Muore il primo marinaio della Roosevelt

| Il Pentagono ammette il decesso del primo membro dell’equipaggio della portaerei finita al centro di una polemica furiosa

+ Miei preferiti
Il destino dei marinari della portaerei Roosevelt è diventato un caso nazionale che continua a preoccupare gli americani, soprattutto da quando la US Navy ha ammesso la prima vittima: un marinaio ricoverato in terapia intensiva a Guam, è morto per complicazioni legate al coronavirus.

Una fine che arriva a 11 giorni dal licenziamento in tronco del capitano della portaerei, considerato colpevole di aver svelato ai media i suoi timori, accusando la Marina Militare di aver fatto troppo poco per salvaguardare il suo equipaggio. La US Navy ha anche annunciato che un gruppo d’attacco della USS Harry S. Truman diretto a Norfolk, Virginia e da un mese di dispiegamento in Medio Oriente, farà da supporto all’equipaggio della Roosevelt.

“Una misura necessaria per mantenere inalterata la capacità di combattimento della nave, garantendo al tempo stesso la sicurezza dell’equipaggio”, si legge nella nota ufficiale diffusa dal Pentagono. Al momento, non sono segnalati casi a bordo della Truman o delle altre navi del contingente navale di stanza nell’Atlantico.

Il marinaio morto, il cui nome non è stato reso noto in attesa di darne notizia alla famiglia, era risultato positivo al coronavirus il 30 marzo scorso e messo in isolamento insieme ad altri quattro uomini presso la base navale americana di Guam. Il 9 aprile è stato trovato privo di sensi durante un controllo medico ed è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva di un ospedale locale, dove è spirato.

Durante il fine settimana, altri quattro membri dell’equipaggio di Roosevelt sono stati ricoverati in ospedale per il monitoraggio dei sintomi del coronavirus: sarebbero tutti in condizioni stabili e nessuno in terapia intensiva o bisognoso di respirazione artificiale.

È il primo decesso fra i 4.860 uomini dell’equipaggio, di cui 585 positivi al coronavirus: in poco più di 4.000 sono stati trasferiti a terra, mentre il resto è a bordo per occuparsi dei reattori nucleari e di altri sistemi d’arma che non possono restare incustoditi.

“Formulo le mie più sentite condoglianze alla famiglia, ma assicuro anche il nostro pieno sostegno alla nave e all’equipaggio - ha commentato l’ammiraglio Mike Gilday, capo delle operazioni navali – perché i marinai sono la vera forza della US Navy”.

La Roosevelt si è trovata ad affrontare un focolaio di contagi che ha spinto il comandante Brett E. Crozier a far esplodere il caso nel tentativo di salvare i suoi uomini da una fine inutile. Un gesto che gli è costata la carriera, accompagnata dagli insulti di Thomas Modly, segretario alla marina, che travolto dalle polemiche ha rassegnato lui stesso le dimissioni poco dopo.

Donald Trump, che inizialmente aveva aspramente criticato Crozier per l’allarme, ha corretto il tiro aggiungendo di sperare che la carriera del comandante non fosse rovinata per via di un errore comprensibile a livello umano. Pur senza sbilanciarsi, la US Navy ha lasciato capire che il comandante potrebbe essere reintegrato molto presto.

Ma il caso della Roosevelt ha alzato un problema di più ampia scala: “Non è logico pensare che il caso della Teddy Roosevelt sia unico e irripetibile: abbiamo tante navi in mare, e pensare che non accadrà mai più non è un buon modo per prevedere il peggio”.

CORONAVIRUS
La conversione di un complottista
La conversione di un complottista
Un uomo di 46 anni che non credeva al coronavirus, considerato una fake news messa in giro ad arte, è finito in ospedale per contagio insieme alla moglie. Lui se l’è cavata, lei invece rischia ancora la vita
Sudamerica, prossima tappa del virus
Sudamerica, prossima tappa del virus
Le scelte politiche e una povertà diffusa ostacolano la risposta di Covid-19 in America Latina. Molti i Paesi che fanno di testa propria, con contagi in forte aumento. Il caso diverso del Costa Rica
Il genocidio di una generazione
Il genocidio di una generazione
Il mondo ha sacrificato gli anziani nella corsa per proteggere gli ospedali. Il risultato è stata una catastrofe di proporzioni enormi che ha avuto come epicentro le case di riposo
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Uno studio fissa la fine del Covid-19
Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Brasile, la strage delle tribù amazzoniche
Le comunità che vivono nelle più remote regioni della foresta amazzonica minacciate dalla pandemia: mentre il numero di morti e di infezioni continua a salire, nessuno se ne occupa
Estate 2020, il caos in spiaggia
Estate 2020, il caos in spiaggia
Qualcuno continua a vietarle, altri provano ad aprirle e tornano a impedirne l’accesso, altre ancora propongono soluzioni nel tentativo disperato di salvare la stagione e accontentare i turisti. Ma non sarà facile
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Non siete i benvenuti: i villaggi scozzesi contro i turisti
Gli abitanti di minuscoli e affascinanti borghi della Scozia continuano a bloccare le strade di accesso invitando i turisti a tornare a casa propria
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
Vaccino: trovati anticorpi sufficienti per prevenire il virus
La società americana Moderna annuncia che la prima fase di test sull’uomo di un vaccino allo studio sta dando risultati molto confortanti. A luglio parte una seconda fase pe stabilire sicurezza ed efficacia
Il mondo vuole un’inchiesta
Il mondo vuole un’inchiesta
Sono ormai più di 100, compresi alleati storici come la Russia, i Paesi pronti a chiedere una ricerca indipendente che faccia piena luce sulla pandemia: dalle origini alla diffusione, dai silenzi agli insabbiamenti. E Pechino trema
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Dopo le bugie, arriverà una seconda ondata in Cina
Zhong Nanshan, massimo esperto cinese, è convinto che la mancanza di immunità sulla popolazione avrà serie conseguenze. E ammette anche le bugie raccontate nelle fasi iniziali