Ora è la Cina a chiudere le porte al mondo

| In un ribaltamento di ruoli che inizia a sfiorare la xenofobia, sono sempre più locali e negozi che vietano l’ingresso ai non cinesi, mentre il governo congela i visti di ingresso nel Paese

+ Miei preferiti
Così come tutti avevano fatto nei loro confronti nei giorni peggiori di Wuhan, adesso sono i cinesi, ormai quasi fuori dal pericolo coronavirus, a chiudersi a doppia mandata nel timore di una seconda ondata di contagi provenienti dall’estero.

In una nota ufficiale, Pechino ha dichiarato che “in relazione della rapida diffusione di Covid-19 in tutto il mondo, la Repubblica Popolare Cinese ha deciso di sospendere temporaneamente l’ingresso di cittadini stranieri in possesso di visti o permessi di soggiorno a partire dal 28 marzo”. A partire da quella data, chiunque abbia necessità improrogabili di entrare nel Paese dovrà richiedere un nuovo visto presso l’ambasciata o il consolato locale.

La decisione di sigillare il Paese agli stranieri è l’ultima di una serie di misure di salvaguardia contro il contagio di ritorno, dopo la conferma più di 500 casi di coronavirus “di importazione” registrati. La città di Pechino ha annunciato che tutti i passeggeri degli arrivi internazionali saranno obbligatoriamente messi in quarantena presso strutture governative designate, e altre città hanno implementato rigorosi obblighi di quarantena domiciliare.

Il numero di nuove infezioni ha subito un forte rallentamento nelle ultime settimane, e mentre Wuhan, la città che prima era l’epicentro dell’epidemia, rimane per buona parte in isolamento, gran parte del resto del Paese sta tornando alla normalità.

In tutta la Cina, si registrano notizie di locali e negozi che vietano l’accesso ai cittadini stranieri, ma sono numerosi anche i casi di uffici e complessi residenziali che impediscono l’ingresso ai non cinesi. Tutto questo malgrado il 90% dei casi importati sia legato a cittadini cinesi di ritorno dall’estero, in particolare alle centinaia di migliaia di studenti costretti a casa dalla chiusura delle università che frequentano in altri Paesi.

Se da un lato la stigmatizzazione degli stranieri in Cina non ha raggiunto il livello di violenza e di razzismo pari a quello vissuto da molti asiatici che vivono in Europa e negli Stati Uniti, dall’altro sembra di assistere ad un aumento dei casi di xenofobia. In una palestra di Pechino molto popolare tra gli “expat”, i dirigenti hanno affisso un cartello che ricorda “agli amici stranieri di non essere più autorizzati ad entrare”. 

Secondo i media statali, circa 900mila stranieri vivono in Cina, ma mentre il governo ha gradualmente reso più facile richiedere la residenza permanente, cercando di attirare talenti e investimenti, il numero di stranieri che ottengono lo status è ancora eccezionalmente basso. Nel 2010, quando è stato effettuato l’ultimo censimento, in Cina c’erano solo 1.448 cittadini stranieri naturalizzati, una nazione di oltre 1,3 miliardi di persone.

CORONAVIRUS
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Un terzo dei sopravvissuti al Covid accusa disturbi mentali
Lo svela il più grande studio mai realizzato finora, che ha riscontrato numerosi casi di stress post-trumatico, ansia, disturbi dell’umore e, nelle forme più gravi, il rischio di ictus ischemici
Il Brasile ordina le riesumazioni
Il Brasile ordina le riesumazioni
Non c’è più posto per le salme, mentre il Paese diventa l’epicentro mondiale del virus con 12 milioni di contagi e 325mila morti. L’appello alle Nazioni Unite: “Aiutateci”
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
Serve una cooperazione mondiale contro i prossimi virus
L’hanno chiesta Tedros, direttore generale dell’OMS, e Michel, presidente del Consiglio UE: finora, alla carta dei diritti e dei doveri hanno aderito 25 Paesi, ma mancano ancora le potenze mondiali
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Il rapporto dell’OMS: il virus non è uscito da un laboratorio
Arriva il documento finale dell’indagine condotta a Wuhan da 17 scienziati occidentali e altrettanti cinesi: poche le certezze e molte più delusioni. La Casa Bianca assai scettica
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
GB, da settembre via alla terza dose di vaccino
Già programmato un “richiamo” che dovrebbe garantire un periodo di immunizzazione ancora maggiore. Da lunedì scattano le prime concessioni di ritorno graduale alla normalità, che proseguiranno spedite
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
In 5.000 ad un concerto, l’esperimento di Barcellona
Un concerto dei “Love of Lesbian” è servito come esperimento: tracciamento e tampone all’ingresso, poi via libera a canti e balli con l’obbligo della mascherina. Se tutto va come nelle speranze, potrebbe aprirsi una nuova stagione
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
GB: decessi al minimo, la curva scende ancora
I primi effetti di una delle migliori campagne vaccinali del mondo si traducono in un calo dei decessi, dei casi e della pressione sui reparti di terapia intensiva del Paese
La terza ondata piega l’Europa
La terza ondata piega l’Europa
È la variante inglese, ormai la più diffusa, a riportare cifre di nuovi casi e decessi perfino più alti di un anno fa. E i Paesi europei si blindano, a cominciare dalla Francia
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Il Brasile sprofonda nella seconda ondata
Una nuova variante accertata ai almeno sei stati travolge gli ospedali, sull’orlo del collasso. Bolsonaro incita a “non fare le femminucce” e le autorità sanitarie si disperano: “è una combinazione devastante”
Chi sta iniziando a riaprire
Chi sta iniziando a riaprire
Il Texas e il Mississippi annunciano il ritorno al 100% delle attività senza più l’obbligo della mascherina. Israele riapre i locali pubblici, ma solo a chi è stato vaccinato