Trump si arrende alla scienza

| Abbandonati toni sarcastici e date improbabili, il presidente ha scelto di dare retta alle fosche previsioni del suo super consigliere Anthony Fauci, che parla di 100-200mila morti, nella migliore delle ipotesi

+ Miei preferiti
Per i media americani, finalmente Trump si è arreso di fronte a qualcosa che incredibilmente considera più grande di lui: la scienza. Questa volta, le parole di Anthony Fauci, capo dell’istituto per le malattie infettive, non si prestano ad interpretazioni: “Temiamo fra i 100 ed i 200mila morti”, ha detto il massimo esperto americano in un’intervista alla CNN, ridimensionando in parte le cifre apocalittiche che parlavano di un milione come “inattendibili. O meglio, non impossibili ma molto, molto improbabili”. In America, i numeri attuali sono da allarme puro: 121mila casi e 2010 morti.

E poche ore fa, nel briefing con la task force Covid-19, Trump ha messo da parte i toni trionfalistici e sprezzanti di chi voleva “tutto risolto entro Pasqua” e paragonava la pandemia ad una “semplice influenza”, ammettendo che se gli Stati Uniti riusciranno a restare sotto la soglia delle 100mila vittime sarà “prezzo devastante e orribile, ma comunque un ottimo lavoro”. Il confine con la ripresa della normalità, dalla metà di aprile slitta deciso agli inizi di giugno, quando senza averne alcuna certezza il presidente assicura che l’America sarà pronta a ripartire. “Il picco dei decessi si avrà fra un paio di settimane, per questo prolunghiamo fino al 30 aprile le linee guida sul distanziamento sociale”.

CORONAVIRUS
Il virus è nato in laboratorio
Il virus è nato in laboratorio
È la clamorosa conclusione a cui sono giunti due scienziati, uno inglese e l’altro norvegese. In un dossier affermano di aver trovato le prove di una manipolazione genetica che nascondesse l’origine artificiale
Le conseguenze politiche del Covid
Le conseguenze politiche del Covid
Biden ordina agli 007 di stabilire le origini del coronavirus. Ne va della sua autorevolezza, ma se si scoprisse che è sfuggito da un laboratorio darebbe nuovo fiato alle teorie di Trump. A rimetterci sarà la credibilità dell’OMS
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Un rapporto dell’intelligence americana getta nuovi dubbi sull’origine del virus
Alcuni dipendenti del laboratorio di Wuhan avrebbero sviluppato nel novembre 2019 sintomi di una misteriosa malattia che li ha costretti al ricovero
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Il virus è uscito dal laboratorio di Wuhan?
Un nuovo articolo, firmato da una ventina di esperti mondiali in virologia, non esclude la possibilità che la pandemia sia la conseguenza di un incidente
Covid-19, il caso delle Seychelles
Covid-19, il caso delle Seychelles
Malgrado oltre il 60% della popolazione sia stato vaccinato, nell’arcipelago le infezioni sono in aumento. Per gli esperti non è un’anomalia, perché casi gravi e decessi sono scomparsi. Ma è necessario non abbassare la guardia
L’Asia epicentro mondiale del virus
L’Asia epicentro mondiale del virus
Non c’è solo l’India, dove la situazione peggiora di giorno in giorno: anche diversi Paesi asiatici si ritrovano a fronteggiare un’ondata di casi che fa temere conseguenze disastrose per via dei fragili sistemi sanitari
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Il mondo affronta la peggiore crisi dall’inizio della pandemia
Non doveva essere così: fin dall’inizio, l’OMS ha ammonito di pensare non solo a sé stessi ma anche ai Paesi più poveri, dove il virus può annidarsi, mutare e sopravvivere ancora. Ma quasi nessuno l’ha ascoltato
La pillola per curare il covid a casa
La pillola per curare il covid a casa
L’ha annunciato la “Pfizer”, che avrebbe allo studio una cura domestica da assumere all’insorgere dei primi sintomi. È un farmaco “inibitore della proteasi”: blocca l’enzima che permette al virus di svilupparsi
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Ottimi risultati per il concerto sperimentale anti-covid
Diffusi i risultati degli accertamenti medici: solo 6 positivi, ma 4 sono stati infettati non quella sera. Una speranza concreta sulla strada della riapertura dei grandi eventi
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Origine del Covid: scienza VS intelligence
Per la comunità scientifica è sempre più probabile che il virus sia passato all’uomo da un animale. Per gli analisti, al contrario, non c’è alcuna prova che scagioni i laboratori cinesi