Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni

| La capitale inglese vive nella più completa confusione l’attesa delle misure stringenti contenute nel dossier governativo per contenere l’epidemia. C’è chi ha paura, chi non ci crede e chi pensa sia ormai troppo tardi

+ Miei preferiti
Qualcosa sulla pericolosità del coronavirus sfugge ancora agli inglesi, in fondo com’è successo fino a pochi giorni fa al loro premier Boris Johnson. Londra, la multietnica capitale inglese, non riesce a decidersi. Se la metropolitana è chiusa e i marciapiedi sono vuoti, negozi e locali non lo sono affatto: circolano voci sull’ormai prossimo blocco totale di almeno 15 giorni, ipotesi che suscita panico e scatena la corsa all’accaparramento, malgrado le rassicurazioni del governo. Ma la mancanza di prove diffuse sul pericolo è come se seminassero l’idea che sia troppo tardi per fermare ciò che sta succedendo, o che qualcosa di inevitabile e mastodontico sia ormai prossimo e ineluttabile. E Londra è sospesa in due: da una parte gli scaffali dei market vuoti, dall’altra i pub pieni.

“Sembra che Londra sia ormai qualche settimana avanti rispetto al resto del Paese nella diffusione del virus”, ha affermato BoJo dimenticando di considerare che il Regno Unito è molto indietro rispetto a paesi come l’Italia. Ma la mancanza di una campagna di test a tappeto, per molti, significa non esistono dati certi, solo statistiche, numeri e proiezioni.

Circola l’idea che “l’immunità di gregge” - lasciare che un numero sufficiente di persone prenda il virus per immunizzare la popolazione – a tanti era perfino sembrata una scelta intelligente. È figlio di un ragionamento molto britannico, come la Brexit, che induce a convincersi di essere dotati di un’intelligenza superiore agli altri.

Ai più resta il dubbio: la decisione di chiudere le scuole e le possibili serrate delle attività, arrivano da nuovi dati sulla gravità o piuttosto è un tentativo di rispondere alle critiche internazionali dopo aver parlato di immunità di gregge?

Come sempre accade, se chi deve decidere è indeciso – come Johnson - la titubanza si amplifica spargendosi come un germe. Nel giro di una manciata di ore, il Regno Unito è passato dalla più cauta e rilassata delle posizioni ad una drastica la pianificazione del disastro: una bozza di legge permetterebbe alla polizia di arrestare coloro che eludono la quarantena, esercito mobilitato e stanziamenti milionari per tenere a galla l’economia, tutto con una fretta diventata di colpo straordinaria. E per molti poco credibile.

Galleria fotografica
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 1
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 2
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 3
CORONAVIRUS
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
L’Europa teme la seconda ondata
L’Europa teme la seconda ondata
Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid
Trump: “Il mondo ci invidia”
Trump: “Il mondo ci invidia”
Secondo il presidente i dati ufficiali sono “fuorvianti” perché “nessun Paese ha fatto tanto per combattere la pandemia”. Alla fine sibila: “Se a novembre dovessi perdere non so se lo accetterei”
Lo sprint finale verso il vaccino
Lo sprint finale verso il vaccino
La sperimentazione ha raggiunto la fase dei testi in buona parte del mondo, ma per quanto si tenti di comprimere i tempi, saranno necessari ancora mesi prima di avere uno strumento efficace