Muore il primo marinaio della Roosevelt

| Il Pentagono ammette il decesso del primo membro dell’equipaggio della portaerei finita al centro di una polemica furiosa

+ Miei preferiti
Il destino dei marinari della portaerei Roosevelt è diventato un caso nazionale che continua a preoccupare gli americani, soprattutto da quando la US Navy ha ammesso la prima vittima: un marinaio ricoverato in terapia intensiva a Guam, è morto per complicazioni legate al coronavirus.

Una fine che arriva a 11 giorni dal licenziamento in tronco del capitano della portaerei, considerato colpevole di aver svelato ai media i suoi timori, accusando la Marina Militare di aver fatto troppo poco per salvaguardare il suo equipaggio. La US Navy ha anche annunciato che un gruppo d’attacco della USS Harry S. Truman diretto a Norfolk, Virginia e da un mese di dispiegamento in Medio Oriente, farà da supporto all’equipaggio della Roosevelt.

“Una misura necessaria per mantenere inalterata la capacità di combattimento della nave, garantendo al tempo stesso la sicurezza dell’equipaggio”, si legge nella nota ufficiale diffusa dal Pentagono. Al momento, non sono segnalati casi a bordo della Truman o delle altre navi del contingente navale di stanza nell’Atlantico.

Il marinaio morto, il cui nome non è stato reso noto in attesa di darne notizia alla famiglia, era risultato positivo al coronavirus il 30 marzo scorso e messo in isolamento insieme ad altri quattro uomini presso la base navale americana di Guam. Il 9 aprile è stato trovato privo di sensi durante un controllo medico ed è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva di un ospedale locale, dove è spirato.

Durante il fine settimana, altri quattro membri dell’equipaggio di Roosevelt sono stati ricoverati in ospedale per il monitoraggio dei sintomi del coronavirus: sarebbero tutti in condizioni stabili e nessuno in terapia intensiva o bisognoso di respirazione artificiale.

È il primo decesso fra i 4.860 uomini dell’equipaggio, di cui 585 positivi al coronavirus: in poco più di 4.000 sono stati trasferiti a terra, mentre il resto è a bordo per occuparsi dei reattori nucleari e di altri sistemi d’arma che non possono restare incustoditi.

“Formulo le mie più sentite condoglianze alla famiglia, ma assicuro anche il nostro pieno sostegno alla nave e all’equipaggio - ha commentato l’ammiraglio Mike Gilday, capo delle operazioni navali – perché i marinai sono la vera forza della US Navy”.

La Roosevelt si è trovata ad affrontare un focolaio di contagi che ha spinto il comandante Brett E. Crozier a far esplodere il caso nel tentativo di salvare i suoi uomini da una fine inutile. Un gesto che gli è costata la carriera, accompagnata dagli insulti di Thomas Modly, segretario alla marina, che travolto dalle polemiche ha rassegnato lui stesso le dimissioni poco dopo.

Donald Trump, che inizialmente aveva aspramente criticato Crozier per l’allarme, ha corretto il tiro aggiungendo di sperare che la carriera del comandante non fosse rovinata per via di un errore comprensibile a livello umano. Pur senza sbilanciarsi, la US Navy ha lasciato capire che il comandante potrebbe essere reintegrato molto presto.

Ma il caso della Roosevelt ha alzato un problema di più ampia scala: “Non è logico pensare che il caso della Teddy Roosevelt sia unico e irripetibile: abbiamo tante navi in mare, e pensare che non accadrà mai più non è un buon modo per prevedere il peggio”.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi