Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni

| La capitale inglese vive nella più completa confusione l’attesa delle misure stringenti contenute nel dossier governativo per contenere l’epidemia. C’è chi ha paura, chi non ci crede e chi pensa sia ormai troppo tardi

+ Miei preferiti
Qualcosa sulla pericolosità del coronavirus sfugge ancora agli inglesi, in fondo com’è successo fino a pochi giorni fa al loro premier Boris Johnson. Londra, la multietnica capitale inglese, non riesce a decidersi. Se la metropolitana è chiusa e i marciapiedi sono vuoti, negozi e locali non lo sono affatto: circolano voci sull’ormai prossimo blocco totale di almeno 15 giorni, ipotesi che suscita panico e scatena la corsa all’accaparramento, malgrado le rassicurazioni del governo. Ma la mancanza di prove diffuse sul pericolo è come se seminassero l’idea che sia troppo tardi per fermare ciò che sta succedendo, o che qualcosa di inevitabile e mastodontico sia ormai prossimo e ineluttabile. E Londra è sospesa in due: da una parte gli scaffali dei market vuoti, dall’altra i pub pieni.

“Sembra che Londra sia ormai qualche settimana avanti rispetto al resto del Paese nella diffusione del virus”, ha affermato BoJo dimenticando di considerare che il Regno Unito è molto indietro rispetto a paesi come l’Italia. Ma la mancanza di una campagna di test a tappeto, per molti, significa non esistono dati certi, solo statistiche, numeri e proiezioni.

Circola l’idea che “l’immunità di gregge” - lasciare che un numero sufficiente di persone prenda il virus per immunizzare la popolazione – a tanti era perfino sembrata una scelta intelligente. È figlio di un ragionamento molto britannico, come la Brexit, che induce a convincersi di essere dotati di un’intelligenza superiore agli altri.

Ai più resta il dubbio: la decisione di chiudere le scuole e le possibili serrate delle attività, arrivano da nuovi dati sulla gravità o piuttosto è un tentativo di rispondere alle critiche internazionali dopo aver parlato di immunità di gregge?

Come sempre accade, se chi deve decidere è indeciso – come Johnson - la titubanza si amplifica spargendosi come un germe. Nel giro di una manciata di ore, il Regno Unito è passato dalla più cauta e rilassata delle posizioni ad una drastica la pianificazione del disastro: una bozza di legge permetterebbe alla polizia di arrestare coloro che eludono la quarantena, esercito mobilitato e stanziamenti milionari per tenere a galla l’economia, tutto con una fretta diventata di colpo straordinaria. E per molti poco credibile.

Galleria fotografica
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 1
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 2
Londra indecisa: scaffali vuoti e pub pieni - immagine 3
CORONAVIRUS
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
Cina, un altro ospedale costruito in 5 giorni
È il primo di sei strutture che stanno nascendo in questi giorni nei dintorni di Pechino. A preoccupare le autorità un nuovo innalzamento dei casi di contagio
Il virus non sparirà mai
Il virus non sparirà mai
Le fosche previsioni del CEO di “Moderna”, secondo cui il Covid-19 è destinato a diventare una malattia endemica che circolerà a livelli molto bassi
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Due milioni di morti, ma il numero è più alto
Il triste primato raggiunto venerdì, mentre il virus si fa ovunque più aggressivo. Secondo gli esperti le vittime del Covid-19 sono molte di più
La difficile missione del team OMS in Cina
La difficile missione del team OMS in Cina
Controllati notte e giorno da funzionari cinesi, i 15 esperti inviati a Wuhan per indagare sulle origini del Covid-19 non avranno vita facile. Due sono stati bloccati perché positivi ai test, gli altri costretti alla quarantena
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Il vaccino cinese è meno efficace del previsto?
Salgono le preoccupazioni a livello internazionale dopo i risultati di alcuni test effettuati in Brasile: si parla di poco più del 50% contro il 78% annunciato in precedenza
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
La Cina vieta l’ingresso alle squadre dell’OMS
Dopo lunghi mesi di trattative, Pechino aveva concesso l’ingresso ad un team internazionale di esperti incaricato di scoprire l’origine del virus. Ma è stato revocato all'ultimo istante
L’apartheid del vaccino
L’apartheid del vaccino
Anche i Paesi che hanno ospitato gli esperimenti sui vaccini - come l’Argentina, il Sudafrica, il Brasile e la Turchia - non riceveranno forniture adeguate
I piani vaccinali fanno tremare i governi
I piani vaccinali fanno tremare i governi
Malgrado la corsa spasmodica delle forniture, sono diversi i Paesi in cui la più grande campagna vaccinale della storia stenta a partire. Fra i più ritardatari la Francia
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
Cina e Russia, più vittime di quanto ammesso
I numeri dei decessi nei due Paesi sarebbero molto più alti di quelli dichiarati ufficialmente. A Wuhan almeno 500 mila persone sarebbero morte in questi mesi, mentre in Russia le vittime sarebbero 186mila
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
Un anno di Coronavirus, e quello che ancora non sappiamo
La straordinaria corsa del pianeta verso il vaccino non ha comunque risolto diversi dubbi: dove è nato, quanto sono efficaci i vaccini e quando finirà tutto questo