Texas, 85 neonati positivi al test

| Il numero più alto mai registrato di bambini contagiati ha messo in allarme le autorità della contea di Corpus Christi-Nueces. Altre due contee texane stanno facendo incetta di camion frigoriferi

+ Miei preferiti
È la conferma di una pessima notizia, quella che arriva da Annette Rodriguez, direttrice della sanità pubblica della contea di Corpus Christi-Nueces, in Texas, dove 85 bambini di età inferiore ad un anno sono risultati positivi al test del coronavirus. Una notizia che ha gettato nel panico i funzionari sanitari locali, che chiedono il massimo aiuto possibile ai residenti per fermare la diffusione: mascherine sul volto al chiuso come all’aperto e misure di distanziamento sociale fino a nuovo ordine. Nella contea, il numero di nuovi casi è salito alle stelle agli inizi di luglio, dopo una tendenza all’appiattimento che faceva ben sperare.

La Rodriguez, che ha lanciato l’appello alla popolazione, non ha fornito ulteriori dettagli sulle condizioni dei bambini, ricordando però che proprio di Corpus Christi-Nueces “mostra indici di crescita di nuovi casi inferiori alla media di altre contee dello stato, ma questo non deve tranquillizzarci”. Attualmente, la città di Corpus Christi, conta circa 8.100 casi di coronavirus e 82 decessi su 334mila abitanti, mentre in altre contee come Cameron e Hidalgo la situazione è ben peggiore, con i funzionari sanitari costretti a fare scorta di camion refrigerati per conservare i corpi gli obitori si riempiono.

In una lettera inviata al governatore Greg Abbot, i rappresentanti dello stato Sheila Jackson Lee e Joaquin Castro hanno affermato che alle autorità locali dovrebbe essere concessa la possibilità di emettere l’ordine di lockdown per contenere i casi. “Il Texas è finito fuori controllo per via di riaperture troppo frettolose, per di più prese ignorando totalmente le linee guida sanitarie nazionali, pertanto vanno messe in atto misure immediate per fermare i contagi. È necessario fornire alle contee e alle città l’autorità necessaria per fare ciò che è nel migliore interesse delle loro comunità”.

CORONAVIRUS
Sputnik V, il vaccino di Putin
Sputnik V, il vaccino di Putin
Fra le perplessità della comunità scientifica, il presidente russo annuncia il primo vaccino contro il Covid-19, testato perfino su sua figlia. Da 20 Paesi l’ordine per oltre un miliardo di dosi
20 milioni di casi al mondo
20 milioni di casi al mondo
La pandemia non si arresta: focolai preoccupanti in Europa, con gli Stati Uniti e il Brasile incapaci di uscire dall’emergenza
Nuova Zelanda, il paese Covid-free
Nuova Zelanda, il paese Covid-free
Da 100 giorni non si registrano nuovi casi: la politica di prevenzione della premier Ardern premiata con un balzo della popolarità
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
USA: 18 medici contagiati dopo una festa
È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime