Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni

| La capitale inglese vive nella più completa confusione l’attesa delle misure stringenti contenute nel dossier governativo per contenere l’epidemia. C’è chi ha paura, chi non ci crede e chi pensa sia ormai troppo tardi

+ Miei preferiti
Qualcosa sulla pericolosità del coronavirus sfugge ancora agli inglesi, in fondo com’è successo fino a pochi giorni fa al loro premier Boris Johnson. Londra, la multietnica capitale inglese, non riesce a decidersi. Se la metropolitana è chiusa e i marciapiedi sono vuoti, negozi e locali non lo sono affatto: circolano voci sull’ormai prossimo blocco totale di almeno 15 giorni, ipotesi che suscita panico e scatena la corsa all’accaparramento, malgrado le rassicurazioni del governo. Ma la mancanza di prove diffuse sul pericolo è come se seminassero l’idea che sia troppo tardi per fermare ciò che sta succedendo, o che qualcosa di inevitabile e mastodontico sia ormai prossimo e ineluttabile. E Londra è sospesa in due: da una parte gli scaffali dei market vuoti, dall’altra i pub pieni.

“Sembra che Londra sia ormai qualche settimana avanti rispetto al resto del Paese nella diffusione del virus”, ha affermato BoJo dimenticando di considerare che il Regno Unito è molto indietro rispetto a paesi come l’Italia. Ma la mancanza di una campagna di test a tappeto, per molti, significa non esistono dati certi, solo statistiche, numeri e proiezioni.

Circola l’idea che “l’immunità di gregge” - lasciare che un numero sufficiente di persone prenda il virus per immunizzare la popolazione – a tanti era perfino sembrata una scelta intelligente. È figlio di un ragionamento molto britannico, come la Brexit, che induce a convincersi di essere dotati di un’intelligenza superiore agli altri.

Ai più resta il dubbio: la decisione di chiudere le scuole e le possibili serrate delle attività, arrivano da nuovi dati sulla gravità o piuttosto è un tentativo di rispondere alle critiche internazionali dopo aver parlato di immunità di gregge?

Come sempre accade, se chi deve decidere è indeciso – come Johnson - la titubanza si amplifica spargendosi come un germe. Nel giro di una manciata di ore, il Regno Unito è passato dalla più cauta e rilassata delle posizioni ad una drastica la pianificazione del disastro: una bozza di legge permetterebbe alla polizia di arrestare coloro che eludono la quarantena, esercito mobilitato e stanziamenti milionari per tenere a galla l’economia, tutto con una fretta diventata di colpo straordinaria. E per molti poco credibile.

Galleria fotografica
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 1
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 2
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 3
CORONAVIRUS
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
La fine di Dmitriy, l’uomo che non credeva al Covid
Istruttore di fitness e blogger, era considerato un acceso “negazionista”: al ritorno da un viaggio di lavoro in Turchia scopre di essere positivo e muore pochi giorni dopo
Repubblica Ceca, da esempio
per l’Europa al disastro
Repubblica Ceca, da esempio<br>per l’Europa al disastro
Il Paese era riuscito a contenere in modo efficace la prima ondata, ma un insieme di concause ha permesso al virus di riprendere ciò che aveva solo lasciato indietro. E la gente protesta nelle piazze
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Lockdown totale e mirato? Il dilemma dell’Europa
Secondo gli esperti scientifici, sarebbe più efficace una breve chiusura totale piuttosto che tante piccole misure locali che non consentono di controllare le infezioni. Ma di mezzo ci sono le difficili situazioni delle economie
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Great Barrington Declaration, la petizione per l’immunità di gregge
Firmato da esperti in tutto il mondo, è un manifesto che chiede di tutelare dal virus le fasce più a rischio ma di consentire a tutti gli altri la normalità, puntando verso l’immunità naturale
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
La lezione asiatica, che il mondo ha ignorato
I paesi dell’area Asia-Pacifico vivono situazioni decisamente migliori rispetto all’Occidente. Merito di strategie precise, comunicazioni efficaci e decisioni condivise che non generano malumori
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
GB al punto del non ritorno: scatta l’emergenza
Downing Street ha studiato un piano di contenimento graduale diviso in tre diversi livelli di allerta. Quello massimo è praticamente un lockdown quasi totale
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
Cina, un’intera città sottoposta a test in 5 giorni
I 9 milioni di abitanti di Qingdao testati dopo l’individuazione di un focolaio collegato al reparto Covid di un ospedale
I vaccini della seconda fase saranno spray?
I vaccini della seconda fase saranno spray?
Non sono solo più pratici e indolori, secondo alcuni studi potrebbero anche essere molto più efficaci. Attualmente sono in fase di studio in diversi centri come terapia secondaria alla prima tornata di vaccinazioni
Il virus si riprende il mondo
Il virus si riprende il mondo
La freddezza dei numeri non lascia molte speranze: i contagi crescono ovunque, e non c’è Paese che non abbia pronti pacchetti di misure restrittive per arginare il virus. Le situazioni peggiori negli Stati Uniti e in India
L’infermiera che accusa Trump: «Non cretedegli, di virus si muore»
L’infermiera che accusa Trump: «Non cretedegli, di virus si muore»
Cristina Hops ha visto “centinaia di persone soffocare fino alla morte”: un’esperienza che ha voluto raccontare commossa in un video TikTok dopo aver sentito Trump minimizzare il coronavirus