Muore il primo marinaio della Roosevelt

| Il Pentagono ammette il decesso del primo membro dell’equipaggio della portaerei finita al centro di una polemica furiosa

+ Miei preferiti
Il destino dei marinari della portaerei Roosevelt è diventato un caso nazionale che continua a preoccupare gli americani, soprattutto da quando la US Navy ha ammesso la prima vittima: un marinaio ricoverato in terapia intensiva a Guam, è morto per complicazioni legate al coronavirus.

Una fine che arriva a 11 giorni dal licenziamento in tronco del capitano della portaerei, considerato colpevole di aver svelato ai media i suoi timori, accusando la Marina Militare di aver fatto troppo poco per salvaguardare il suo equipaggio. La US Navy ha anche annunciato che un gruppo d’attacco della USS Harry S. Truman diretto a Norfolk, Virginia e da un mese di dispiegamento in Medio Oriente, farà da supporto all’equipaggio della Roosevelt.

“Una misura necessaria per mantenere inalterata la capacità di combattimento della nave, garantendo al tempo stesso la sicurezza dell’equipaggio”, si legge nella nota ufficiale diffusa dal Pentagono. Al momento, non sono segnalati casi a bordo della Truman o delle altre navi del contingente navale di stanza nell’Atlantico.

Il marinaio morto, il cui nome non è stato reso noto in attesa di darne notizia alla famiglia, era risultato positivo al coronavirus il 30 marzo scorso e messo in isolamento insieme ad altri quattro uomini presso la base navale americana di Guam. Il 9 aprile è stato trovato privo di sensi durante un controllo medico ed è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva di un ospedale locale, dove è spirato.

Durante il fine settimana, altri quattro membri dell’equipaggio di Roosevelt sono stati ricoverati in ospedale per il monitoraggio dei sintomi del coronavirus: sarebbero tutti in condizioni stabili e nessuno in terapia intensiva o bisognoso di respirazione artificiale.

È il primo decesso fra i 4.860 uomini dell’equipaggio, di cui 585 positivi al coronavirus: in poco più di 4.000 sono stati trasferiti a terra, mentre il resto è a bordo per occuparsi dei reattori nucleari e di altri sistemi d’arma che non possono restare incustoditi.

“Formulo le mie più sentite condoglianze alla famiglia, ma assicuro anche il nostro pieno sostegno alla nave e all’equipaggio - ha commentato l’ammiraglio Mike Gilday, capo delle operazioni navali – perché i marinai sono la vera forza della US Navy”.

La Roosevelt si è trovata ad affrontare un focolaio di contagi che ha spinto il comandante Brett E. Crozier a far esplodere il caso nel tentativo di salvare i suoi uomini da una fine inutile. Un gesto che gli è costata la carriera, accompagnata dagli insulti di Thomas Modly, segretario alla marina, che travolto dalle polemiche ha rassegnato lui stesso le dimissioni poco dopo.

Donald Trump, che inizialmente aveva aspramente criticato Crozier per l’allarme, ha corretto il tiro aggiungendo di sperare che la carriera del comandante non fosse rovinata per via di un errore comprensibile a livello umano. Pur senza sbilanciarsi, la US Navy ha lasciato capire che il comandante potrebbe essere reintegrato molto presto.

Ma il caso della Roosevelt ha alzato un problema di più ampia scala: “Non è logico pensare che il caso della Teddy Roosevelt sia unico e irripetibile: abbiamo tante navi in mare, e pensare che non accadrà mai più non è un buon modo per prevedere il peggio”.

CORONAVIRUS
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”
Chi sta iniziando a riaprire
Chi sta iniziando a riaprire
Il Texas e il Mississippi annunciano il ritorno al 100% delle attività senza più l’obbligo della mascherina. Israele riapre i locali pubblici, ma solo a chi è stato vaccinato