OMS: il mondo si abitui ad una vita diversa

| È troppo presto per eliminare le misure di contenimento, avverte la massima autorità sanitaria mondiale: va fatta con grande attenzione e gradualità, pronti a tornare indietro in qualsiasi momento

+ Miei preferiti
Secondo i dati raccolti dal “Center for Systems Science and Engineering” della Johns Hopkins University, la pandemia ha ucciso più di 170mila persone in tutto il mondo, e quasi 2,5 milioni sono risultate positive ai test per il Covid-19. Ma sono numeri parziali: si ritiene che quelli reali siano molto più alti a causa della carenza di test, di casi non segnalati e del sospetto che alcuni Paesi stiano nascondendo la portata delle epidemie delle loro nazioni.

Da quando sono stati rilevati i primi casi in Cina, lo scorso dicembre, gli Stati Uniti sono diventati la nazione più colpita, con oltre 787mila casi diagnosticati e almeno 42.364 decessi. 

Ma, avverte l’Organizzazione Mondiale della Sanità, poiché molti paesi si apprestano a mitigare o eliminare le misure di contenimento messe in atto per contenere la diffusione del nuovo coronavirus, allentare troppo presto le restrizioni può portare ad una recrudescenza dei contagi. “Non è affatto il momento di essere permissivi - ha detto il Dr. Takeshi Kasai, il direttore regionale dell’OMS per il Pacifico occidentale - dobbiamo invece prepararci ad un nuovo modo di vivere per il prossimo futuro”.

Secondo Kasai le restrizioni si sono dimostrate efficaci e la loro abolizione deve avvenire molto gradualmente, monitorando di continuo la situazione e pronti a ripristinarle in qualsiasi momento. “La società deve prepararsi a un nuovo modo di vivere che mantenga le persone sane e permetta alle economie di funzionare, mentre i governi lavorano per tenere il virus sotto controllo. Le nostre vite, il nostro sistema sanitario e le misure per fermare i contagi devono continuare ad adattarsi ed evolversi insieme all’epidemia, almeno fino a quando non si troverà un vaccino o un trattamento efficace. Ma fino ad allora, tutto questo dovrà diventare la nostra nuova normalità”.

CORONAVIRUS
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite