Trump si arrende alla scienza

| Abbandonati toni sarcastici e date improbabili, il presidente ha scelto di dare retta alle fosche previsioni del suo super consigliere Anthony Fauci, che parla di 100-200mila morti, nella migliore delle ipotesi

+ Miei preferiti
Per i media americani, finalmente Trump si è arreso di fronte a qualcosa che incredibilmente considera più grande di lui: la scienza. Questa volta, le parole di Anthony Fauci, capo dell’istituto per le malattie infettive, non si prestano ad interpretazioni: “Temiamo fra i 100 ed i 200mila morti”, ha detto il massimo esperto americano in un’intervista alla CNN, ridimensionando in parte le cifre apocalittiche che parlavano di un milione come “inattendibili. O meglio, non impossibili ma molto, molto improbabili”. In America, i numeri attuali sono da allarme puro: 121mila casi e 2010 morti.

E poche ore fa, nel briefing con la task force Covid-19, Trump ha messo da parte i toni trionfalistici e sprezzanti di chi voleva “tutto risolto entro Pasqua” e paragonava la pandemia ad una “semplice influenza”, ammettendo che se gli Stati Uniti riusciranno a restare sotto la soglia delle 100mila vittime sarà “prezzo devastante e orribile, ma comunque un ottimo lavoro”. Il confine con la ripresa della normalità, dalla metà di aprile slitta deciso agli inizi di giugno, quando senza averne alcuna certezza il presidente assicura che l’America sarà pronta a ripartire. “Il picco dei decessi si avrà fra un paio di settimane, per questo prolunghiamo fino al 30 aprile le linee guida sul distanziamento sociale”.

CORONAVIRUS
Chi sta iniziando a riaprire
Chi sta iniziando a riaprire
Il Texas e il Mississippi annunciano il ritorno al 100% delle attività senza più l’obbligo della mascherina. Israele riapre i locali pubblici, ma solo a chi è stato vaccinato
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Repubblica Ceca, dove la pandemia è un disastro
Una serie di passi falsi, di decisioni sbagliate prese in vista delle elezioni, di riluttanza e lentezza, hanno trascinato il Paese europeo in una situazione di enorme gravità
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Giappone, il Paese più in ritardo al mondo nei vaccini
Malgrado l’avvicinarsi delle Olimpiadi, finora sarebbero state inoculate solo 18mila dosi. Il problema risale a due casi di diversi anni fa, che da allora hanno minato la fiducia dei giapponesi nei vaccini
Israele allenta le restrizioni
Israele allenta le restrizioni
Dopo ulteriori analisi hanno accertato che il vaccino Pfizer è efficace al 95,8% contro le forme più gravi del virus, Israele inizia ad assaporare un graduale ma confortante ritorno alla normalità
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
GB, polemiche per la quarantena a pagamento
Chi arriva dai Paesi inseriti nella “red list” sarà obbligato a due settimane di soggiorno in albergo, con 2 tamponi e controlli ferrei, spendendo di tasca propria 2.000 euro circa
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
Il team dell’OMS: 12 ceppi di virus prima di dicembre 2019
È il primo, fondamentale risultato della missione scientifica a Wuhan: i casi non erano concentrati in focolai, ma sparsi in tutta la regione. Attesa per una seconda missione, che vorrebbe avere accesso a 200mila campioni di sangue
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
I problemi del vaccino AstraZeneca preoccupano il mondo
È il più economico e facile da trasportare, quello su cui l’OMS puntava per distribuirlo in modo massiccio ai paesi poveri. Ma uno studio sembra confermare la scarsa copertura contro le nuove varianti del virus
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Spagna, gli ascensori Covid-killer
Il virus si era annidato nei due ascensori di un condominio di Bilbao: 5 morti e 33 persone contagiate
La carica dei vaccini
La carica dei vaccini
Guida ragionata gli immunizzanti in arrivo: visto nel suo complesso, l’enorme sforzo medico, biologico e produttivo dovrebbe raggiungere il pieno verso fine anno
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Dubai, l’equilibrio fra salute ed economia?
Il Paese ha riaperto al turismo attirando migliaia di europei, ma i casi di Covid sono in aumento. Eppure, le autorità non hanno intenzione di chiudere, cercando di raggiungere un difficile compromesso