London Tube, la nuova follia inglese

| BoJo elimina treni e chiude molte stazioni della metropolitana di Londra, con il risultato che la gente affolla i pichi rimasti

+ Miei preferiti
Boris Johnson ha deciso: la metropolitana di Londra non chiude perché considerata necessaria alla vita della capitale inglese, ma diminuisce comunque i treni circolanti e la frequenza dei passaggi. Lo scopo: scoraggiare i londinesi ad uscire di casa. Il risultato: i pochi treni circolanti stipati come carri bestiame, alla faccia della pandemia e dei consigli sulla distanza da mantenere.

È l’ennesimo esempio di pasticcio all’inglese, rimbalzato sui tabloid che mostrano foto di vagoni pieni come non mai. La decisione di chiudere 40 stazioni della metropolitana e far circolare solo 15 treni all’ora si è trasformata in una nuova bordata di fischi e insulti all'indirizzo di BoJo, perché significa che i londinesi che lavorano sono costretti a stare ancora più vicini di prima, aumentando in modo esponenziale il rischio di trasmissione. La decisione arriva ad un giorno di distanza dall’ordine a tutti i lavoratori di settori non fondamentali di rimanere a casa, senza però fare chiarezza su come tutto questo sarà fatto rispettare.

Galleria fotografica
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 1
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 2
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 3
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 4
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 5
London Tube, la nuova follia inglese - immagine 6
CORONAVIRUS
New York: voci da un pronto soccorso
New York: voci da un pronto soccorso
Le drammatiche testimonianze dei medici dell’University Hospital di Brooklyn raccolte da due giornalisti della CNN: “Preparatevi: è peggiore di qualsiasi incubo abbiate mai avuto”
Non è un virus (solo) per vecchi
Non è un virus (solo) per vecchi
La storia di Ben Luderer, sportivo di 30 anni, morto all’improvviso di coronavirus. Per gli scienziati è uno dei tanti casi del mistero legato al virus, capace di dare sintomi lievi ma anche di uccidere senza pietà
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
L’esperienza della Sars, che nel 2003 ha colpito duro, e la mancanza di annessione all’OMS, ha costretto il Paese asiatico ad agire da solo, creando una delle migliori risposte alla pandemia di tutto il mondo
GB: cresce il numero di «covidiot»
GB: cresce il numero di «covidiot»
Migliaia di persone fermate nei parchi della Gran Bretagna perché prendevano il sole, approfittando delle temperature calde. Per loro, gli inglesi hanno coniato un nuovo termine, che va bene anche per l’Italia
Nessuno parla più di Brexit
Nessuno parla più di Brexit
Da Downing Street ripetono che nulla cambia: il Regno Unito uscirà dalla UE nel dicembre di quest’anno. Ma non dicono che il Paese continua a importare migliaia di tonnellate di merci, comprese forniture mediche e ospedaliere
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
I primi casi individuati nelle enormi e popolate baraccopoli di Mumbai hanno alzato il livello di timori delle autorità sanitarie: “Agire subito, o non saremo mai in grado di sopportare quello che sta succedendo in Europa e America”
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
La denuncia della figlia di Thomas Harvey, infermiere che malgrado i sintomi e i diversi tentativi di farlo ricoverare, è stato costretto a casa, dove è morto per arresto cardiaco
La molte verità della pandemia
La molte verità della pandemia
Terminata la fase critica, secondo gli esperti non sarà così immediato il ritorno alla normalità per quanto riguarda i viaggi. Le responsabilità dell’inquinamento nel propagarsi del contagio. Qual è il vero numero dei morti in Cina?
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore