miei preferiti
Boris Johnson ha deciso: la metropolitana di Londra non chiude perché considerata necessaria alla vita della capitale inglese, ma diminuisce comunque i treni circolanti e la frequenza dei passaggi. Lo scopo: scoraggiare i londinesi ad uscire di casa. Il risultato: i pochi treni circolanti stipati come carri bestiame, alla faccia della pandemia e dei consigli sulla distanza da mantenere.

È l’ennesimo esempio di pasticcio all’inglese, rimbalzato sui tabloid che mostrano foto di vagoni pieni come non mai. La decisione di chiudere 40 stazioni della metropolitana e far circolare solo 15 treni all’ora si è trasformata in una nuova bordata di fischi e insulti all'indirizzo di BoJo, perché significa che i londinesi che lavorano sono costretti a stare ancora più vicini di prima, aumentando in modo esponenziale il rischio di trasmissione. La decisione arriva ad un giorno di distanza dall’ordine a tutti i lavoratori di settori non fondamentali di rimanere a casa, senza però fare chiarezza su come tutto questo sarà fatto rispettare.

Galleria fotografica
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 1
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 2
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 3
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 4
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 5
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 6
CORONAVIRUS
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano