Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni

| La capitale inglese vive nella più completa confusione l’attesa delle misure stringenti contenute nel dossier governativo per contenere l’epidemia. C’è chi ha paura, chi non ci crede e chi pensa sia ormai troppo tardi

+ Miei preferiti
Qualcosa sulla pericolosità del coronavirus sfugge ancora agli inglesi, in fondo com’è successo fino a pochi giorni fa al loro premier Boris Johnson. Londra, la multietnica capitale inglese, non riesce a decidersi. Se la metropolitana è chiusa e i marciapiedi sono vuoti, negozi e locali non lo sono affatto: circolano voci sull’ormai prossimo blocco totale di almeno 15 giorni, ipotesi che suscita panico e scatena la corsa all’accaparramento, malgrado le rassicurazioni del governo. Ma la mancanza di prove diffuse sul pericolo è come se seminassero l’idea che sia troppo tardi per fermare ciò che sta succedendo, o che qualcosa di inevitabile e mastodontico sia ormai prossimo e ineluttabile. E Londra è sospesa in due: da una parte gli scaffali dei market vuoti, dall’altra i pub pieni.

“Sembra che Londra sia ormai qualche settimana avanti rispetto al resto del Paese nella diffusione del virus”, ha affermato BoJo dimenticando di considerare che il Regno Unito è molto indietro rispetto a paesi come l’Italia. Ma la mancanza di una campagna di test a tappeto, per molti, significa non esistono dati certi, solo statistiche, numeri e proiezioni.

Circola l’idea che “l’immunità di gregge” - lasciare che un numero sufficiente di persone prenda il virus per immunizzare la popolazione – a tanti era perfino sembrata una scelta intelligente. È figlio di un ragionamento molto britannico, come la Brexit, che induce a convincersi di essere dotati di un’intelligenza superiore agli altri.

Ai più resta il dubbio: la decisione di chiudere le scuole e le possibili serrate delle attività, arrivano da nuovi dati sulla gravità o piuttosto è un tentativo di rispondere alle critiche internazionali dopo aver parlato di immunità di gregge?

Come sempre accade, se chi deve decidere è indeciso – come Johnson - la titubanza si amplifica spargendosi come un germe. Nel giro di una manciata di ore, il Regno Unito è passato dalla più cauta e rilassata delle posizioni ad una drastica la pianificazione del disastro: una bozza di legge permetterebbe alla polizia di arrestare coloro che eludono la quarantena, esercito mobilitato e stanziamenti milionari per tenere a galla l’economia, tutto con una fretta diventata di colpo straordinaria. E per molti poco credibile.

Galleria fotografica
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 1
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 2
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 3
CORONAVIRUS
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”