Ora è la Cina a chiudere le porte al mondo

| In un ribaltamento di ruoli che inizia a sfiorare la xenofobia, sono sempre più locali e negozi che vietano l’ingresso ai non cinesi, mentre il governo congela i visti di ingresso nel Paese

+ Miei preferiti
Così come tutti avevano fatto nei loro confronti nei giorni peggiori di Wuhan, adesso sono i cinesi, ormai quasi fuori dal pericolo coronavirus, a chiudersi a doppia mandata nel timore di una seconda ondata di contagi provenienti dall’estero.

In una nota ufficiale, Pechino ha dichiarato che “in relazione della rapida diffusione di Covid-19 in tutto il mondo, la Repubblica Popolare Cinese ha deciso di sospendere temporaneamente l’ingresso di cittadini stranieri in possesso di visti o permessi di soggiorno a partire dal 28 marzo”. A partire da quella data, chiunque abbia necessità improrogabili di entrare nel Paese dovrà richiedere un nuovo visto presso l’ambasciata o il consolato locale.

La decisione di sigillare il Paese agli stranieri è l’ultima di una serie di misure di salvaguardia contro il contagio di ritorno, dopo la conferma più di 500 casi di coronavirus “di importazione” registrati. La città di Pechino ha annunciato che tutti i passeggeri degli arrivi internazionali saranno obbligatoriamente messi in quarantena presso strutture governative designate, e altre città hanno implementato rigorosi obblighi di quarantena domiciliare.

Il numero di nuove infezioni ha subito un forte rallentamento nelle ultime settimane, e mentre Wuhan, la città che prima era l’epicentro dell’epidemia, rimane per buona parte in isolamento, gran parte del resto del Paese sta tornando alla normalità.

In tutta la Cina, si registrano notizie di locali e negozi che vietano l’accesso ai cittadini stranieri, ma sono numerosi anche i casi di uffici e complessi residenziali che impediscono l’ingresso ai non cinesi. Tutto questo malgrado il 90% dei casi importati sia legato a cittadini cinesi di ritorno dall’estero, in particolare alle centinaia di migliaia di studenti costretti a casa dalla chiusura delle università che frequentano in altri Paesi.

Se da un lato la stigmatizzazione degli stranieri in Cina non ha raggiunto il livello di violenza e di razzismo pari a quello vissuto da molti asiatici che vivono in Europa e negli Stati Uniti, dall’altro sembra di assistere ad un aumento dei casi di xenofobia. In una palestra di Pechino molto popolare tra gli “expat”, i dirigenti hanno affisso un cartello che ricorda “agli amici stranieri di non essere più autorizzati ad entrare”. 

Secondo i media statali, circa 900mila stranieri vivono in Cina, ma mentre il governo ha gradualmente reso più facile richiedere la residenza permanente, cercando di attirare talenti e investimenti, il numero di stranieri che ottengono lo status è ancora eccezionalmente basso. Nel 2010, quando è stato effettuato l’ultimo censimento, in Cina c’erano solo 1.448 cittadini stranieri naturalizzati, una nazione di oltre 1,3 miliardi di persone.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi