Putin, il leader impalpabile

| Il presidente russo ha preferito un atteggiamento distaccato al problema pandemia, lasciando agli altri il compiuto di illustrare al Paese le misure più impopolari. Ma crescono i dubbi sulla veridicità dei dati ufficiali

+ Miei preferiti
Vladimir Putin non fa eccezione: anche lui, come tutti i leader del mondo ha fatto i compiti da casa, dimostrando per primo che è una misura necessaria e fondamentale.

Nei giorni scorsi, dalla sua residenza ufficiale fuori Mosca, ha tenuto una videoconferenza con alcuni dei funzionari che guidano la macchina operativa contro la pandemia. Ed è stato un incontro insolitamente cupo. Meno di un mese fa, Putin irradiava fiducia nella risposta che il suo governo aveva saputo dare ad una crisi globale, rassicurando i suoi cittadini che la situazione era “sotto controllo” grazie a misure di intervento precoci ed efficaci. Poche settimane dopo, ha svolto il ruolo di soccorritore internazionale, inviando un carico di forniture mediche all’aeroporto JFK di New York. E ora, non può fare altro che arrendersi all’evidenza di un peggioramento della situazione.

“Abbiamo molti problemi: non dobbiamo abbassare la guardia, perché non abbiamo ancora superato il picco dell’epidemia”. I numeri in effetti parlano da soli: mentre la Russia ha registrato pochi casi rispetto agli Stati Uniti o ai Paesi europei, il numero è aumentato negli ultimi giorni. Lunedì scorso, giorno di pasquetta, si è saliti a +2.558 casi confermati in sole 24 ore. Secondo il sito ufficiale del governo, la Russia ha 21.102 casi, con 170. Circa la metà dei casi registrati nel Paese - 11.513 - si concentrano a Mosca, la città più colpita.

In un recente saggio, Tatiana Stanovaya del “Carnegie Moscow Center” ha commentato che la pandemia ha accentuato la distanza fra Putin e i cittadini russi. “Uno degli argomenti principali oggi è il motivo per cui Putin è quasi impercettibile nella situazione attuale. Si è rivolto al Paese, e molto brevemente, solo due volte, ed una è stato in visita all’ospedale covid di Kommunarka. In compenso non ha mai dato una sua valutazione sulla crisi né ha proposto un piano d'azione: si è limitato a misure sparse e parole generali. Nessun dramma o empatia, solo freddezza”.

Il motivo c’è, sostiene la studiosa: Putin, non vuole essere associato a misure dure o impopolari, lasciando il compito ingrato ai suoi subalterni. Nel caso del coronavirus, l’onere di annunciare alcune delle restrizioni più pesanti è ricaduto su Sergey Sobyanin, il sindaco di Mosca.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, martedì scorso ha sviato le domande su alcuni casi di coronavirus arrivati in Cina dalla Russia, rivelazione che ha sollevato una questione più ampia: l’affidabilità delle statistiche ufficiali russe. Il governo russo afferma di aver effettuato oltre 1,4 milioni di test, ma i medici di Mosca hanno recentemente iniziato a diagnosticare i pazienti come positivi in base alle scansioni polmonari.

Nella sua videoconferenza, Putin ha annunciato che le prossime settimane saranno fondamentali per determinare se la Russia è in grado di appiattire efficacemente la curva e ridurre la diffusione del coronavirus, dicendosi anche pronto a schierare l’esercito, se necessario. Le prossime due o tre settimane potrebbero essere critiche anche perché il Cremlino sta pianificando una data importante: la parata del 9 maggio, il Giorno della Vittoria, una grande celebrazione per celebrare il 75esimo anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale in Europa.

CORONAVIRUS
Vaccino: le aziende svelano
i protocolli di sperimentazione
Vaccino: le aziende svelano<br>i protocolli di sperimentazione
Non era mai accaduto prima, che i colossi farmaceutici rivelassero i protocolli che stanno seguendo per arrivare al vaccino capace di sconfiggere il virus. Secondo le previsioni, non sarà pronto prima della prossima estate
UE, la seconda ondata è qui
UE, la seconda ondata è qui
Per quale motivo nel Vecchio Continente tutto è andato nuovamente male? Colpa delle vacanze, dell’abbassamento della soglia di attenzione e del rifiuto a osservare le norme sanitarie. E ora ne paghiamo le conseguenze
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Regno Unito, lockdown per 10 milioni di persone
Uno dei tanti incubi peggiori di Boris Johnson si sta materializzando in queste ore: in diverse zone del Regno Unito torna il blocco completo
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
Ai Paesi ricchi la metà dei prossimi vaccini
La denuncia dell’ong Oxfam, che svela i contratti faraonici di alcuni Paesi ricchi con più industrie farmaceutiche, per assicurarsi miliardi di dosi quando il vaccino sarà pronto
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
Allarme OMS: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia
L’aumento sancisce il sempre più probabile inizio della temuta seconda ondata: Israele e Giacarta i primi due Paesi a tornare in lockdown
Un dicembre mortale
Un dicembre mortale
Al momento sono solo statistiche, previsioni e modelli matematici, ma non ce n’è uno che non preveda una nuova crescita di contagi e di morti in tutti gli Stati Uniti. Fauci conferma: “Sarà durissima”
Il virus torna alla carica
Il virus torna alla carica
Più di 96mila casi in India nel giro di 24 ore, il Portogallo vara nuove misure restrittive, Stati Uniti e Brasile primi per numero di morti. Per l’OMS serve uno sforzo economico maggiore, o non ne usciremo facilmente
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
Bloccati i test del vaccino dell’Università di Oxford
La fase 3 di sperimentazione, che procedeva speditamente, è stata fermata dopo che un partecipante del Regno Unito ha sviluppato una reazione avversa. Secondo gli esperti si tratta di eventi calcolati e inevitabili
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
L’OMS, vaccinazione di massa non prima del 2021
La portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità detta i tempi, spiegando che diversi vaccini sono in fase di studio avanzato, ma il processo richiede pazienza
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Trump: avremo il vaccino prima delle elezioni
Una lettera inviata alle più grandi città americane chiede di organizzare luoghi ed elenchi per la distribuzione alle fasce più a rischio. Le perplessità di Fauci e della comunità scientifica