USA: 18 medici contagiati dopo una festa

| È accaduto alla University of Florida Health, e secondo gli esperti è una leggerezza che dimostra la scarsa attenzione degli americani verso i pericoli del coronavirus

+ Miei preferiti
Per essere medici e infermieri, e per di più residenti in Florida, stato americano alle prese con numeri altissimi di contagi, è stata una leggerezza imperdonabile. Eppure, 18 fra anestesisti rianimatori della University of Florida Health, e medici sono risultati positivi al coronavirus dopo aver partecipato ad una festa riservata al personale sanitario.

L’episodio, sottolineano i media, sottolinea ancora una volta la leggerezza con cui gli americani continuano ad affrontare la pandemia, prendendo parte a feste e raduni senza preoccuparsi di distanze di sicurezza, malgrado le incessanti raccomandazioni delle autorità sanitarie.

Forte l’imbarazzo della UF Health, che attraverso il portavoce Fridl Ross è stata costretta prendere le distanze dall’accaduto: “Insegniamo al personale medico e ai nostri studenti le migliori pratiche per prevenire la diffusione del Covid-19, sia mentre sono in servizio che fuori”.

CORONAVIRUS
Europa, crescono i casi
Europa, crescono i casi
Si teme l’inizio della “seconda ondata”, con 5.760 nuovi casi registrati nel vecchio continente. La situazione più preoccupante in Spagna, ma la soglia di attenzione è alta anche in Italia, Germania, Francia, Grecia e Finlandia
GB, la risposta al virus si complica
GB, la risposta al virus si complica
Scelte cervellotiche, indecisioni e incongruenze: il governo Johnson accusato di avventatezza dai tre Paesi che compongono il Regno Unito
«In America è l’inizio di una nuova fase»
«In America è l’inizio di una nuova fase»
La dottoressa Deborah Birx ammonisce: nessuno può sentirsi al sicuro, anche se vive in campagna. Preoccupano i nuovi focolai, improvvisi e violentissimi, e soprattutto previsioni che parlano di 330 mila morti entro la fine dell’anno
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
Australia: lo stato di Victoria torna in lockdown
L’impennata dei casi ha fatto scattare un periodo di blocco di almeno sei settimane. In vigore il coprifuoco dalle 20 alle 5 del mattino
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
USA: 150mila morti, e non è ancora finita
Anche se il numero di casi a livello nazionale è in leggera flessione, gli esperti invitano a non farsi illusioni: senza reazioni forti e decise il numero di morti aumenterà ancora
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Vietnam: 80mila turisti evacuati dopo 3 casi confermati
Da alcuni considerato perfino esagerato, il Paese asiatico reagisce con straordinaria celerità temendo il peggio. Un atteggiamento che ha permesso di contenere numero di contagi e vittime
L’Europa teme la seconda ondata
L’Europa teme la seconda ondata
Si alza l’allarme in Francia e Germania, con il numero di casi quotidiani in aumento. Preoccupazione dell’OMS, che invita a tenersi pronti per eventuali lockdown
La Cina in aiuto del Sudamerica
La Cina in aiuto del Sudamerica
Pechino offre un prestito di un miliardo di dollari ai paesi dell’America Latina e ai Caraibi per l’accesso al vaccino Covid-19
America: tutto da rifare
America: tutto da rifare
In una lettera aperta inviata alla classe politica, oltre 150 personalità americane chiedono il ritorno del lockdown per ricominciare da capo nella lotta al Covid
Trump: “Il mondo ci invidia”
Trump: “Il mondo ci invidia”
Secondo il presidente i dati ufficiali sono “fuorvianti” perché “nessun Paese ha fatto tanto per combattere la pandemia”. Alla fine sibila: “Se a novembre dovessi perdere non so se lo accetterei”