Trump si arrende alla scienza

| Abbandonati toni sarcastici e date improbabili, il presidente ha scelto di dare retta alle fosche previsioni del suo super consigliere Anthony Fauci, che parla di 100-200mila morti, nella migliore delle ipotesi

+ Miei preferiti
Per i media americani, finalmente Trump si è arreso di fronte a qualcosa che incredibilmente considera più grande di lui: la scienza. Questa volta, le parole di Anthony Fauci, capo dell’istituto per le malattie infettive, non si prestano ad interpretazioni: “Temiamo fra i 100 ed i 200mila morti”, ha detto il massimo esperto americano in un’intervista alla CNN, ridimensionando in parte le cifre apocalittiche che parlavano di un milione come “inattendibili. O meglio, non impossibili ma molto, molto improbabili”. In America, i numeri attuali sono da allarme puro: 121mila casi e 2010 morti.

E poche ore fa, nel briefing con la task force Covid-19, Trump ha messo da parte i toni trionfalistici e sprezzanti di chi voleva “tutto risolto entro Pasqua” e paragonava la pandemia ad una “semplice influenza”, ammettendo che se gli Stati Uniti riusciranno a restare sotto la soglia delle 100mila vittime sarà “prezzo devastante e orribile, ma comunque un ottimo lavoro”. Il confine con la ripresa della normalità, dalla metà di aprile slitta deciso agli inizi di giugno, quando senza averne alcuna certezza il presidente assicura che l’America sarà pronta a ripartire. “Il picco dei decessi si avrà fra un paio di settimane, per questo prolunghiamo fino al 30 aprile le linee guida sul distanziamento sociale”.

CORONAVIRUS
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
L’OMS: «Non siamo ancora al picco»
In un solo weekend raggiunti i 400mila casi a livello globale, quanti registrati in precedenza in 12 settimane. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ammette: “Non è ancora finita”
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
GB, il ritorno nei pub e le prime conseguenze
Dopo il Super Saturday di riapertura, diversi locali costretti a chiudere per via di clienti risultati positivi al test
USA: il virus non molla
USA: il virus non molla
Basta un allentamento delle misure di contenimento perché il numero di casi schizzi alle stelle con migliaia di nuovi infetti. Ed è solo la prima ondata
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Australia, torna il lockdown per 6,6 milioni di persone
Lo stato di Victoria sta per blindare i propri confini dopo un aumento di casi che fa temere l'inizio della seconda ondata
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Il lockdown ha salvato milioni di persone
Lo dice uno studio statistico realizzato da alcuni scienziati, che hanno confrontato le risposte sanitarie di alcuni fra i Paesi più colpiti dal virus: chi ha atteso i numeri bassi e chi invece ha fatto tutto troppo in fretta
Il virus è più aggressivo ma meno letale
Il virus è più aggressivo ma meno letale
I risultati d uno studio hanno individuato una nuova variante del Covid-19 da 3 a 9 volte più infettiva, ma meno letale di poche settimane fa
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni