Trump si arrende alla scienza

| Abbandonati toni sarcastici e date improbabili, il presidente ha scelto di dare retta alle fosche previsioni del suo super consigliere Anthony Fauci, che parla di 100-200mila morti, nella migliore delle ipotesi

+ Miei preferiti
Per i media americani, finalmente Trump si è arreso di fronte a qualcosa che incredibilmente considera più grande di lui: la scienza. Questa volta, le parole di Anthony Fauci, capo dell’istituto per le malattie infettive, non si prestano ad interpretazioni: “Temiamo fra i 100 ed i 200mila morti”, ha detto il massimo esperto americano in un’intervista alla CNN, ridimensionando in parte le cifre apocalittiche che parlavano di un milione come “inattendibili. O meglio, non impossibili ma molto, molto improbabili”. In America, i numeri attuali sono da allarme puro: 121mila casi e 2010 morti.

E poche ore fa, nel briefing con la task force Covid-19, Trump ha messo da parte i toni trionfalistici e sprezzanti di chi voleva “tutto risolto entro Pasqua” e paragonava la pandemia ad una “semplice influenza”, ammettendo che se gli Stati Uniti riusciranno a restare sotto la soglia delle 100mila vittime sarà “prezzo devastante e orribile, ma comunque un ottimo lavoro”. Il confine con la ripresa della normalità, dalla metà di aprile slitta deciso agli inizi di giugno, quando senza averne alcuna certezza il presidente assicura che l’America sarà pronta a ripartire. “Il picco dei decessi si avrà fra un paio di settimane, per questo prolunghiamo fino al 30 aprile le linee guida sul distanziamento sociale”.

CORONAVIRUS
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
Casi in aumento in Asia, ma nessun timore
In Cina, Corea del Sud e Hong Kong si segnalano nuovi casi, ma la situazione è così sotto controllo che è difficile sfugga. Al contrario di Europa e Stati Uniti, dove secondo gli esperti una terza ondata è assai probabile
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
New York, 700 cadaveri nei camion frigorifero
Sono fermi dallo scorso aprile: di 230 non si riesce a rintracciare nessun parente prossimo, per tutti gli altri le famiglie non sono in grado di pagare una sepoltura
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Vaccini: è iniziata la corsa al ghiaccio secco
Ne serviranno quantità enormi per trasportare in tutto il mondo le dosi necessarie a vaccinare le popolazioni. Un’operazione che dovrà affrontare enormi difficoltà nelle zone più povere e dimenticate del mondo
Russia, la storia oscura della pandemia
Russia, la storia oscura della pandemia
La situazione nel Paese sembra ben più grave e allarmante di quella che gli organi ufficiali raccontano, a cominciare dalle cifre delle vittime, falsate da un metodo di conteggio del tutto anomalo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Il primo test per il Covid africano, il più economico al mondo
Sviluppato dall’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal, è simile ai test dell’insulina: basta una goccia di sangue su una striscia di reagente. Sarà venduto a un dollaro e distribuito in modo massiccio in tutto il continente africano
La coppia che salverà il mondo
La coppia che salverà il mondo
Dietro la clamorosa notizia del vaccino c’è l’impegno di una coppia di biologi tedeschi, entrambi figli di immigrati turchi e oggi a capo della “BioNTech”, azienda che ha collaborato nella ricerca con il colosso “Pfizer”
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Johnson: lockdown in tutta l’Inghilterra
Il provvedimento, che non riguarda l’intero Regno Unito, aggiunge il Paese al lungo elenco di misure adottate dai vicini europei. Più di 250 milioni di persone nella UE sono già bloccate a casa
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
200 giorni senza un contagio, il caso Taiwan
L’ultimo accertato risale alla domenica di Pasqua. Merito di una risposta veloce e di una ferrea e accuratissima strategia di tracciamento dei contatti
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Il Covid, compagno di strada anche nel 2021
Un noto e influente epidemiologo giapponese toglie il velo alle speranze che i primi vaccini possano essere risolutivi: “Dobbiamo imparare a convivere con il virus per molto tempo”
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Il caso Irlanda, lezione di tempestività
Alle prime avvisaglie di aumento dei casi, le autorità irlandesi non hanno esitato a far scattare un mini lockdown