Trump: dati troppo nefasti, l’America ripartirà presto

| Medici, analisti ed esperti ammoniscono: allentare le misure prima del previsto potrebbe essere devastante, per la salute degli americani e per la stessa economia americana

+ Miei preferiti
Le previsioni di Donald Trump secondo cui la vittoria sul coronavirus è vicina diventano ogni ora meno credibili. “La luce alla fine del tunnel” immaginata per Pasqua - a meno di tre settimane – è smentito seccamente dai numeri dei contagi che aumentano in modo vertiginoso.

È facile per chiunque sperare che il desiderio del Presidente si avveri, salvando un’economia che probabilmente ha già perso milioni di posti di lavoro lasciando molti americani a chiedersi per quanto tempo potranno sopravvivere senza soldi. Ma Trump ha anche precise motivazioni politiche: ha bisogno di un rapido rimbalzo, perché la lunga striscia vincente dell’economia ha rappresentato il miglior argomento per sperare nella rielezione.

I messaggi positivi del presidente sono arrivati quando un numero maggiore di governatori ha imposto ai propri cittadini la permanenza a casa. Il newyorkese Andrew Cuomo ha paragonato il virus a un “treno ad alta velocità” e avvertito che ci sarebbero stati altri morti: la città potrebbe raggiungere l’apice in un tempo previsto fra 14 e 21 giorni.

Gli operatori sanitari parlano in termini sempre più allarmanti della situazione negli ospedali del Paese: la Louisiana ha avvisato la Casa Bianca che la capacità di assistenza sanitaria di New Orleans sarà sopraffatta nel giro di una settimana. Anche nell’ottimistico briefing di Trump alla Casa Bianca, i suoi stessi funzionari hanno detto a chiunque fosse stato di recente a New York di mettersi immediatamente in quarantena. E l’Organizzazione mondiale della sanità avverte che gli Stati Uniti sono sulla buona strada per seguire l’Italia e la Cina come prossimo epicentro di Covid-19.

Anche i numeri sono sconcertanti. I casi sono raddoppiati in due giorni salendo a quasi 53mila, con più di 700 morti. Parte del numero crescente può essere il riflesso di un’operazione di test intensificata, ma indica anche che il virus è molto più diffuso di quanto si pensasse.

I funzionari sanitari cercano disperatamente di controllare la diffusione del virus per alleviare l’attesa ondata di infezioni che potrebbe travolgere il sistema ospedaliero e causare la morte di migliaia di persone. In un potente e disperato briefing di lunedì mattina, Cuomo ha accusato il governo per non aver risposto alla richiesta di 30mila respiratori.

“Non abbiamo appiattito la curva, che sta aumentando - ha detto Cuomo - New York è ‘canarino nella miniera di carbone’ che avverte di ciò che succederà nel resto del paese”. Commenti che sono i veri motivi per cui le previsioni di Trump appaiono premature e fuori luogo.

“Potranno esserci raggi di sole nei mesi a venire, ma in questo momento ci sono soltanto nuvole scure”, ha commentato il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti.

“Mi piacerebbe molto che il Paese si aprisse e si preparasse alla Pasqua, le parole di Trump prima di paragonare il virus con l’influenza e le vittime molto meno degli incidenti stradali. Un medico newyorkese, la dottoressa Dara Kass, che si sta riprendendo dal contagio, ha raccontato della CNN che le parole del Presidente l’hanno spaventata: “Non c’è nessun rimedio magico, e non ci sarà nessuna correzione dell’economia se prima non affrontiamo questo problema enorme”.

Un’altra critica all’approccio impaziente di Trump è che se le restrizioni alla circolazione saranno tolte troppo presto, le infezioni potrebbero tornare a salire causando danni economici a lunghissimo termine. 

Ci sono segnali crescenti che indicano che Trump sta seguendo una strategia volta a proteggerlo politicamente dalle conseguenze della pandemia. Si presenta nella press room della Casa Bianca ogni sera per dare le notizie più positive della giornata, apparendo spesso troppo ottimista sulle potenzialità di alcune terapie ancora da provare o ripetendo annunci precedenti, come l’invio di navi ospedaliere a Los Angeles e New York.

CORONAVIRUS
New York: voci da un pronto soccorso
New York: voci da un pronto soccorso
Le drammatiche testimonianze dei medici dell’University Hospital di Brooklyn raccolte da due giornalisti della CNN: “Preparatevi: è peggiore di qualsiasi incubo abbiate mai avuto”
Non è un virus (solo) per vecchi
Non è un virus (solo) per vecchi
La storia di Ben Luderer, sportivo di 30 anni, morto all’improvviso di coronavirus. Per gli scienziati è uno dei tanti casi del mistero legato al virus, capace di dare sintomi lievi ma anche di uccidere senza pietà
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
Taiwan, dove tutto è sotto controllo
L’esperienza della Sars, che nel 2003 ha colpito duro, e la mancanza di annessione all’OMS, ha costretto il Paese asiatico ad agire da solo, creando una delle migliori risposte alla pandemia di tutto il mondo
GB: cresce il numero di «covidiot»
GB: cresce il numero di «covidiot»
Migliaia di persone fermate nei parchi della Gran Bretagna perché prendevano il sole, approfittando delle temperature calde. Per loro, gli inglesi hanno coniato un nuovo termine, che va bene anche per l’Italia
Nessuno parla più di Brexit
Nessuno parla più di Brexit
Da Downing Street ripetono che nulla cambia: il Regno Unito uscirà dalla UE nel dicembre di quest’anno. Ma non dicono che il Paese continua a importare migliaia di tonnellate di merci, comprese forniture mediche e ospedaliere
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Il dramma dell’Ecuador: i morti per le strade
Malgrado le autorità insistono su un numero di decessi molto basso, sono centinaia i corpi abbandonati per le strade dalle famiglie. Una situazione che va ben oltre la peggiore immaginazione
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
India, la paura di essere la pagina successiva della pandemia
I primi casi individuati nelle enormi e popolate baraccopoli di Mumbai hanno alzato il livello di timori delle autorità sanitarie: “Agire subito, o non saremo mai in grado di sopportare quello che sta succedendo in Europa e America”
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
GB: infermiere muore, la famiglia denuncia: «È colpa del governo»
La denuncia della figlia di Thomas Harvey, infermiere che malgrado i sintomi e i diversi tentativi di farlo ricoverare, è stato costretto a casa, dove è morto per arresto cardiaco
La molte verità della pandemia
La molte verità della pandemia
Terminata la fase critica, secondo gli esperti non sarà così immediato il ritorno alla normalità per quanto riguarda i viaggi. Le responsabilità dell’inquinamento nel propagarsi del contagio. Qual è il vero numero dei morti in Cina?
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Il virus si diffonde anche parlando o respirando
Gli esperti di tutto il mondo concordano: non sono i colpi di tosse o gli starnuti i veicoli del virus, sono sufficienti le microgocce involontarie emesse quando si parla. Particelle che restano sospese in aria per ore