Uno studio fissa la fine del Covid-19

| Secondo un modello matematico messo a punto da un grippo di scienziati di Singapore, l’Italia sarebbe fuori dall’incubo il prossimo 24 ottobre. Ma poi precisano: si tratta di ipotesi

+ Miei preferiti
Anche se serve ancora un po’ di pazienza potrebbe andare bene comunque, la previsione sulla fine definitiva dell’emergenza coronavirus ipotizzata dall’University of Technology and Design di Singapore. Un team di esperti ha creato un modello matematico piuttosto complesso che traccia la traiettoria della diffusione del virus nel tempo, incrociato con quello dell’insorgere di nuovi casi. E i risultati sono molto più di una semplice speranza, perché per cominciare – stando ai risultati - si potrebbe escludere la tanto temuta seconda ondata, mentre la seconda individua nel 24 ottobre la data di fine dell’incubo per l’Italia: prima di noi il Regno Unito, 30 settembre, mentre è spostata all’11 novembre la prima alba senza virus degli Stati Uniti.

Ma la postilla finale può comunque raffreddare un po’ gli entusiasmi: gli scienziati precisano che per quanto accurate siano, le previsioni restano incerte per loro stessa natura, e in questo caso entrano in gioco diverse variabili non ipotizzabili, come ad esempio l’arrivo di un vaccino.

Galleria fotografica
Uno studio fissa la fine del Covid-19 - immagine 1
CORONAVIRUS
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
La bomba del Medioriente: virus, guerre e carestie
Il numero dei contagi è sottostimato, ma alle conseguenze di una pandemia inarrestabile si aggiungono crisi economiche e conflitti che stanno riducendo alla fame intere popolazioni
Australia, un focolaio nato da un accendino
Australia, un focolaio nato da un accendino
Diversi dipendenti di un hotel sarebbero stati contagiati scambiandosi un semplice accendino. Preoccupazione nel paese per l’aumento dei casi
Brasile, la pandemia inarrestabile
Brasile, la pandemia inarrestabile
Il paese guida il Sudamerica per casi accertati e morti, puntando sempre più il dito verso le idee negazioniste del presidente Bolsonaro
USA: la pandemia è un disastro totale
USA: la pandemia è un disastro totale
Scelte e decisioni sbagliate, fretta nel riaprire e pressioni di Trump hanno riacceso l’allarme nei 50 stati: i casi sono in aumento e secondo gli esperti i contagiati sarebbero ormai oltre 24 milioni
La lezione di Djokovic al mondo
La lezione di Djokovic al mondo
L’Adria Tour di Tennis, il torneo benefico voluto dal campione serbo, si è trasformato in un nuovo focolaio. Un monito per i paesi che continuano ad allentare le restrizioni, e assistono ad aumento dei casi di infezione
Un nemico formidabile
Un nemico formidabile
Una mutazione scoperta di recente spiega perché il virus continua a mietere vittime e a preoccupare: sconfiggerlo non sarà una battaglia semplice e soprattutto breve
Il virus sta mutando (in meglio)
Il virus sta mutando (in meglio)
Nel più classico stile di comportamento, il Covid-19 si starebbe adattando all’ospite umano depotenziandosi, quindi senza ucciderlo. Le conclusioni di uno studio scientifico
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Mezzo mondo ancora ostaggio del virus
Se nei paesi più colpiti il Covid-19 ha allentato la sua morsa di morti e contagi, ma in Sud America, Medio Oriente e Africa i dati sono ancora in crescita, e il picco è ancora lontano
I giorni del silenzio
I giorni del silenzio
Sono quelli in cui la Cina ha taciuto sull'epidemia che ormai era in corso. Un’inchiesta dell’agenzia americana AP scagiona l'OMS e svela le colpe di Pechino, che avrebbe potuto evitare migliaia di morti
Sudamerica, prossima tappa del virus
Sudamerica, prossima tappa del virus
Le scelte politiche e una povertà diffusa ostacolano la risposta di Covid-19 in America Latina. Molti i Paesi che fanno di testa propria, con contagi in forte aumento. Il caso diverso del Costa Rica