Russia, la storia oscura della pandemia

| La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo

+ Miei preferiti
Le braccia di un corpo senza vita pendono da una barella in un ospedale di Ulyanovsk, in Russia, mentre a pochi metri una donna anziana ansima disperata in cerca d’aria: è colonna sonora di uno dei tanti inquietanti video ripresi con cellulari che escono dagli ospedali di tutta la Russia.

“Ecco come sono le nostre notti: orribili - dice una voce maschile che commenta il filmato – oggi sono stati colpiti altri due medici nel reparto: il Covid sta uccidendo tutti piano piano”.

L’agghiacciante video è solo uno dei tanti diffusi dalla rete americana CNN che rivelano condizioni spaventose all’interno di strutture affollate all’inverosimile. Alcuni filmati, consegnati da “Doctor’s Alliance”, un sindacato di medici russi legato all’opposizione - mostrano obitori pieni di cadaveri nudi ammucchiati uno sopra l’altro su pavimenti sporchi, in scene che sembrano riprese in zone di guerra più che negli ospedali.

Mentre la Russia lotta per tenere sotto controllo la pandemia, i video sono uno dei tanti segnali che indicano un effettivo numero di vittime molto più alto di quanto ammettano le cifre ufficiali diffuse dal Cremlino: 33.000 morti, ma nessuno crede che siano numeri reali.

“Sono convinto che la cifra sia vicina a 130.000 vittime”, confida Alexey Raksha, ex specialista in statistica del governo che ha basato le sue stime utilizzando i dati dei registri locali. Secondo l’agenzia di statistica russa “Rossstat”, tra aprile e settembre la cifra ufficiale della mortalità in Russia è stata di circa 117.000 decessi in più rispetto all’anno scorso e il numero ufficiale di morti per Covid del periodo è di circa 21.000 persone. Non sono ancora disponibili i dati per ottobre e novembre, ma a giudicare dai conteggi ufficiali, la diffusione della pandemia ha subito una rapida accelerazione.

Alexey Raksha si è polemicamente dimesso dalla Rosstat nel luglio scorso, dopo aver svelato il metodo utilizzato dall’agenzia per conteggiare le morti legate alla pandemia. L’agenzia utilizza un sistema di classificazione a quattro livelli: primo, quando il paziente risulta positivo al Covid-19 prima della morte, secondo, quando si presume che il Covid-19 sia la causa principale della morte, ma dovrebbe essere confermata dall’autopsia o da ulteriori esami, terzo, quando il virus ha contribuito alla morte, e quarto e ultimo, quando il Covid-19 è confermato, ma non è considerato un elemento decisivo per la morte. “Solo il primo livello, quando il paziente è risultato positivo al coronavirus prima di morire, viene registrato come morte per Covid-19. I decessi di tutti gli altri tre livelli sono lasciati fuori dalle statistiche ufficiali”.

Un metodo di conteggio che differisce dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui tutti i decessi in qualche modo collegati al Covid-19 devono essere conteggiati, a meno che non ci sia “una chiara causa alternativa che non possa essere collegata alla malattia”.

Lo scorso agosto, annunciato con grande enfasi, la Russia è diventato il primo Paese al mondo a registrare un vaccino contro il coronavirus, lo “Sputnik V”, lanciato ancora prima che iniziasse la sperimentazione della Fase 3. Quel vaccino, che ha incontrato lo scetticismo degli scienziati esterni, non è stato ancora somministrato a nessuno.

Alla CNN è stato anche concesso l’accesso a un ospedale Covid temporaneo di Mosca con 1.300 posti letto allestiti in quello che un tempo era lo stadio destinato ai campionati mondiali di pattinaggio su ghiaccio. “La crisi è complicata ma gestibile - assicura Andrey Shkoda, il medico a capo della struttura - qui abbiamo tutte le attrezzature diagnostiche necessarie, ultrasuoni, anestesia e ventilatori. Ma non è così ovunque”.

Il mese scorso il governo russo ha ammesso una crescente pressione sulle sue strutture ospedaliere: il vice primo ministro Tatyana Golikova ha dichiarato che i posti letto ospedalieri di cinque delle regioni più colpite erano oltre il 95% della capacità. Ma è stata l’unica ammissione di una situazione che si fa sempre più drammatica.

CORONAVIRUS
THE WUHAN PAPERS
THE WUHAN PAPERS
Nella più importante fuga di notizie dall’inizio della pandemia, 117 pagine di documenti dimostrano l’inefficienza, le carenze, la cattiva gestione e gli insabbiamenti della Cina nelle prime fasi del Covid-19
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown